28 Settembre 2022

Ambiente: aerei privati e emissioni record – i vip sotto accusa

Ambiente: aerei privati per voli brevissimi, ecco le star sotto accusa

Solo di recente si sta ponendo maggiore attenzione su un problema che però si verifica da anni: i jet privati dei ricchi e il terribile contributo alla situazione climatica.

È stata una ricerca a svelare chi sono le celebrità che inquinano di più utilizzando jet privati, per voli brevi e non necessari. La lotta al cambiamento climatico, soprattutto di recente, ha posto l’accento su quanto anche gli spostamenti aerei comportino un grande impatto in termini di CO2 emessa.

Insomma, viaggiare in aereo è in generale una delle modalità che, come riporta Il Corriere della Sera, “genera i livelli più alti di carbon footprint, ovvero gas serra”. Inoltre, se poi parliamo di jet privati, quindi mezzi in cui “il numero di ospiti a bordo è spesso una piccola frazione rispetto ad un volo di linea, allora si raggiungono veramente i livelli percentualmente più elevati per singola persona”. Solo di recente, anche a causa del repentino peggioramento visibile della situazione, questi spostamenti “sono molto osteggiati, tanto da aver generato una tendenza su Instagram, sotto forma di account che tengono monitorati i viaggi dei privati, normalmente persone molto ricche e in vista”.

I dati e l’impatto ambientale

Questo fenomeno di monitoraggio, che ha portato inoltre diverse persone a schierarsi e protestare contro determinati vip finiti nel mirino, ha il risvolto positivo di accendere i riflettori sulla mole di inquinamento che questi voli producono, paragonati all’impronta ecologica delle persone “normali”.

Ogni volta che un aereo privato si alza in volo per un’ora “emette circa 2 tonnellate di anidride carbonica (Co2). Gli bastano quindi solo quattro ore per superare la quantità di gas serra che una persona che vive in Europa produce in media durante un intero anno”, riporta Today. A tenere il conto di questi spostamenti è proprio la pagina Instagram @jetdeiricchi, nata appunto per documentare l’impatto dei voli privati sull’ambiente.

Il monitoraggio di @jetdeiricchi e CelebJets

Dietro ‘jet dei ricchi’ ci sono persone con storie professionali e politiche diverse, impegni su temi sociali, ambientali e territoriali talvolta lontani tra loro. Indipendentemente dal nostro passato” dicono i responsabili della pagina a Today, manifestando la volontà di rimanere anonimi. “Condividiamo l’idea che anima questa pagina: fare informazione e attivismo. Farlo con dati pubblici e calcoli riproducibili da chiunque, portare nel dibattito pubblico un tema non affrontato – (l’aviazione privata di lusso) – che è un’occasione per raccontare le disuguaglianze del nostro Paese, sia sul piano socioeconomico sia su un piano climatico e ambientale, poiché questi due ambiti sono indissolubili”.

Ci siamo ispirati a progetti già realizzati in altri paesi – aggiunge la fonte anonima a Today – per esempio ‘L’avion de Bernard’ in Francia che calcola l’impatto ambientale del jet privato di Bernard Arnault, direttore generale di Louis Vuitton e terzo uomo più ricco del mondo ed Elonmuskjet che segue l’aereo privato di Elon Musk, Ceo di Tesla e SpaceX.”

Tale analisi ha portato a una sconcertante realtà: “l’impatto ambientale dei jet privati di alcuni degli uomini più ricchi d’Italia è molto alto e che i risultati sono difficili da capire e comunicare per chi non si occupa professionalmente di clima e ambiente. Per questo cerchiamo di dare alla pagina un taglio pedagogico, che permetta alla lettrice e al lettore di comprendere le dimensioni e le proporzioni delle disuguaglianze climatiche che intercorrono tra una persona normale e un miliardario”.

Chi sono i Vip sotto accusa

Secondo CelebJets, pagina Twitter che si occupa anch’essa di tracciare le rotte dei voli dei Vip, l’aereo privato di Kim Kardashian ha effettuato quattro voli di meno di 20 minuti negli ultimi due mesi. Una notizia che ha fatto molto scalpore ma non ha stupito visto che soli pochi giorni prima a finire sotto accusa era stata la sorellastra Kylie Jenner, che di voli ne ha fatti addirittura il doppio. Questo piccolo spostamento del 24 luglio ha richiesto un volo durato appena 10 minuti ma con 81 galloni di carburante e una emissione di una tonnellata di anidride carbonica (CO2), più o meno lo stesso di un’auto a gas che emette guidando per sei mesi.

Come riporta Il Mattino, anche il rapper Drake usa spesso il suo jet, arrivando ad effettuare cinque voli dal 30 maggio al 24 luglio 2022. Tuttavia, seppur il numero di voli appare contenuto, c’è da segnalare che l’aereo del cantante avrebbe comunque prodotto la maggior parte delle emissioni di anidride carbonica, a causa delle sue dimensioni.

Tra le celebrità citate, scrive l‘Indipendent, ci sono anche Steven Spielberg, Mark Walhberg e il pugile Floyd Mayweather a prendere voli privati per tratte molto brevi.

A finire nella polemica, solo pochi giorni fa, è stata infine la cantante Taylor Swift, che avrebbe trascorso quasi 16 giorni interi di tempo in volo quest’anno, emettendo 8.293,54 tonnellate di Co2 e percorrendo una media di circa 140 miglia per tratta, secondo la ricerca.

I dati italiani

In Italia la situazione è monitorata appunto da “@jetdeiricchi” che, come dice il nome, segue gli spostamenti basandosi su dati pubblici, come ad esempio il tracker OpenSkyNetwork, che segue gli spostamenti di tutti gli aerei sulla terra con la tecnologia ADS-B. A quel punto come si legge su Il Corriere della Sera “basta calcolare le emissioni in base al tempo di volo, al consumo medio comunicato dai costruttori dei jet e al fattore specifico relativo al carburante. I gestori de profilo sostengono di non avere alcun interesse a mappare gli spostamenti delle persone, ma esclusivamente segnalare che, nel momento stesso in cui il jet privato è in volo, c’è una fortissima emissione di CO2 nell’atmosfera”.

Mentre tutta l’Italia va in vacanza – si legge sulla pagina Instagram ufficiale di @jetdeiricchi – la famiglia più glamour del paese, I Ferragnez, si reca a Ibiza per qualche giorno di meritatissimo riposo, per farlo scelgono il mezzo di trasporto più ecologico che c’è, un jet privato Bombardier Challenger 850che brucia 20 litri di kerosene al minuto. Per un viaggio di 1 ora e mezza Fedez & Chiara emettono nell’atmosfera 5,6 tonnellate di CO2”.