NEWS > 30 Maggio
DUEMILA22

Mitzy, l’unica donna del Messico e dell’America Latina a ricevere il “Citizen Award 2022” è indigena

“I popoli indigeni ospitano l’80 per cento del pianeta e questo ci rende automaticamente padroni del nostro territorio, ecco perché...

IN QUESTO ARTICOLO

“I popoli indigeni ospitano l’80 per cento del pianeta e questo ci rende automaticamente padroni del nostro territorio, ecco perché lo difendiamo”

Mitzy Violeta Cortés Guzmán è una giovane mixteca che lotta per la difesa del territorio e contro i cambiamenti climatici. Dopo una laurea in Scienze Politiche e Amministrazione, è tornata nel suo territorio per difendere la vita degli indigeni e rafforzare la questione di genere

“La lotta delle popolazioni indigene e le disuguaglianze di genere è fatta anche dai giovani” afferma Mitzy Violeta Cortés Guzmán, mixteca di 23 anni di San Sebastián Tecomaxtlahuaca, Oaxaca, in Messico, tra le vincitrici del Citizen Award 2022 per la difesa del territorio e contro il cambiamento climatico. Mitzy Violeta è una giovane donna che ha studiato Scienze Politiche e Amministrazione all’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM) ed è tornata nella sua comunità per seminare i semi della consapevolezza per la difesa della vita e del cambiamento climatico, non senza prima aver rafforzato la questione di genere. Mitzy è anche membro della rete nazionale “Indigenous Futures” che discute e propone un’attenzione urgente alla crisi climatica, ma dalla concezione in cui le popolazioni indigene la vivono. “Nel 2020, nel bel mezzo di una pandemia, ho terminato gli studi e ho subito pensato di tornare a San Sebastían Tecomaxtlahuaca, nella regione della Mixteca inferiore di Oaxaca, e da questo luogo ho iniziato a tessere reti che mi hanno portato anche a partecipare lo scorso anno nella Convenzione sui cambiamenti climatici (COP-26)”, afferma la giovane. Mitzy Violeta vuole fare in modo che i giovani si prendano cura e difendano il loro territorio da chi lo danneggia, come i megaprogetti minerari, i parchi eolici e il Corridoio Transistmico, una delle grandi opere del governo presieduto da Andrés Manuel Lopez Obrador. Il progetto transistmico mira all’ammodernamento dei porti di Salina Cruz (Oaxaca) e Coatzacoalcos (Veracruz) e al recupero della ferrovia tra i due punti, di circa 300 chilometri, al fine di ridurre i tempi di trasporto delle merci verso il Canale di Panama.

Non è un caso che Mitzy viva nella sua terra natale, una zona che ospita una pineta ricca di flora e fauna, che, dice, deve essere protetta. Il suo dinamismo l’ha portata ad intraprendere nuovi processi di cura del territorio. Partecipa con il gruppo femminile Young Semillero e collabora anche con “Milpa Climatica”, progetto legato ai cambiamenti climatici e alle popolazioni indigene. Recentemente le è stato assegnato l’incarico di Segretario del Commissariato dei Beni Comuni per la sua responsabilità con il territorio, e da questo spazio assicura che difenderà il suo territorio. “I popoli indigeni ospitano l’80 per cento del pianeta e questo ci rende automaticamente padroni del nostro territorio, ecco perché lo difendiamo”, sottolinea Mitzy, sottolineando di essere stata l’unica donna messicana e latinoamericana a ricevere il “Citizen Award 2022”. Mitzy ha assicurato che condividerà il premio con il suo popolo come riconoscimento collettivo, perché le lotte, ha precisato, “non si fanno da sole”. Il premio che Mitzi riceverà consiste in una donazione al processo organizzativo per continuare il lavoro di comunità e durerà 12 mesi, in cui ci sarà un progetto globale affinché i progetti locali siano visibili e funzionali. Mitzy è felice, non sa chi l’ha nominata, ma sa che è stato grazie alla sua lotta per difendere il territorio. Quello che la piattaforma internazionale del Citizen Awards cerca è svolgere attività legate alle comunità, ecco perché stanno arrivando nuovi progetti. “Ho ricevuto una telefonata e mi hanno informato che mi era stato assegnato questo riconoscimento, che per me è qualcosa di importante, lo apprezzo molto e lo celebro. Questo mi motiva a continuare a lottare per il mio territorio e a condividere le mie conoscenze con altre persone, che mi insegnano anche loro”, ha detto. La giovane ha riconosciuto che i popoli si sono sempre organizzati, in una lotta collettiva e mai individuale. Ha chiarito che, in un contesto di crisi climatica, di civiltà e di vita, i popoli continuano a resistere e i giovani stanno alzando la voce per chiedere la fine dei megaprogetti a Oaxaca, nonché il ritorno della guardia forestale mixteca Irma Galindo Barrios, scomparsa il 27 ottobre 2021 a Città del Messico. “In questo percorso di lotta non sono mai stato sola, l’azione ha sempre comportato organizzazione e dialogo tra tante persone che si uniscono, perché vogliamo immaginare altri mondi, altri modi di vivere e di convivere dove alcuni non valgono più di altri e dove i soldi non vengono messi al di sopra della vita”, ha concluso.

A Oaxaca 25 attivisti uccisi

Secondo il Centro messicano per la legge ambientale (CEMDA), il 2021 è stato l’anno peggiore per i difensori ambientali in Messico, poiché 25 ambientalisti sono stati uccisi e sono stati registrati 238 attacchi. L’ultimo omicidio si è registrato il 23 maggio 2022, nel comune di Pinotepa Nacional, Oaxaca, circa duecento chilometri a sud di dove vive Mitzya. La vittima è Humberto Valdovinos Fuentes, difensore del territorio e dei diritti indigeni e afro-messicani. Secondo l’Unione Civica Democratica dei Quartieri, delle Colonie e delle Comunità (Ucidebcc), individui armati hanno sparato a Valdovinos quando si trovava nel quartiere di El Zapote, dopo aver ricevuto una telefonata. “Nel quadro della situazione politica che sta vivendo lo stato di Oaxaca, la condizione dei difensori dei diritti umani, dei combattenti sociali e degli attivisti è costantemente a rischio a causa dell’impunità in cui vengono assassinati e aggrediti coloro che combattono dalla parte dei popoli”, ha affermato l’Ucidebcc dopo l’omicidio.

CONDIVIDI

Leggi Anche