giovedì2 Febbraio 2023
NEWS > 5 Novembre
DUEMILA22

Canada: in Ontario chi sciopera rischia multa da 4.000 dollari al giorno

Sono ore di polemica in Canada, per via di una controversa legge approvata dal governo della Provincia dell’Ontario. La nuova...

IN QUESTO ARTICOLO

Sono ore di polemica in Canada, per via di una controversa legge approvata dal governo della Provincia dell’Ontario. La nuova normativa potrebbe infatti portare a sanzioni da 4.000 dollari giornalieri (circa 3.000 euro) per i lavoratori che decidono di scioperare. Una decisione molto discussa, specialmente perché la sua approvazione è stata resa possibile grazie a un cavillo che permette di evitare qualsiasi discussione sulla sua costituzionalità (la Nowithstanding clause).

Le polemiche infuriano, con il CUPE (il sindacato canadese dei dipendenti pubblici) che ha chiarito con fermezza che i lavoratori continueranno a lavorare. Una presa di posizione forte per un sindacato che rappresenta 55.000 lavoratori fra educatori, custodi e staff amministrativo. Sindacati che ricadono nel mirino di questa legge, dato che permetterebbe multe anche nei confronti delle associazioni, fino a 500.000 dollari.

Lo scontro arriva al termine di una dura trattativa per ottenere un rialzo degli stipendi annuali richiesto dal CUPE, che richiedeva un aumento del 11,7% , ma che si è visto fare una controproposta molto inferiore. Per questo il provvedimento sembra diretto principalmente alla categoria degli educatori. Fred Hahn, presidente del CUPE Ontario, ha commentato così l’introduzione della cosiddetta Bill 28: “I lavoratori non intendono vedere i loro diritti portati via in questo modo, dobbiamo puntare i piedi per noi e per l’intero sistema di educazione pubblica. Ed è quello che faremo: questa legge non è solo un attacco nei nostri confronti , ma contro i diritti di tutti i lavoratori”.                                                                                                      Il premier dell’Ontario, Doug Ford, ha descritto la misura come necessaria per salvaguardare gli studenti dall’impatto che chiudere le classi in caso di sciopero avrebbe su di loro.

CONDIVIDI

Leggi Anche