1 Ottobre 2022

Colombia, Gustavo Petro ha la maggioranza in Camera e Senato

Potrà varare la riforma fiscale, agraria e politica

Il Congresso colombiano si è insediato e consentirà al presidente eletto, Gustavo Petro, di avere la maggioranza in Camera e Senato. Questo avvantaggerà la riforma fiscale e agraria proposte dal Pacto Histórico, la coalizione che guida il nuovo governo colombiano. Rodolfo Hernandez, sconfitto al ballottaggio, sarà senatore sui banchi dell’opposizione, guidata dal Centro Democratico dell’ex presdente Alvaro Uribe. Mentre continuano ad essere uccisi leader sociali, i gurppi armati hanno scritto una lettera al presidente in cui chiedono la pace. Andrea Petro, figlia del neo eletto, vuole riportare i migranti nel suo Paese

Il Congresso colombiano si è insediato il 20 luglio con una coalizione di governo che consentirà al presidente eletto Gustavo Petro di avere la maggioranza nelle due camere legislative. Gli obiettivi principali saranno la riforma agraria e fiscale. Al Senato Petro, che entrerà in carica come presidente il 7 agosto, avrà 63 dei 108 seggi. Il blocco che sosterrà il governo è composto dal Pacto Histórico ufficiale con venti senatori, Alianza Verde con 8, il Partito Liberale con 14, l’Alleanza Sociale Indipendente con 4, indigeni con 2 e i Comuni, ovvero il partito formato da ex combattenti delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia-FARC, con 5. Ad appoggiare la coalizione ci sarà anche un partito di destra, il Partito Unión por la Gente, o Partido de la U come è noto in Colombia, che all’ultimo minuto si è unito alla coalizione di governo. “La panchina del Partido de la U ha deciso di essere una coalizione di governo e sostenere i progetti presentati dal presidente eletto Gustavo Petro, volti a ridurre la povertà e la disuguaglianza, rafforzare la sicurezza alimentare e l’attuazione degli accordi di pace”, ha espresso in un comunicato il Partido de la U, fondato nel 2005 per sostenere l’ex presidente colombiano Álvaro Uribe. Il partito ha 10 senatori e 15 rappresentanti. Anche alla Camera dei Rappresentanti Petro ha la maggioranza: 110 dei 188 seggi. Tale maggioranza è composta dai 28 voti del Pacto Histórico, i 33 del Partito Liberale, i 15 dell’U, 13 deputati in rappresentanza delle vittime del conflitto armato, 12 dell’Alleanza Verde, 5 dei Comuni, 1 dei la Citizen Force, 1 per Gente en Movimiento, 1 per gli indigeni e 1 per la quota afro. Il nuovo congresso resterà in carica fino al 2026. Gli analisti sottolineano che si tratta di un parlamento più colorato ed equilibrato rispetto ai precedenti, poiché mostra un aumento della presenza femminile: si passa da 57 a 86 legislatori. Inoltre, in legislatura si verificherà un altro fatto rilevante, ovvero l’inaugurazione per la prima volta di 16 rappresentanti delle vittime del conflitto armato colombiano, grazie all’accordo di pace firmato tra il governo e le FARC all’Avana nel 2016.

L’opposizione

Il principale partito di opposizione sarà il Centro Democratico dell’ex presidente Uribe. La legislatrice María Fernanda Cabal ha detto che saranno “un muro di contenimento” per le proposte di Petro. Il partito ha 13 senatori e 15 rappresentanti. All’opposizione si unisce l’ex candidato alla presidenza Rodolfo Hernández, che ha perso al secondo turno contro Petro. Hernández assumerà la carica di senatore e ha affermato che il suo impegno sarà “fare opposizione, fare sorveglianza, esporre errori e proporre soluzioni a beneficio di tutti i colombiani”.

