25 Settembre 2022

Perù, un anno di Pedro Castillo al potere, tra accuse di corruzione e debolezze politiche

Riuscirà a finire il mandato di 5 anni? È questa la domanda che in tanti si pongono

Il presidente ha la maggioranza nell’Esecutivo ma non al Congresso, dove domina la destra anche estrema che lo vuole far cadere e dove il suo stesso ex partito gli ha voltato le spalle, dopo un periodo in cui era riuscito a formare un fronte progressista. Castillo ha cambiato numerosi ministri, abbandonato alcune proposte di cambiamento e ha ricevuto numerose accuse, tra cui quella di corruzione. Durante il discorso del primo anno di mandato davanti al Congresso, però, ha difeso il suo lavoro e respinto ogni accusa, tendendo la mano all’opposizione

“Questo primo anno ho ricevuto uno schiaffo sulla guancia da chi non ha accettato di perdere legittimamente alle elezioni presidenziali “. Così Pedro Castillo, presidente del Perù, ha esordito nel suo discorso al Congresso in occasione del primo anno del suo esecutivo, che coincideva con i 201 anni di Indipendenza del Perù, il 28 luglio 2022. Un anno travagliato, costellato di denunce e accuse politiche puntategli addosso dai media e dalla destra, anche quella estrema, che ha la maggioranza al Congresso, mentre nell’Esecutivo Castillo riesce ad avere più parlamentari dalla sua parte. L’avvento di Pedro Castillo era stato salutato con grande favore. Insegnante rurale e sindacalista di sinistra, contadino proveniente da una delle zone più povere ed escluse del Paese, Cajamarca, la sua elezione aveva significato una rivendicazione delle popolazioni andine, rurali, provinciali e dei settori popolari storicamente emarginati, che alle elezioni hanno sconfitto i gruppi economici, il potere e i settori sociali e politici dominanti che si concentrano a Lima e che avevano come candidato Keiko Fujimori, figlia dell’ex dittatore Alberto Fujimori, ex presidente condannato, con prove, per la violazione dei diritti umani perpetrata commissionando omicidi, rapimenti, sterilizzazioni forzate, violenze e torture, specialmente durante la guerra civile contro il gruppo terrorista e guerrigliero Sendero Luminoso, di ispirazione marxista-leninista e maoista, e altri movimenti affini. Un anno di speranze e delusioni quello di Pedro Castillo, di aspettative e frustrazioni, di incertezze, di manovre destabilizzanti di un golpe di destra che non ha accettato la sconfitta elettorale, e di un susseguirsi di errori, inefficacia e scandali di corruzione nel governo. Un anno di estrema polarizzazione in una guerra senza sosta tra l’Esecutivo e il Congresso controllato dalla destra, anche più estrema, con i partiti Popular Force (FP), Avanza País e Popular Renewal (RP). Un primo anno di governo che apre uno scenario di molti dubbi sul fatto che Castillo possa finire la sua presidenza. Le aspettative sono state finora deluse da una mancanza di coraggio nell’attuare i cambiamenti proposti e dalle sostituzioni che si sono succedute nel governo. Castillo ha infatti cambiato ministri più volte, alcuni perché accusati di corruzione. Nel suo discorso al Congresso, ha assicurato che in questo secondo anno di potere non porgerà l’altra guancia agli avversari, ma anzi gli tenderà la mano, per lavorare insieme. Il presidente ha riconosciuto di aver commesso “errori in alcune designazioni” ma ha difeso il suo operato e ha respinto categoricamente le accuse di corruzione, che l’opposizione e i media gli rivolgono, e ha assicurato che non si tirerà indietro nonostante le minacce. Castillo ha detto che si sottometterà alla giustizia e, sebbene abbia chiesto l’unità per costruire “un Paese migliore”, ha ricevuto il rifiuto dei gruppi di opposizione che lo hanno licenziato con grida e richieste di dimissioni. All’inizio del suo mandato, Castillo ha cercato di formare un fronte progressista convocando altri settori della sinistra, ma non è durato a lungo, poiché lo stesso Perù Libre (PL), partito di sinistra cui si era appoggiato da indipendente per essere eletto, gli ha voltato le spalle, con il segretario generale, Vladimir Cerrón, deciso a monopolizzare il governo per il suo partito e per sé stesso, diventando così il principale nemico di quel fronte progressista che poteva dare stabilità al governo. Cerrón ha attaccato gli alleati di Castillo che non erano del suo partito, alleandosi per questo perfino con l’estrema destra e votando come loro nelle ultime votazioni al Congresso. Sono poi arrivate le denunce di corruzione e l’abbandono delle promesse di cambiamento, che in poco tempo hanno sbriciolato quel fronte progressista. Castillo ha così raggiunto il suo primo anno in carica sempre più solo e isolato. In questo primo anno di governo, poi, Castillo ha avuto quattro gabinetti ministeriali, un record che segna la sua debolezza. Un altro esempio di debolezza sono stati i sette ministri che in un anno sono passati per il ministero dell’Interno. Nei suoi primi mesi in carica, quelli del fronte progressista, Castillo ha avuto successo nella politica economica e nella campagna di vaccinazione contro il covid 19, ma sotto la pressione di Cerrón, e la guerra a destra, ha rimosso i suoi due ministri più anziani di successo, quelli di Economia e Salute. Il ministero dell’Economia è passato dal famoso economista di sinistra Pedro Francke, che ha promosso una riforma fiscale per aumentare le tasse sulle grandi compagnie minerarie e sulla ricchezza, a un tecnocrate neoliberista, l’attuale ministro Oscar Graham, che ha accantonato quella riforma.

