domenica4 Dicembre 2022
NEWS > 9 Settembre
DUEMILA22

Energia: Salvini, ‘governo chiami, stanotte do ok mio e Lega a decreto urgente’

“Letta se ci sei batti un colpo” “Se il governo chiama io sospendo tutto quello che ho da fare e...

IN QUESTO ARTICOLO

“Letta se ci sei batti un colpo”

“Se il governo chiama io sospendo tutto quello che ho da fare e do l’ok mio e della Lega a decreto urgente per fermare gli aumenti delle bollette”. Lo dice il segretario della Lega Matteo Salvini a Tg2 Post.

“Serve un decreto urgente da 30 miliardi, per fermare gli aumenti delle bollette. Vorrei che tutti, Pd, governo e Europa, capissero che se non si mettono adesso dei soldi, rischiamo di perdere 1 milione di posti di lavoro. Dividiamoci su tutto, ma uniamoci per risolvere il problema delle bollette, non capisco i silenzi di Letta, Renzi, Di Maio e Conte”, aggiunge il leader leghista.

“Il governo italiano può intervenire domani mattina – insiste Salvini – mi domando perché da noi non si sia fatto nulla, rischiamo di perdere 3 milioni di posti di lavoro. Bisogna mettere sul tavolo 30 miliardi, sì, sono altro debito ma buon debito perché servono a salvare milioni di posti di lavoro. E’ un appello accorato, energico, un po’ arrabbiato, riuniamoci per fermare le bollette adesso. Il governo italiano è in carica, siamo disposti a firmare stanotte”.

“Se ci sta ascoltando, Letta, se ci sei dacci un colpo, firmiamo insieme il decreto per bloccare gli aumenti delle bollette. Forse sta inseguendo fascisti in giro così a caso”. Lo dice a Marino, in provincia di Roma, il segretario della Lega Matteo Salvini, parlando dell’emergenza bollette.

“Sto cercando di avere un confronto televisivo con Letta, ma lui scappa, va altrove”, aggiunge Salvini.

CONDIVIDI

Leggi Anche