1 Ottobre 2022

Giornata internazionale delle donne afrodiscendenti, creatrici di memoria

Si è svolta il 25 luglio a Córdoba, in Argentina

L’Argentina ha scelto un progetto per una nazione dalla cultura bianca ed europea. L’attivista Marcela Alarcón, afro discendente di Córdoba spiega i cambiamenti in atto nel Paese per riconoscere la discendenza afro. È un problema che riguarda tutto l’Occidente, Europa compresa, dove in Spagna gli afro discendenti sono oltre 1 milione di persone, ma vengono continuamente discriminate, a Valencia come a Malaga, come raccontano le attiviste Lamar Iposa e Laura Romero, che da infermiera analizza in particolare la situazione sanitaria nei loro confronti

In America Latina e nei Caraibi ci sono circa 200 milioni di persone di origine africana che rappresentano il 30% della popolazione. Tuttavia, sono ancora chiamati e trattati come una minoranza, che deve affrontare forme strutturali di violenza razzista, in particolare le donne. In Argentina, a differenza di altri paesi della regione, c’è un discorso forte che chiede la scomparsa degli afro discendenti. Un progetto per una nazione che ha scelto sviluppo e progresso guardandosi allo specchio della cultura bianca ed europea. Un discorso di sbiancamento che arriva fino ai giorni nostri. Una fantasia che, caricando negativamente l’oscurità, nega le radici multiculturali che la compongono. “Riconoscere da dove veniamo, abbracciare il dolore e le storie dei nostri antenati significa mettere insieme il puzzle di chi siamo come popolo. Marcela Alarcón, membro dello spazio, del processo di riconoscimento in un paese che insiste a sembrare bianco, è stata intervistata dal giornale on line La Tinta durante la Giornata internazionale delle donne afro discendenti, che si svolge il 25 luglio in commemorazione del Primo Incontro delle donne nere, latinoamericane e caraibiche tenutosi nella Repubblica Dominicana nel 1992. il convegno internazionale si è svolto venerdì 22, sabato 23 e domenica 25 luglio a Còrdoba, in Argentina. “I giorni delle donne afroamericane, afro-caraibiche e della diaspora ci avvicinano a quelle narrazioni che si intrecciano collettivamente – ha spiegato Marcela Alarcón – , che sono intese come diverse e che, allo stesso tempo, riconoscono la trama comune di violenza contro i corpi femminilizzati e razzializzati. Ma l’incontro ha un altro potere: trasforma il dolore in musica, in arte, in abbraccio, in forza. Per questo motivo alla conferenza partecipano ospiti provenienti da diversi campi della cultura, del mondo accademico e delle arti. Per quanto mi riguarda è stato un lungo processo per potermi riconoscere come afro-discendente” spiega Marcela Alarcón, che è responsabile culturale e membro dell’Afro Córdoba Table e i cui tratti in lei sono evidentemente afro discendenti. Il  Tavolo Afro-Córdoba ha invitato all’VIII Convegno “Creatori di memoria, dalla memoria all’interculturalità”, con la partecipazione di donne afro-argentine e internazionali“. “Creatori di memoria, dalla memoria all’interculturalità’ è molto più di un titolo – ha detto – . Stiamo vivendo una pandemia che ci ha dato il tempo per riflettere, che ci ha dato il motivo per unirci, per pensare a ricostruirci come società. Oggi ci uniamo a tutte le opinioni sulle donne afro-discendenti, le loro storie, le loro lotte”, ha aggiunto. La novità è stata che in questa occasione il convegno ha avuto il supporto dello Stato nazionale, provinciale e comunale. “Tutti, in qualche modo, sono impegnati nel nostro progetto e nei nostri obiettivi perché sono chiari: educativi, culturali e generano identità. Come in tutte le lotte di quelle che chiamano “minoranze” – ha detto Marcela Alarcón – abbiamo avuto persone che, con grande sensibilità, sia nelle strutture nazionali, provinciali e comunali, sentono un impegno sincero verso i nostri obiettivi, forse perché nel fondo delle loro storie si sentono incrociati o forse perché hanno capito che c’è un’altra storia che non è stata loro raccontata. Con loro abbiamo generato dialoghi, spazi e, soprattutto, riconoscimenti dei nostri progetti di identità, in particolare a Córdoba. Il 27 aprile, infatti, Córdoba ha segnato una pietra miliare inaugurando il primo memoriale in Argentina per gli afro-schiavi, un orgoglio per gli afro discendenti che ha delle ripercussioni culturali. “Stiamo ricostruendo un’identità che era nascosta” gioisce Marcela Alarcón. “Penso che sia completamente diverso, perché nel resto dell’America Latina non hanno problemi di identità. Sono afrodiscendenti, lo hanno vissuto e lo vivono così da quando hanno messo piede in questo continente, mentre, qui, è ancora difficile pensare che abbiamo una radice afro. Per questo oggi vediamo che, dopo tante lotte, in Colombia hanno per la prima volta come vicepresidente una donna di colore, Francia Márquez, che combatte da quando aveva 16 anni, con un lavoro territoriale impressionante, mentre qui mi sento che siamo lontani anni luce da quelle lotte e quegli spazi. Primo, perché stiamo ancora riconoscendo noi stessi per stabilire la nostra identità e, da lì, riconoscere che abbiamo diritti e occupiamo posti strategici per partecipare a progetti di diritto socioeconomico, culturale e storico”.

