24 Settembre 2022

PANE E PALLONE – Di Maria e Pogba, il mercato non è finito. La Juventus stacca le altre in attesa del campo

Aspettando che si aprano aste per il pezzo pregiato De Ligt, la Juventus ha piazzato i due colpi che Allegri e i tifosi aspettavano.

Mentre in bianconero arrivano due giganti del calcio mondiale, le altre si muovono tra caccia alle occasioni e ragioni di bilancio.

Di Maria e Pogba alla fine sono arrivati. La Juventus mette dunque in rosa due calciatori vincenti, esperti, forti. Pure l’argentino, non più giovanissimo (trentaquattro anni già compiuti), è dotato di talento indiscutibile, se verrà impiegato bene porterà punti e grandi giocate. Pogba è il dieci della Francia campione del mondo. Durante l’ultima esperienza a Manchester (sponda United) ha vissuto di alti e bassi, ma non c’è dubbio che nella Serie A possa fare la differenza. A questi aggiungeteci Vlahovic arrivato a gennaio e Chiesa recuperato, e potrete misurare quanto si è alzata l’asticella che misura il livello tecnico della squadra. Certo, c’è un Dybala in meno, ma il Messi dei poveri ha avuto un rendimento altalenante, o almeno ha giocato a intermittenza. Non mancherà molto alla vecchia signora. Chi mancherà è certamente Chiellini, migrato verso altri lidi. Se esce (come appare certo) De Ligt, ci sarà da inserire un difensore forte perché il rischio che la Juve sia carente là dietro non va sottovalutato. Gatti, provenienza Frosinone è una soluzione interessante, ma tutta da verificare.

Un difensore forte dovrebbe uscire anche da casa Inter. E se a De Ligt sembrano interessate prevalentemente Bayern Monaco e Chelsea, l’interista Skriniar sembra diretto al PSG, ma la trattativa non si è ancora conclusa. Si ricama al dettaglio del milioncino di euro perché i nerazzurri per far quadrare i bilanci e chiudere altre operazioni senza affanni, hanno bisogno di incassare. Una delle operazioni in entrata potrebbe essere proprio Dybala, partito con grandi aspettative e ritrovatosi al momento disoccupato. Certo, non rimarrà a spasso ancora per molto, ma la dozzina di milioni di euro annui che chiedeva un po’ di tempo fa, si è oggi probabilmente dimezzata. Su di lui potrebbe esserci anche il Milan, forse la Roma (che si appresta a salutare Zaniolo), meno probabilmente il Napoli che ritiene l’attaccante ex Juve fuori budget. Il direttore sportivo partenopeo Giuntoli ha intanto fatto sapere che per prendere Koulibaly servirà una proposta importante, e che il Napoli ha già offerto al difensore senegalese un rinnovo quinquennale da sei milioni di euro netti all’anno.

Alla Lazio Sarri e tifosi saranno certamente più sereni adesso che sono arrivati il centrale Casale dal Verona e il portiere Luis Maximiano dal Granada. È vicino anche Romagnoli che completerebbe la coppia di difensori centrali, ma qualcosa andrà ancora fatta.

Dopo Jovic a Firenze sta per sbarcare il terzino destro Dodò, proveniente dallo Shaktar. Un tempo li chiamavamo fluidificanti, gli esterni di difesa bravi ad avanzare. La Fiorentina è vispa sul mercato, aveva concluso l’operazione Mandragora una settimana fa, e più recentemente è arrivato anche il portiere Gollini dopo l’esperienza al Totthenam. Quello dei viola si rivela un progetto sempre più convincente. Non ci sarebbe da sorprendersi se la squadra di Commisso puntasse a un posto Champions.