giovedì2 Febbraio 2023
NEWS > 14 Novembre
DUEMILA22

Tweet falso ma con “spunta blu”: crolla il titolo dell’azienda farmaceutica Eli Lilly

La decisione presa da Elon Musk di rendere a pagamento il sistema di verifica per account ufficiali di Twitter, arrivata...

IN QUESTO ARTICOLO

La decisione presa da Elon Musk di rendere a pagamento il sistema di verifica per account ufficiali di Twitter, arrivata subito dopo il suo acquisto della piattaforma per 44 miliardi di dollari, sembra provocare disastri ormai ogni giorno. L’ultimo e clamoroso caso riguarda Eli Lilly and Company, colosso farmaceutico statunitense con sede a Indianapolis. Nelle scorse ore, qualcuno ha creato un utente fasullo rendendolo però “verificato” grazie al pagamento richiesto ora per ottenere la Spunta blu. Lo scopo? Mandare un tweet che recitava semplicemente “Siamo molto felici di annunciare che , da adesso, l’insulina è gratis”.Un messaggio chiaramente ironico, ma non subito compreso da molti, specialmente perché postato da un’azienda sempre al centro delle polemiche per l’alto prezzo dei suoi farmaci, come l’Humalog, il prodotto insulinico di Eli Lilly, il cui costo può superare anche i 300 dollari.

E’ stato solo  l’ultimo dei casi in cui gli utenti stanno sfruttando le falle del sistema introdotto da Musk su Twitter, che di fatto permette a chiunque paghi di impersonare aziende o personaggi famosi. Ma stavolta si è andati oltre la semplice risata, perché il titolo in borsa di Eli Lilly è letteralmente crollato di oltre 11 punti percentuali, con perdite pesantissime  (fino a 20 miliardi in market cap). Naturalmente il messaggio in sé non è la sola causa del calo, legato secondo gli analisti alla presa di coscienza dell’elevato costo dell’insulina negli Stati Uniti, specialmente in un periodo di crisi farmaceutica. Che ha portato alla morte di molti pazienti, impossibilitati ad acquistare le medicine per curarsi.

La prova è che anche aziende rivali, come Sanofi e Novo Nordisk hanno subito impatto da questa bravata. Twitter ha momentaneamente bloccato il programma a pagamento per la verifica degli account, a causa del proliferare di utenti fake. Ma la situazione sul social network sembra essere sul punto di sfuggire dalle mani del nuovo patron, Elon Musk.

CONDIVIDI

Leggi Anche