La situazione in Spagna

Nello stato spagnolo, si stima che la popolazione afro-discendente ammonti a 1.300.000 persone, secondo i dati  dell’Osservatorio spagnolo del razzismo e della xenofobia (OBERAXE)  del 2020. La continua discriminazione significa che, pur essendo cittadini dello stato, non lo fanno sentirsi parte di esso, quindi, il 60% della popolazione afro-discendente residente in Spagna non si sente parte del paese. Di questa popolazione, il 62% sono donne. Il problema della stigmatizzazione e del razzismo nei confronti delle donne di origine africana è infatti presente in tutto l’Occidente. Una percezione che porta le donne in una situazione di impoverimento ed emarginazione che minaccia la dignità della loro vita. Secondo un sondaggio condotto dall’Organizzazione non governativa Movimento per la pace (MPDL ) sulle donne afro discendenti nello stato spagnolo, nel 2021, l’82% delle afro discendenti subisce discriminazioni sul posto di lavoro. Il 60% ha problemi a trovare un alloggio a causa della discriminazione. E anche il 31% degli assistenti sociali non applica una metodologia trasversale di genere e razza, essenziale per poter servire la popolazione afro-discendente. In Spagna, i gruppi afro-femministi stanno combattendo per cambiare questa realtà.

Esperienze a Valencia

Il collettivo Uhuru, che vuol dire libertà in swahili, è nato a Valencia dopo l’omicidio di George Floyd. “Volevamo assicurarci che coloro che hanno organizzato queste manifestazioni fossero persone di colore”, dice Lamar Iposa, una donna migrante e discendente afro che fa parte del collettivo. “Ci riuniamo per creare una comunità di neri a Valencia, crediamo nella comunità”, ribadisce Iposa. Proposte come questa sono essenziali per “contrastare con le immagini dei media mainstream”, commentano da Uhuru, “per renderci visibili e per far capire che abbiamo la nostra voce”. Lamar Iposa ritiene che vi sia l’intenzione “di non pubblicizzare la storia dei neri nel territorio, oltre a mettere al centro la necessità di avere iniziative affinché la nostra vita materiale sia giusta ed equa”

Esperienze afro-andaluse

Laura Romero è un’infermiera di Malaga, creatrice di contenuti antirazzisti sui social network, in particolare Tik Tok, ed è afro andalusa, come si definisce lei stessa, nonostante commenti le difficoltà che incontra «quando si tratta di unire la passione per la propria terra con l’estero a cui siamo costantemente sottoposti”. La sua educazione in Andalusia si sviluppa senza riferimenti: “quelli che c’erano erano stereotipati e fatti per il consumo dai e dei bianchi, alla fine non trovi uno specchio in cui guardarti e finisci per assimilare ciò che ti circonda, ti imbianchi tu stessa”. Per Laura Romero è stato fondamentale ascoltare i racconti di altre donne afro discendenti alla Giornata internazionale delle donne afroamericane, afro-caraibiche e della diaspora. “Ascoltare i racconti di altre sorelle , essere consapevoli che le cose che accadono a me accadono anche a loro – ha spiegato al giornale spagnolo El Salto, è stato di vitale importanza per guarire ed essere consapevoli “. Nel 2020 ha iniziato a fare contenuti su Tik Tok con il pensiero di generare una rappresentazione e concentrarsi sui riferimenti che non aveva nella sua infanzia. “Mi è mancato, nelle scuole non ci è stata raccontata la parte della storia che dovrebbe essere raccontata a noi, non abbiamo visto donne nere emancipate”. Nel suo lavoro di infermiera, vive la discriminazione che le donne afro discendenti subiscono nel sistema sanitario: “Ci sono situazioni molto spiacevoli. Alcuni colleghi hanno persino indossato dei guanti doppi per esplorare una persona di colore”. Il sistema sanitario e la sua mancanza di una prospettiva razziale porta alla violenza e alla diagnosi errata. L’infermiera di Malaga presta particolare attenzione  alla salute mentale “la componente razziale non viene presa in considerazione a livello psicologico e nella violenza ostetrica “molte volte non siamo trattate come dovremmo, ad esempio in sala parto si dice che siamo molto scandalosi e quindi non prestano attenzione a noi”. L’assistenza sanitaria che ricevono le donne afro discendenti, secondo Romero, è “una cura data dalla carità come se fosse qualcosa che non meritiamo, sia che siamo spagnole sia che siamo migranti”. Questa discriminazione non è vissuta solo nel sistema sanitario: “Secondo me, il sistema è fatto e fabbricato in modo tale che la repressione e la violenza contro il nostro corpo si perpetua e si sostiene da tutti gli spazi, dal sistema sanitario, amministrativo, educativo, dalle forze di polizia”, dice l’attivista. Il gruppo afro-femminista Biznegra nasce nel 2020 a Malaga dalla necessità di: “avere il nostro spazio, autonomamente e senza tutele, con la nostra logica di essere donne afro-discendenti in Andalusia” commenta una delle sue fondatrici, Iliassou. La biznaga è il fiore tipico di Malaga composto da più gelsomini, “rappresenta la comunità ed è un fiore bianco, facendolo diventare nero ci riappropriamo di un simbolo che è anche il nostro”. Nel loro viaggio come collettivo si sono imbattuti in partiti politici, movimenti sociali e università che hanno cercato di strumentalizzare il loro discorso: “Sono ancora sorpresi quando arriviamo in ​​uno spazio politico e abbiamo un discorso e una strategia politica, che dice quale è il punto di vista degli afrodiscendenti”. Dal gruppo denunciano che le istituzioni andaluse: “non hanno prospettiva, né interesse, né formazione intorno a persone di discendenza africana”. Nonostante sia nata in Andalusia, Iliassou ritiene che le donne afrodiscendenti siano continuamente trattate “come nuove arrivate, la storia dei neri nel territorio non viene presa in considerazione”.