NEWS > 31 Dicembre
DUEMILA22

E’ morto Benedetto XVI

Papa Benedetto XVI è morto, questa mattina all’età di 95 anni. A darne annuncio è stato il Vaticano con una...

IN QUESTO ARTICOLO

Papa Benedetto XVI è morto, questa mattina all’età di 95 anni. A darne annuncio è stato il Vaticano con una breve comunicazione: ”Il Papa emerito Benedetto XVI è deceduto oggi alle 9.34 nel Monastero Mater Ecclesiae in Vaticano. Ulteriori informazioni saranno fornite appena possibile”. Ancora nessuna anticipazione su quando e come si terranno i funerali, trattandosi della prima volta che riguardano un papa emerito. Una notizia che non è arrivata inattesa dopo che, tre giorni fa, nel corso dell’udienza generale, Papa Francesco aveva chiesto ai fedeli di pregare per il pontefice emerito ”molto malato”. Joseph Aloisius Ratzinger era nato in Germania nel 1927, