sabato28 Gennaio 2023
Alphabet
NEWS > 26 Ottobre
DUEMILA22

Meno buoni del previsto i risultati di Alphabet per vendite e profitti

Il terzo trimestre del 2022 ha riservato brutti risultati per Alphabet, la società madre di Google. I ”numeri” non hanno...

IN QUESTO ARTICOLO

Il terzo trimestre del 2022 ha riservato brutti risultati per Alphabet, la società madre di Google. I ”numeri” non hanno infatti confermato le stime degli analisti di Wall Street. La società, ieri, ha reso noto i risultati sugli utili per il periodo luglio-settembre, che, sia per le vendite che per i profitti – in gran parte a causa di un forte rallentamento nella crescita della sua attività pubblicitaria principale -, sono stati inferiori alle previsioni. La società ha registrato un fatturato di quasi 69,1 miliardi di dollari, con un aumento del 6 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I ricavi pubblicitari di Google sono cresciuti solo del 2,5 per cento anno su anno, rispetto alla crescita del 43 per cento  registrata un anno fa. L’attività pubblicitaria di YouTube (che ha in TikTok un fortissimo antagonista) ha risentito particolarmente della situazione, registrando un calo delle entrate di quasi il 2 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’utile netto di Google è stato di 13,9 miliardi di dollari, in calo di oltre il 26 per cento rispetto all’anno precedente e ben al di sotto dei 16,6 miliardi di dollari previsti dagli analisti. Dopo la pubblicazione del rapporto, le azioni della società sono scese del 6% negli scambi after-hour. Il Ceo di Alphabet e Google, Sundar Pichai, in una dichiarazione allegata nella nota con i risultati, ha detto che ”stiamo concentrando la nostra attenzione su una chiara serie di priorità di prodotto e di business, Ci concentriamo sia sull’investimento responsabile a lungo termine che sull’essere reattivi all’ambiente economico”.
Le aziende tecnologiche, tra cui Google, hanno riferito di aver iniziato a sentire l’impatto del calo della spesa pubblicitaria online nel trimestre precedente. L’inflazione elevata, i timori incombenti sulla recessione e la guerra in corso in Ucraina hanno continuato a pesare sul settore. Anche la crescita in altre aree dell’attività di Google sembra rallentare. 

CONDIVIDI

Leggi Anche