La riforma fiscale

Uno dei primi progetti in discussione in Parlamento sarà la riforma fiscale promossa da Petro . “Se si vuole forgiare una coalizione di maggioranza, ma non approvare la riforma fiscale, accettando le discussioni e le modifiche, allora non c’è una coalizione di maggioranza” ha detto Petro. L’obiettivo è di raccogliere 50 miliardi di pesos colombiani all’anno (oltre 12.000 milioni di dollari), abrogando la riforma fiscale del 2019. In questo modo, secondo il presidente eletto, “con un semplice articolo, che elimina le esenzioni e i doni che venivano concessi, si possono recuperare circa 20 miliardi di pesos”. Altro punto della riforma fiscale è tassare i dividendi delle società in base agli importi, con “scala progressiva”, ovvero chi guadagna di più paga più tasse, a beneficio dei ceti popolari cui saranno assegnati sussidi. Il presidente uscente, Iván Duque, si è opposto a questa iniziativa. “A meno che non ci sia la voglia di spendere molto di più, la Colombia oggi non ha bisogno di impegnarsi in una nuova riforma fiscale, che finisce per influenzare lo spirito di investimento che ha oggi la nostra nazione”, ha affermato. Nell’aprile 2021, Duque ha promosso un riforma fiscale che poi è stata ritirata a causa delle proteste e delle mobilitazioni avvenute nel Paese.

La riforma agraria e politica

Cecilia López, il futuro ministro dell’Agricoltura, ha affermato che il governo promuoverà una “riforma agraria senza timidezza”. Nelle dichiarazioni pubblicate dal quotidiano El Tiempo, López ha affermato che la riforma punta a due punti chiave: “In primo luogo, i lotti liberi non verranno distribuiti. In secondo luogo, sarà distribuita la terra produttiva. Il terreno produttivo è utilizzato principalmente per l’allevamento del bestiame. C’è una mappa che va verificata e con quella decidere: o si pagano le tasse per quel terreno oppure va venduto allo Stato”. Per quanto riguarda la riforma politica, il governo entrante punta a modifiche per la presentazione delle liste, che sia lo Stato a finanziare completamente le campagne elettorali e si crei una nuova autorità elettorale. Altri progetti all’ordine del giorno sono legati alla creazione del Ministero dell’Uguaglianza, che sarà scelto dalla vicepresidente eletta, Francia Márquez. Verrà inoltre creato il Ministero della Pace, Convivenza e Sicurezza, al quale sarà incorporata la Polizia, che oggi è al comando del Ministero della Difesa. Il governo Petro cercherà inoltre di approvare uno o più regolamenti riguardanti l’attuazione dell’accordo di pace con le FARC e l’instaurazione di un dialogo con l’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN).

I gruppi di lotta armata vogliono la pace

Diversi leader di gruppi armati hanno scritto una lettera di 4 pagine indirizzata al presidente eletto Gustavo Petro, alla vicepresidente Francia Márquez e al ministro degli Esteri Álvaro Leyva Durán, ed è firmata  dall’AGC, dai Caparrapos, Los Rastrojos, Los Shottas de Buenaventura, La Inmacualada de Tulua e dal Gruppi messicani di Quibdó . Nella lettera, i membri delle organizzazioni esprimono chiaramente che il loro desiderio è la costruzione della pace e la fine della violenza armata e fanno un decalogo di intenzioni che include la deposizione delle armi, verità e giustizia, con l’idea di soddisfare i diritti delle vittime. Come si legge nella lettera:

“Siamo pronti a disarmare al momento giusto. Siamo disposti a scusarci. Siamo disposti a contribuire con verità totale e integrale. Siamo disposti a riparare e soprattutto a non ripetere atti criminali. Siamo disposti a rispettare gli scopi della giustizia riparativa. Siamo disposti a unirci alle istituzioni per proteggere l’ambiente, contro pratiche illegali che lo deteriorano notevolmente. Siamo disposti a costruire un futuro migliore per le nuove generazioni”.

Nella lettera, le organizzazioni armate hanno invitato altri gruppi che non si sono ancora espressi ad unirsi per raggiungere la pace attraverso una manifestazione sincera e reale. Hanno anche chiesto garanzie pari a quelle ottenute dai membri di altri gruppi armati. I guerriglieri assicurano di aver imparato la lezione e che oggi con le armi non si arriva al potere e hanno affermato che non si stanno giustificando ma che questa situazione illegale era dovuta alla mancanza di opportunità che gli erano state negate da governi precedenti in cui non c’è mai stata una vera democrazia. Per quanto riguarda la politica, hanno assicurato che la peggiore mafia è stata quella della corruzione e hanno ribadito che la narco-economia è stata fondamentale per alimentare il dolore che hanno sofferto le popolazioni colombiane. Infine, hanno anche espresso una forte critica al meccanismo di estradizione e assicurano che dovrebbe operare solo nei casi in cui vi sia assenza di verità, perdono, giustizia, riparazione, poiché l’estradizione di persone che hanno già rispettato questi postulati è considerato un affronto alla dignità della giustizia nazionale e delle vittime e diventa un falso riconoscimento dell’incapacità dello Stato di risolvere i propri problemi.

