18 May 2022

Sì al bonus psicologo: stanziati 10 milioni di euro

Nonostante il bonus psicologo fosse stato escluso dal bilancio per il 2022, ieri notte è stato approvato il contributo dalle commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera con un emendamento inserito all’interno del decreto legge Milleproroghe.

Saranno disponibili fino a 600 euro a persona con uno stanziamento di 10 milioni di euro che potrebbero essere utilizzati da circa una platea di 16mila persone, anche se purtroppo questo provvedimento avrà validità solo fino all’esaurimento del fondo, il che non può garantire il giusto accesso alla sanità mentale per tutti.

Certo, va detto che rispetto allo 0 assoluto che si paventava, 10 milioni di euro sono una manna dal cielo per tutti coloro che non si possono permettere di sostenere una spesa oggigiorno fondamentale.

Il Covid ha colpito le fasce più giovani

Le conseguenze del Covid sulla salute mentale sono chiare: aumenta il disagio dovuto alla reclusione, all’incertezza sul futuro, al mancato contatto con altre persone. L’ansia, la depressione, lo stress, i disturbi del sonno e disturbi alimentari sono realtà in peggioramento da 2 anni a questa parte e l’inziale rifiuto di inserire un aiuto psicologico nel bilancio di quest’anno è stato accolto con parecchie recriminazioni e un malcontento generale, soprattutto dalle fasce più giovani, non solo sono coloro che soffrono maggiormente, ma sono anche i principali sostenitore della terapia.

Chi ne ha diritto

Per accedere è necessario dimostrare tramite Isee aggiornato di avere un reddito inferiore ai 50mila euro a nucleo familiare.

Per poterlo richiedere è inoltre necessario essere cittadini italiani, nessun limite di età è stato inserito, e aver avuto una prescrizione medica.

In aggiunta a questi 10 milioni di euro, ne sono stati stanziati altrettanti per poter assumere più figure professionali da dedicare alla salute mentale, arrivando così a uno stanziamento di 20 milioni.

Considerando che una seduta costa tra i 40 e i 60 euro di solito, quindi mediamente 50 euro, 600 euro sono sufficienti solo per 12 sedute, quindi circa 3 mesi di trattamento se consideriamo una seduta a settimana, ma 3 mesi sono meglio di nulla e in alcuni casi potrebbero fare davvero la differenza.

Possiamo dire quindi che l’Italia questa volta ha ascoltato le esigenze dei suoi cittadini venendo loro incontro, un piccolo passo nella direzione giusta.