sabato28 Gennaio 2023
NEWS > 12 Novembre
DUEMILA22

Germania: l’export verso la Russia calato del 52,9% dopo le sanzioni

Dopo le sanzioni decise contro la Russia, adottate dopo l’invasione dell’Ucraina, le esportazioni tedesche verso Mosca sono crollate, attestandosi a...

IN QUESTO ARTICOLO

Dopo le sanzioni decise contro la Russia, adottate dopo l’invasione dell’Ucraina, le esportazioni tedesche verso Mosca sono crollate, attestandosi a settembre, secondo le rilevazioni dell’Ufficio federale di statistica, a 1,1 miliardi di euro. Quindi al 52,9 per cento al di sotto del livello di un anno fa. 
Il valore delle importazioni dalla Russia è diminuito del 37,4% a 1,8 miliardi di euro. Questo calo sarebbe stato ancora più pronunciato senza l’aumento dei prezzi, soprattutto nel settore energetico. In termini di volume, le importazioni dalla Russia sono addirittura diminuite del 66,6% rispetto a settembre 2021. Le importazioni di petrolio e gas naturale dalla Russia sono diminuite in valore di circa il 50% a 0,8 miliardi di euro e in volume del 69% a 1,5 milioni di tonnellate.
Tuttavia, petrolio e gas naturale hanno continuato a essere i beni importati più importanti dalla Russia. Altri beni richiesti sono stati i prodotti da cokeria e oli minerali, che sono aumentati del 60% a 0,4 miliardi di euro, e i metalli, per i quali il volume delle importazioni è diminuito di un buon 4

Complessivamente, cioè a livello globale, le aziende tedesche hanno esportato beni per un valore di 142,1 miliardi di euro a settembre, il 20,2% in più rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. L’export verso gli USA, la principale destinazione delle merci “Made in Germany”, è aumentato del 43,4 per cento a 15,4 miliardi di euro. Le merci di esportazione più importanti sono state autoveicoli e componenti, nonché prodotti farmaceutici. In Germania sono state importate merci per un totale di oltre 134 miliardi di euro. Erano il 31,3 per cento in più rispetto all’anno precedente. La Cina è stata ancora una volta il partner commerciale più importante per le importazioni, con un aumento del 35 per cento a 16,8 miliardi di euro.

 

CONDIVIDI

Leggi Anche