Ucciso un leader sociale a Putumayo

La violenza tuttavia non si ferma in Colombia, poiché è stata denunciato l’assassinio del leader sociale José Edilson Vargas Monroy, con la cui morte violenta sono 103 i leader assassinati finora nel 2022 e 1.330 dalla firma dell’accordo di pace, a fine 2016. Vargas Monroy è stato segretario del Community Action Board (JAC) nel villaggio di Villanueva, al confine tra i comuni di Puerto Asís e Puerto Caicedo, dipartimento di Putumayo, nel sud ovest del Paese. I membri della Rete per i diritti umani hanno riferito nella loro dichiarazione che la vittima era affiliata all’Associazione dei lavoratori rurali dell’Alto Mecaya (Atcam) e ha partecipato come rappresentante dell’Alto Mecaya Nucleus. Inoltre, hanno chiesto alle autorità di chiarire il caso e di agire per fornire “garanzie di prevenzione, protezione e non ripetizione”, come previsto dall’Accordo di Pace. Infine, hanno esortato i gruppi armati illegali a riconoscere il diritto alla vita e a non attaccare i civili nel mezzo delle loro controversie territoriali nel Medio e Basso Putumayo. Secondo una dichiarazione rilasciata da Human Rights Network, uomini armati sconosciuti sono andati a casa di José Edilson Vargas Monroy e gli hanno sparato a distanza ravvicinata accusandolo di collaborare con un altro gruppo armato illegale. Il delitto è stato attribuito a una struttura criminale che si fa chiamare i Comandi di Confine. Finora nessuna autorità si è pronunciata su questo omicidio. Un altro leader sociale, Hoover Jesús Rengifo, nel comune di Balboa, dipartimento di Cauca, nell’ovest del Paese, ha subìto un attentato. Il coordinatore dell’Osservatorio dei diritti umani di Indepaz, Leonardo González, ha annunciato che in quel comune sono presenti gruppi armati illegali e ha invitato il governo colombiano a fornire una presenza nel territorio non solo con la forza pubblica.

La figlia di Petro vuole riportare i migranti a casa

Andrea Petro, una delle figlie del presidente eletto colombiano Gustavo Petro, vive in Francia da dieci anni, ha 31 anni, è divorziata ed ha due figlie di nazionalità francese di tre e quattro anni. Cercando di smantellare le voci sulla ricchezza della famiglia Petro, ha raccontato di aver vissuto diverse controversie da immigrata. Si è trovata in una situazione irregolare, in cui non poteva lavorare perché priva di documenti, per ottenere i quali ha dovuto passare attraverso un procedimento legale, per poi accettare lavori in bar e McDonald’s. Ha poi conseguito un master in commercio internazionale, che è quello a cui sta attualmente lavorando nel porto di Fos sur Mer, vicino a Marsiglia. Ha vissuto, quindi, la vita che vivono tutti i migranti ed ora ha deciso di aiutarli. Tramite un’azione diplomatica, sostenuta da ONG che saranno scelte dal Ministero degli Affari Esteri, girerà l’Europa per aiutare i colombiani espatriati, in particolare a Madrid e Barcellona, dove le comunità colombiane sono molto numerose. Lo scopo è di sostenere il loro ritorno in Colombia. “Voglio ascoltare le persone, guidarle e informarle al meglio mettendo a disposizione la mia esperienza di migrante” ha affermato. Figlia di Gustavo Petro e Mary Luz Herrán, che si sono separati nel 2003 ma continuano ad avere un rapporto cordiale, Andrea Petro dice che “quello che vogliamo fare è dare più opportunità alle persone nel Paese in modo che non se ne vadano e dare loro opportunità, soprattutto per le persone che studiano all’estero, in modo che possano tornare in Colombia e fornire le conoscenze acquisite durante la loro esperienza di studenti fuori sede, un progetto che può giovare al Paese”. Una parte della sua missione sarebbe quella di elaborare un piano di ritorno per gli emigranti che vogliono tornare in Colombia, che è in gran parte subordinato al successo del programma politico del padre per porre fine alla violenza e alla povertà che hanno portato milioni di persone a lasciare il paese.