martedì31 Gennaio 2023
NEWS > 2 Dicembre
DUEMILA22

Usa: crollano i prezzi della benzina, – 30% rispetto a giugno

I prezzi della benzina negli Stati Uniti stanno registrando, in questi giorni, un crollo verticale rispetto ai mesi scorsi, quando...

IN QUESTO ARTICOLO

I prezzi della benzina negli Stati Uniti stanno registrando, in questi giorni, un crollo verticale rispetto ai mesi scorsi, quando avevano raggiunto picchi alla base di forti proteste degli automobilisti. Secondo le ultime rilevazioni dell’American Automobile Association (che riunisce gli Automobil Club disseminati sul territorio nazionale) i prezzi sono scesi  al livello più basso da febbraio. Questo è accaduto perché se la domanda è diminuita con la fine della stagione estiva (tradizionalmente dedicata ai grandi spostamenti in auto per le vacanze), anche il prezzo del greggio è diminuito. Il calo dei prezzi alla pompa sta aiutando le famiglie americane a sopportare meglio l’incidenza di una inflazione che resta ancora alta, sfiorando i massimi da quarant’anni a questa parte. Secondo i dati forniti dalla AAA, la media nazionale dei prezzi per un gallone di benzina, che si attesta a 3,47 dollari, è scesa di oltre il 30% da quando ha raggiunto un picco di 5,01 dollari a metà giugno. Un gallone equivale a 3,78541 litri.  Il calo è stato molto evidente in novembre, con i prezzi che hanno perso l’8 per cento, rispetto al mese precedente.            Come consuetudine, le rilevazioni su base nazionale mostrano che i prezzi variano, in modo sensibile, da Stato a Stato. In California, dove i prezzi sono i più alti della nazione, un gallone di gas costa 4,90 dollari, nonostante una diminuzione di oltre l’11% nell’ultimo mese. In Texas, Stato produttore di petrolio e con il prezzo medio della benzina  più basso, un gallone costa 2,84 dollari. Ma, nonostante il calo dei prezzi delle ultime settimane, il costo del carburante resta più alto di circa il 3% rispetto a un anno fa,  quando la media nazionale era di 3,38 dollari. Un fattore che sta incidendo sulle dinamiche dei prezzi è anche la diminuzione degli spostamenti in auto, in coincidenza con l’arrivo dell’inverno e di condizioni climatiche no favorevoli. Oltre alla discesa della domanda, i prezzi del gas hanno beneficiato di un calo del costo del greggio, consentendo alle raffinerie di produrre carburante a prezzi inferiori. Il costo di un barile di petrolio, che si aggira intorno agli 83 dollari, è crollato di quasi l’8% nell’ultimo mese.
Il prezzo del petrolio è stato anche spinto al ribasso negli ultimi mesi dal rilascio di petrolio dalla riserva strategica da parte dell’amministrazione Biden , nonché da un calo della domanda in Cina a causa dei continui blocchi del COVID. 

CONDIVIDI

Leggi Anche