martedì31 Gennaio 2023
NEWS > 26 Novembre
DUEMILA22

Brasile, respinto il ricorso sulle elezioni del partito di Bolsonaro

È terminato con un buco nell’acqua il tentativo del Partito liberale brasiliano di rovesciare il risultato del ballottaggio delle elezioni...

IN QUESTO ARTICOLO

È terminato con un buco nell’acqua il tentativo del Partito liberale brasiliano di rovesciare il risultato del ballottaggio delle elezioni presidenziali che, poco meno di un mese fa ,hanno visto la sconfitta del loro leader, Jair Bolsonaro, per mano di Iniacio Lula da Silva. Ieri era stata ufficializzata la decisione del PL di presentare direttamente al Tribunale Superiore Elettorale un reclamo che mirava ad annullare circa metà dei voti espressi dai cittadini tramite l’uso delle urne elettroniche, per via di una ipotetica mancanza di sicurezza nelle modalità di voto.                                                                                                                                    Se la richiesta del partito fosse stata accolta, l’annullamento dei 279.000 voti considerati avrebbe portato a un rovesciamento del risultato finale, permettendo così a Bolsonaro di vincere il ballottaggio (avendo ottenuto oltre il 50% dei voti) e di rimanere in carica dopo la sua elezione arrivata nel 2018.  In molti ritenevano molto complicato veder accolta la proposta del PL, con Folha (quotidiano di San Paolo) che aveva anticipato la decisione del Tribunale di concedere al partito altre 24 ore per portare eventuali prove relative a possibili illeciti arrivati anche nella prima votazione di inizio ottobre, in cui Bolsonaro prese la maggioranza dei voti ma non con un vantaggio tale da evitare il ballottaggio.

Invece il TSE ha ufficialmente respinto il ricorso del Partito liberale, col Presidente Alexandre de Moraes che (stando alla notizia riportata da Uol) ha anche deciso di infliggere al PL una multa da oltre 4 milioni di euro, andando conseguentemente a congelare i conti dei partiti che formano la coalizione Pelo Bem do Brasil. Un (doppio) colpo durissimo per Bolsonaro, che non ha ancora riconosciuto formalmente la sconfitta per mano di Lula, e per il suo partito che ha però già reso noto di aver contattato il suo ufficio legale per chiedere una valutazione sulla decisione del Tribunale Superiore Elettorale, arrivata in tempo “da record”.

CONDIVIDI

Leggi Anche