martedì29 Novembre 2022
NEWS > 2 Ottobre
DUEMILA22

Ucraina: Russia, la resa dei conti fra i siloviki e c’è chi parla di rischio per il regime.

E’ iniziata in Russia la guerra aperta fra i siloviki. La disfatta di Lyman, meno di 24 ore dopo la...

IN QUESTO ARTICOLO

E’ iniziata in Russia la guerra aperta fra i siloviki. La disfatta di Lyman, meno di 24 ore dopo la firma degli accordi per l’annessione delle quattro regioni del sud est dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin, ha fatto emergere le rivalità fra le diverse fazioni degli apparati militari e della sicurezza. La battaglia non si svolge più dietro le quinte. Le critiche avvengono apertamente e a voce alta. Tanto che alcuni hanno iniziato a prevedere se non la fine del regime o un colpo di stato, come ha fatto Leonid Bershidsky, ex direttore di Vedomosti da anni oramai rifugiato a Berlino, comunque cambiamenti ai vertici della difesa.

Ieri si sono espressi contro la gestione dell’operazione militare speciale il Presidente della Cecenia, Ramzan Kadyrov, il tycoon a capo della Wagner fucina di mercenari Evgeny Prigozhin – che proprio nei giorni scorsi ha ammesso la paternità della società, come a riscuotere il dovuto – l’ex generale ora deputato, Andrei Gurulev, Igor Girkin, noto anche come Strelkov, fra i primi a scendere in campo nel Donbass nel 2014. Influenti canali Z (dal simbolo usato in Russia soprattutto nei primi mesi per catalizzare il sostegno per la guerra, ndr) come “Rybar” danno spazio e amplificano le loro voci.

Nessuno di loro per il momento si spinge oltre, nelle sue dichiarazioni pubbliche, al ministro della Difesa Sergei Shoigu e al capo di Stato maggiore Valery Gerasimov. Ma Putin non ha da sentirsi tranquillo.

Più che la richiesta dell’impiego di testate nucleari di carica ridotta, hanno colpito, nelle parole di Kadyrov di ieri, le critiche esplicite e feroci al comandante del distretto militare centrale, il generale Aleksandr Lapin che, a suo dire, non è riuscito a portare al fronte le truppe, le linee di comunicazione, il coordinamento e le munizioni necessarie. L’uomo forte del Caucaso, che ha dimostrato in diverse occasioni in passato di riuscire a influenzare le politiche del Cremlino, ha ricordato che lo scorso giugno era stato conferito a Lapin il titolo di Eroe della Russia per aver preso il controllo di Lysychansk anche se “di fatto non era presente sul campo e neanche nei dintorni del fronte”. Lapin “è una persona priva di talenti” che però gode “del sostegno dei vertici dello stato maggiore”, ha aggiunto, usando il termine di “nepotismo”.

“Avete bisogno di una prova delle crepe in seno all’elite, spesso un segno della fine di un regime?”, ha scritto l’economista e oppositore russo Konstantin Sonin, ora all’Università di Chicago, commentando queste dichiarazioni. “Non riesco a spiegarmi la caduta di Lyman”, ha affermato Gurulev, ex comandante del distretto militare meridionale, in una intervista alla radio della Komsomolskaya Pravda, denunciando “menzogne dalla cima al fondo” dell’apparato della difesa. Gurulev, che oggi denuncia la scomparsa di un milione e mezzo di uniformi militari, non ha potuto proseguire perché è stato immediatamente messo fuori onda. Quando la linea è stata riallacciata poco dopo, l’ex militare si è limitato a commenti generici.

“Inviate tutta questa immondizia a piedi nudi e armata direttamente al fronte”, ha affermato ieri Prigozhin, pronto a prendere il posto dei vertici della difesa che propone di trasformare in carne da cannone. “E’ in atto uno scisma totale in seno alla lobby della guerra che non è destinato a concludersi in modo pacifico, senza voler fare giochi di parole”, ha commentato il fondatore del sito investigativo Bellingcat, Christo Grozev.

A testimoniare il clima di resa dei conti generale, non necessariamente una buona notizia per chi auspica una svolta democratica della Russia, il canale Telegram filocremlino “Readovka” accusa Kadyrov e gli altri di essere peggio del nemico. “Zona Grigia” arriva ad accusarli di lavorare per “i traditori”. La spiegazione più vicina a quella ufficiale per tale “grande dibattito” in seno all’elite, per le critiche della situazione sul campo di battaglia che oramai nessuno nega più, è che sono il frutto di preoccupazione. Preoccupazione perché in una situazione di conflitto non sono state ancora prese decisioni di rottura come per esempio, si elenca, l’introduzione della legge marziale, la nazionalizzazione delle imprese o la sospensione dell’attività politica.

“I cambiamenti in questi ultimi mesi in Russia sono stati molto limitati. Ed è una delle ragioni per cui c’è preoccupazione. Si pensa che quando c’è un conflitto di questo genere, servono decisioni più nette”, ha affermato in una intervista oggi a Lucia Annunziata Andrei Kortunov, direttore generale del Riac (Russian International Affairs Council). “Fino a ora però i vertici hanno voluto salvaguardare la stabilità ed evitare di fare passi che possano suggerire che ci si allontani dalla normalità”, ha aggiunto.

“Molti (all’interno della classe dirigente, ndr) dicono che la Russia non è abbastanza seria e che la mobilitazione parziale è la risposta alle critiche al Cremlino. Si comincia a capire che l’Ucraina è un avversario molto resistente, aiutato su vasta scala degli occidentali, che questo conflitto sarà difficile per la Russia e che quindi bisogna fare qualcosa per cambiare il corso della battaglia, per vincere”. Fino a ora, non sono state fatte riforme significative economiche e politiche e le persone che circondano Putin sono le stesse di sette mesi fa.

CONDIVIDI

Leggi Anche