sabato28 Gennaio 2023
NEWS > 28 Ottobre
DUEMILA22

Spazio: morto James McDivitt, comandante delle missioni Nasa

James McDivitt,  l’astronauta statunitense che ha comandato alcune delle prime e più ambiziose missioni nello spazio della NASA, è morto...

IN QUESTO ARTICOLO

James McDivitt,  l’astronauta statunitense che ha comandato alcune delle prime e più ambiziose missioni nello spazio della NASA, è morto nel sonno all’età di 93 anni,. Ne ha dato notizia l’ente spaziale americano. McDivitt, che era stato selezionato per la seconda classe di astronauti della NASA nel 1962, è stato il pilota comandante della missione Gemini 4 nel 1965 e dell’Apollo 9 nel 1969, la  missione che ha contribuito a spianare la strada al primo atterraggio lunare umano. In una nota, la Nasa ha detto che l’astronauta e pilota collaudatore della US Air Force è morto “pacificamente nel sonno circondato dalla sua famiglia e dai suoi amici a Tucson, in Arizona”.

Le due missioni di McDivitt furono determinanti nella corsa allo spazio guidata dalla Guerra Fredda tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, la cui serie di primi successi nei voli spaziali spinse Washington a perseguire risultati come il primo sbarco sulla luna con equipaggio dell’Apollo 11 nel luglio del 1969. La quarta missione nell’ambito del Progetto Gemini, un precursore del programma Apollo della NASA, ha segnato il primo volo di McDivitt nello spazio. Durante quel volo spaziale di quattro giorni, McDivitt ha supervisionato la prima passeggiata spaziale americana in cui il collega astronauta Ed White ha fluttuato per la prima volta fuori dalla loro navicella spaziale, legato da una corda alla navicella. McDivitt in seguito si unì a due astronauti come comandante della missione Apollo 9, un cruciale test di volo di debutto del modulo lunare della NASA che in seguito avrebbe fatto atterrare gli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldrin sulla luna durante la missione Apollo 11.

CONDIVIDI

Leggi Anche