sabato28 Gennaio 2023
NEWS > 18 Novembre
DUEMILA22

Usa: ok dell’FDA alla carne coltivata in laboratorio

Per la prima volta la Food and Drug Administration (l’ente americano che controlla il settore alimentare e quello dei prodotti...

IN QUESTO ARTICOLO

Per la prima volta la Food and Drug Administration (l’ente americano che controlla il settore alimentare e quello dei prodotti farmaceutici)  dà il via libera alla carne coltivata in laboratorio. L’agenzia governativa ha dichiarato, in un documento ufficiale, che il “pollo coltivato”, prodotto da Upside Foods, è sicuro da mangiare. La FDA, si legge in una sua nota, “ha valutato le informazioni presentate all’agenzia e non ha ulteriori domande in questo momento sulla conclusione sulla sicurezza dell’azienda”. “Questo è un momento di svolta nella storia del cibo”, ha dichiarato in una nota Uma Valeti, CEO e fondatore dell’azienda. “I consumatori statunitensi – ha aggiunto – avranno presto la possibilità di mangiare carne deliziosa che viene coltivata direttamente da cellule animali”. Le cellule di un singolo pollo consentono la coltivazione della stessa quantità di pollame che ora proviene da centinaia di migliaia di uccelli d’allevamento, secondo  la  sua azienda. Sebbene l’agenzia abbia ritenuto che il pollo di Upside Foods fosse sicuro da mangiare, il prodotto non è approvato per la vendita. I rimanenti ostacoli di Upside prima che possa portare il suo prodotto sul mercato coinvolgono il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e il suo Servizio di sicurezza e ispezione alimentare.

Uma Valeti, che è un cardiologo, ha avviato Upside nel 2015 dopo aver avuto l’idea di quella che ora viene chiamata carne “coltivata” mentre lavorava alla Mayo Clinic coltivando cellule cardiache umane in un laboratorio. Una volta ottenuta l’approvazione normativa per vendere i suoi prodotti coltivati, tra cui un filetto di pollo, l’impianto di produzione di Upside a Emeryville, in California, sarà in grado di produrre più di 22.500 chilogrammi all’anno, secondo la società. Gli scienziati affermano che circa un terzo di tutti i gas serra prodotti dall’uomo derivano dalla produzione alimentare, in particolare dal bestiame. I sostenitori della carne coltivata in laboratorio affermano che aiuterebbe a ridurre le emissioni di metano e contribuirebbe a combattere il riscaldamento globale.

CONDIVIDI

Leggi Anche