25 Settembre 2022

Sicurezza: Viminale, ‘nell’ultimo anno reati su del 12,8% ma non tornano a livelli precovid’

Sono i dati contenuti nel dossier del Viminale, pubblicato in occasione della tradizionale riunione del 15 agosto del Comitato nazional per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Aumentano del 12,8% i reati commessi in Italia nell’ultimo anno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente mantenendosi comunque al di sotto del numero di delitti registrati nell’anno pre-covid del 9,4%.

In particolare dal 1 agosto 2021 al 31 luglio 2022 i reati commessi sono 2.116.479 mentre tra il 1 agosto 2020 e il 31 luglio 2021 ne erano stati registrati 1.875.038. Dal 1 agosto 2018 al 31 luglio 2019 (periodo precovid) erano stati invece 2.338.073.

Aumentano gli omicidi, i furti e le rapine nell’ultimo anno. Sono i dati contenuti nel dossier del Viminale, pubblicato in occasione della tradizionale riunione del 15 agosto del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica. In particolare dal 1 agosto 2021 al 31 luglio 2022 si registrano 319 omicidi (36 attribuibili alla criminalità organizzata) contro i 276 dello stesso periodo precedente (1 agosto 2020-31 luglio 2022) mentre nel periodo precovid erano 334. Le rapine commesse nell’ultimo anno sono 24.644 (erano 19.975 nell’anno precedente e 25.588 nel periodo precovid). Stesso andamento per i furti: 902.014 nell’ultimo anno, 730.061 nell’anno precedente 1.117.855 nel periodo precovid. Aumentano anche le persone denunciate in stato di arresto che sono 149.608 contro le 146.699 dell’anno precedente e quelle solo denunciate che sono 632.647 (erano 680.568 nello stesso periodo dell’anno precedente).

Sono 45.664 i migranti sbarcati dall’inizio dell’anno (1 gennaio-11 agosto 2022) in Italia, il 40,36% in più dell’anno precedente, di cui 6.070 minori non accompagnati. Aumentano nello stesso periodo anche gli scafisti arrestati (137), il 41,24% in più. Sono i dati contenuti nel dossier del Viminale, pubblicato in occasione della tradizionale riunione del 15 agosto del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Del totale degli sbarchi sono 21.347 i migranti soccorsi a seguito di eventi Sar (46,7%), di cui 7.270 quelli recuperati da ong (16%) e 24.317, il 53,2%, sono arrivati con sbarchi autonomi. Libia (24.809), Tunisia (12.536) e Turchia (7.039) i principali paesi di provenienza dei migranti. Seguono Libano, Algeria, Siria e Grecia.

Per quanto riguarda i canali di accesso legali, quattro persone sono arrivate per reinsediamento, 977 attraverso corridoi umanitari, 185 in seguito a evacuazioni umanitarie e 5.544 con l’operazione Aquila dall’Afghanistan. Sempre negli ultimi otto mesi sono 3.955 i rimpatri.

Al 10 agosto sono 95.184 in totale i migranti in accoglienza in Italia, il 23,9% in più rispetto al 10 agosto dello scorso anno: 682 sono in hotspot, 63.570 in centri di accoglienza e 30.932 nei Sai.

Aumentano del 15,7% i femminicidi commessi nell’ultimo anno, che sono complessivamente 125 ovvero il 39,2% del totale degli omicidi volontari. Sono 108 i femminicidi maturati in ambito familiare e 68 quelli commessi dal partner o dall’ex partner. Tra il 1 agosto 2020 e il 31 luglio 2021 erano state 108 le donne uccise. Sono i dati contenuti nel dossier del Viminale, pubblicato in occasione della tradizionale riunione del 15 agosto del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Calano le denunce per stalking, 15.817 contro le 18.653 dell’anno precedente, ma aumentano gli ammonimenti del questore 3.100, di cui 1.640 per violenza domestica e diminuiscono i provvedimenti di allontanamento (414).

Sul fronte della lotta al terrorismo internazionale sono 61 le persone espulse per motivi di sicurezza, 24 gli estremisti arrestati e 146 i foreign fighters monitorati nell’ultimo anno. Sono i dati contenuti nel dossier del Viminale, pubblicato in occasione della tradizionale riunione del 15 agosto del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Nell’ambito del contrasto al terrorismo interno tra il 1 agosto 2021 e il 31 luglio 2022 sono 10 gli estremisti di area anarchica arrestati e 16 gli estremisti arrestati nell’area della destra eversiva.

Sono 14.610 le manifestazioni (452 con disordini) che si sono registrate nell’ultimo anno (1 agosto 2021-31 luglio 2022), in calo rispetto a quelle dell’anno precedente (15.672). Del totale sono 3.076 quelle di carattere sindacale. Sono i dati contenuti nel dossier del Viminale, pubblicato in occasione della tradizionale riunione del 15 agosto del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Sono 2.503 le manifestazioni calcistiche gestite con la presenza delle forze di polizia: in due occasioni si sono verificati disordini.

Aumentano del 27% gli interventi dei vigili del fuoco per incendi di vegetazione nell’ultimo anno: 132.256 in totale. In crescita anche gli interventi per incendi ed esplosioni (+36%). In totale i vigili del fuoco hanno eseguito 970.869 interventi tra il 1 agosto 2021 e il 31 luglio 2022. Sono i dati contenuti nel dossier del Viminale, pubblicato in occasione della tradizionale riunione del 15 agosto del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica.