giovedì2 Febbraio 2023
NEWS > 20 Novembre
DUEMILA22

Usa: Baltimora, identificati 158 sacerdoti predatori sessuali

Sono 158 i sacerdoti cattolici dell’arcidiocesi di Baltimora che un’indagine del procuratore generale del Maryland ha identificato quali responsabili di abusi...

IN QUESTO ARTICOLO

Sono 158 i sacerdoti cattolici dell’arcidiocesi di Baltimora che un’indagine del procuratore generale del Maryland ha identificato quali responsabili di abusi sessuali e fisici su più di 600 vittime negli ultimi 80 anni. Le indagini, cominciate nel 2019 dal procuratore generale Brian Frosh, sono compendiate in un rapporto di 463 pagine. “Vorrei vedere giustizia per le vittime, ma come minimo, penso che vogliamo dire la verità al riguardo”, ha detto Frosh. Ora la decisione sui tempi dell’azione giudiziaria spetta al tribunale.                                                                                                                                                                                  “Per decenni – si legge nell’atto depositato in tribunale – , i sopravvissuti hanno denunciato abusi sessuali perpetrati da preti cattolici e per decenni la Chiesa ha coperto gli abusi piuttosto che ritenere responsabili gli autori e proteggere le sue congregazioni. L’arcidiocesi di Baltimora non ha fatto eccezione”.

Il rapporto, intitolato “Clergy Abuse in Maryland”, identifica 115 sacerdoti che sono stati perseguiti  per abusi sessuali o identificati pubblicamente dall’arcidiocesi come “accusati in modo credibile” di abusi sessuali. Include anche altri 43 sacerdoti accusati di abusi sessuali, ma non identificati pubblicamente dall’arcidiocesi, ha affermato il documento del tribunale, in cui si afferma anche che “il rapporto riassume gli abusi sessuali e le torture fisiche perpetrate da tutti i 158 sacerdoti e la risposta dell’arcidiocesi a tali abusi”.                                                                                                                                                                                  In una lettera,  l’arcivescovo di Baltimora, William Lori, si è scusato “con le vittime-sopravvissute che sono state danneggiate da un ministro della Chiesa e che sono state danneggiate da coloro che non li hanno protetti, che non hanno risposto loro con cura e compassione e che non sono riusciti a ritenere i molestatori responsabili del loro comportamento peccaminoso e criminale”. “Dopo aver letto la mozione di oggi – ha scritto ancora l’arcivescovo -, proviamo rinnovata vergogna, profondo rimorso e sincera simpatia, soprattutto per coloro che hanno sofferto per le azioni dei rappresentanti della stessa chiesa a cui è affidato il loro benessere spirituale e fisico”.                                                                                                                                                                          ”Ancora una volta – ha detto in un comunicato David Lorenz, leader del Maryland del Survivors Network of those Abused by Priests – la Chiesa ha mentito sul numero di preti violenti. Molte parrocchie erano discariche per predatori, alcune ne ospitavano quasi dieci. È molto chiaro che nessuno era al sicuro. Purtroppo, non è diverso da qualsiasi diocesi o rapporto laico nel Paese”. Mentre il deposito del tribunale ha rilevato che sono state identificate più di 600 vittime, Lorenz sostiene che “ce ne sono quasi certamente altre centinaia, poiché il Rapporto annuale sulla vittimizzazione del crimine del Dipartimento di giustizia ha dimostrato che la maggior parte degli episodi di violenza sessuale non viene denunciata”. Sia i ragazzi che le ragazze hanno subito abusi, secondo il deposito del tribunale, con età che vanno dalla scuola materna fino alla giovane età adulta. Il fascicolo del tribunale ha anche rilevato che dei 43 sacerdoti che non sono stati identificati pubblicamente o perseguiti, 30 sono morti. “Per quei sacerdoti che sono morti, questo ulteriore interesse di segretezza è meno convincente”, ha detto il deposito.

CONDIVIDI

Leggi Anche