Le denunce che lo perseguitano

Accanto alla debolezza politica sono arrivate le accuse di corruzione, che comprendono il suo ex segretario personale, i ministri e due dei suoi nipoti. C’è poi la denuncia di cattiva gestione nell’assegnazione dei lavori pubblici e la raccolta di tangenti nelle promozioni di polizia. Le denunce sono al vaglio della Procura, mentre il presidente si dichiara innocente e sfida chiunque a trovare le prove. “I media diffondono bugie e notizie false, si stancheranno di cercare prove perché non le troveranno “, ha dichiarato Castillo al Congresso. Castillo detiene il record di cinque indagini fiscali per presunta corruzione e l’ostinato assedio del Congresso, che chiede le sue dimissioni ad ogni costo, paventando un colpo di Stato. La procuratrice della nazione, Patricia Benavides, inoltre, ha deciso di aprire una nuova indagine per “ostruzione alla giustizia”, poiché Castillo avrebbe protetto tre membri latitanti del suo entourage, alimentando le fiamme per una terza richiesta di impeachment in dodici mesi. Nel frattempo, le indagini in corso che puntano sul presidente contemplano una presunta influenza nell’acquisto di carburante da parte della società statale Petroperú nel 2021 e il presunto ostacolo alla giustizia nel licenziamento di un ministro dell’Interno. È anche accusato di traffico d’influenza in un fascicolo sulle promozioni militari, di corruzione e collusione aggravata in un progetto di opere pubbliche e, infine, di plagio nella sua tesi universitaria. Castillo nega enfaticamente tutte le accuse. Il Pubblico Ministero, comunque, non può portare in tribunale il presidente perché ha l’immunità fino alla fine del suo mandato nel 2026. 

Crescita economica con redistribuzione

Nel sottolineare la sua amministrazione, Castillo ha affermato che l’economia peruviana è cresciuta del 3,5 per cento finora quest’anno , al di sopra della proiezione del 2,5 per cento, e che più di un milione di abitanti sono stati in grado di uscire dalla povertà . Ha inoltre assicurato che sono stati recuperati i livelli occupazionali pre-pandemia, con 5,5 milioni di posti di lavoro attivi, di cui 352 mila nuovi. Il presidente ha affermato che gli investimenti privati ​​nazionali ed esteri sono garantiti con “giustizia redistributiva ” . Ha fatto un bilancio sui programmi sociali intrapresi dai vari settori dell’Esecutivo, tra i quali ha annunciato l’aumento del budget per la mensa scolastica e bonus economici per le famiglie povere. “Vi invito a costruire insieme un Paese migliore, più prospero, democratico, inclusivo e solidale, senza discriminazioni di alcun tipo, con uguali diritti e opportunità per tutti”, ha detto Castillo, indicando l’opposizione, aggiungendo: “Solo uniti possiamo farcela”.

Riuscirà a finire il suo mandato?

Se Castillo è andato male nel suo primo anno in carica, il Congresso dell’opposizione è andato peggio. Secondo un sondaggio Ipsos di questo mese, Castillo ha l’approvazione del 20 per cento degli intervistati, mentre il 74 per cento lo rifiuta, ma nel caso del Congresso controllato dalla destra i risultati sono peggiori, con il 14 per cento a favore e il 79 per cento degli intervistati contro l’operato del Congresso. Durante il discorso di Castillo al Congresso, venti dei 130 membri del Congresso si sono ritirati per protesta e un altro gruppo gli ha voltato le spalle seduto dai propri posti. “Corrotto!” , ha esclamato ad alta voce in aula la deputata conservatrice Patricia Chirinos, interrompendo le parole di Castillo. “Fujimori mai più!” , ha risposto il banco di minoranza della coalizione di sinistra che sostiene Castillo. Fuori dal Congresso, centinaia di manifestanti hanno marciato chiedendo le sue dimissioni. Parallelamente, una mobilitazione meno ampia di gruppi e sindacati si è mobilitata a sostegno del presidente. In questo scenario la domanda che risuona è: “riuscirà il presidente a terminare il mandato di cinque anni per il quale è stato eletto?” L’insistenza su questa questione riflette la debolezza di un governo che cammina al limite, minacciato dai suoi oppositori che vogliono farlo cadere e dalle sue stesse mancanze e problemi interni. Le scommesse sul fatto che Castillo finisca o meno il suo governo non favoriscono il presidente. La destra, inoltre, cerca di disabilitare il presidente e la vicepresidente, Dina Boluarte , cercando di rimuoverli dalle loro posizioni per prendere il potere. Se entrambi dovessero cadere, il capo del governo sarebbe assunto da chi in quel momento detiene la presidenza del Congresso – ora la posizione è nelle mani della deputata del partito di Azione Popolare María del Carmen Alva , che è molto vicina al Fujimorismo e ad altri settori di destra.