sabato28 Gennaio 2023
NEWS > 14 Dicembre
DUEMILA22

Usa: proposta bipartisan per legge che vieti TikTok

Un disegno di legge, bipartisan, è stato presentato, citando preoccupazioni per la sicurezza nazionale, con l’obiettivo di  vietare negli Stati...

IN QUESTO ARTICOLO

Un disegno di legge, bipartisan, è stato presentato, citando preoccupazioni per la sicurezza nazionale, con l’obiettivo di  vietare negli Stati Uniti l’utilizzo di TikTok, l’app di social media per lo scambio di brevi video. La società è di proprietà del colosso tecnologico cinese ByteDance.
Questa è solo l’ultima (ma certamente la più importante, dal punto di vista politico) iniziativa contro l’app, sulla quale lo stesso capo dell’FBI ha espresso il timore che possa essere utilizzata dal governo cinese per influenzare gli utenti o controllare i loro dispositivi elettronici. In questi mesi diversi Stati americani hanno bandito TikTok dai dispositivi delle rispettive amministrazioni. 
TikTok, che ha più di 100 milioni di utenti negli Stati Uniti, ha criticato l’iniziativa, ribadendo che l’app non è un pericolo per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. 
ByteDance ha aggiunto che sta sviluppando piani per proteggere ulteriormente la piattaforma negli Stati Uniti come parte della revisione della sicurezza nazionale iniziata sotto l’ex presidente Donald Trump.
 Appelli per vietare TikTok sono emersi anche in Paesi come l’Australia, mentre Taiwan si è recentemente mossa per vietarlo dai dispositivi pubblici. L’India lo ha bloccato nel 2020 a causa di una disputa militare.
 Negli Stati Uniti, TikTok ha subito un divieto effettivo due anni fa a seguito di un ordine esecutivo di Trump che vietava nuovi download, ma i giudici hanno bloccato la misura e non è mai entrata in vigore. Alla fine il provvedimento è stato revocato dal presidente Joe Biden.
Nel 2020, anche il Committee on Foreign Investment negli Stati Uniti, incaricato di esaminare la proprietà straniera negli Stati Uniti, ha ordinato a ByteDance di vendere TikTok. Le trattative della società con tale organismo sono in corso.
Il senatore repubblicano Marco Rubio, uno dei sostenitori del disegno di legge, ha detto che il provvedimento intende bloccare e proibire tutte le transazioni di qualsiasi società di social media in Cina, Russia e “altri paesi stranieri che destano preoccupazione”.   
”Non si tratta – ha detto l’influente parlamentare repubblicano – di video creativi: si tratta di un’app che raccoglie dati su decine di milioni di bambini e adulti americani ogni giorno”.

CONDIVIDI

Leggi Anche