NEWS > 27 Dicembre
DUEMILA22

Whoopi Goldberg continua a dire che l’Olocausto non riguardava la razza

Se sbagliare è umano.. L’attrice americana Whoopi Goldberg, che già in passato aveva espresso le sue teorie, ha ripetuto, in...

IN QUESTO ARTICOLO

Se sbagliare è umano.. L’attrice americana Whoopi Goldberg, che già in passato aveva espresso le sue teorie, ha ripetuto, in una intervista al Sunday Times di Londra, che l’Olocausto “originariamente non riguardava” la razza. L’attrice aveva rilasciato dichiarazioni dello stesso tenore dieci mesi fa, nel corso del suo show televisivo, dicendo anche che l’Olocausto riguardava “la disumanità per l’uomo”. Affermazioni per le quali si era scusata,  non riuscendo però ad evitare di essere sospesa per due settimane dallo spettacolo. Nell’intervista di sabato, Whoopi Goldberg (che è un nome d’arte  – Caryn Johnson quello vero – che ha detto d’avere preso da un parente ebreo) ha affermato che c’è divisione sul fatto che l’ebraismo sia una razza o una religione. Davanti alle affermazioni dell’intervistatore, che le ha ricordato le leggi adottate dal nazismo contro gli israeliti e i sei milioni di vittime dell’Olocausto, Goldberg ha insistito sul fatto ”non stavano uccidendo per la razza;  stavano uccidendo fisicamente. Stavano uccidendo persone che consideravano mentalmente difettose. E poi hanno preso questa decisione”.                           I  commenti di Goldberg hanno ricevuto critiche immediate, tra le quali quelle di Lucy Lipiner, 89 anni, una sopravvissuta all’Olocausto.   ”Whoopi Goldberg continua a usare l’Olocausto come il suo sacco da boxe. Le abbiamo detto che i suoi commenti ci danneggiano e semplicemente non le importa”, chiosando sul fatto che una commediante che ha queste idee abbia preso, come nome d’arte, uno di origine ebrea. Il regista di videogiochi Luc Bernard ha affermato che Goldberg dovrebbe essere costretta “ad andare a un memoriale dell’Olocausto e conoscere le leggi di Norimberga”.

CONDIVIDI

Leggi Anche