26 Settembre 2022

Accadde domani – Summer Edition – Franz Liszt

Franz Liszt, l’affascinante compositore innamorato dell’Italia

Il 31 luglio del 1886 muore a Bayreuth il compositore ungherese Franz Liszt, una tra le personalità più brillanti di sempre della musica colta

Liszt è un intellettuale, eccentrico, cosmopolita amante dei viaggi, virtuoso sensazionale del pianoforte nonché un gran seduttore che fa stragi di cuori tra il pubblico femminile. Heinrich Heine conia difatti il termine lisztomania per descrivere lo smisurato successo che ottiene nelle sale. I suoi concerti sono sempre gremiti di pubblico: in assoluto è una delle personalità più brillanti e colte nel mondo della storia della musica classica. 

L’incontro rivoluzionario con Paganini

Le sue capacità musicali si palesano da subito come eccezionali, ma l’incontro con il virtuosismo di Paganini segna una vera e propria rivoluzione nel suo modo personalissimo e suadente di comporre ed eseguire la musica. Paganini diviene il suo grande ideale artistico e l’imprinting che dà alle sue composizioni ha un approccio tipico del virtuosismo di questo strumento ad arco: picchi dirompenti, ostici e taglienti, complessità e maestrìa si mescolano audacemente con un lirismo unico, mistico, mai sperimentato prima di lui sulla tastiera.

Liszt, l’universo femminile e l’amore per l’Italia

Sono molto gli aneddoti che ci parlano del suo rapporto tempestoso con il genere femminile: da tentativi di suicidio di nobildonne, minacce con arma da fuoco, richieste di ciocche di capelli o infinità di ritratti fatti da signore, che lo raffigurano al pianoforte nelle pose più svariate.

Franz Liszt si innamora dell’Italia e la visita in lungo e in largo con la sua compagna, Marie D’Agoult, soggiornando a Verona, Brescia, Padova, Bologna, Pisa, Lucca, poi Firenze, Napoli, Roma e ancora lago di Como, Milano, Venezia. In Italia nascono i due figli di Liszt e il compositore dà vita a splendide opere all’interno delle quali “riscrive” in musica alcuni degli affascinanti capolavori di arti visive, poetiche, architettoniche, che incontra nel Bel Paese.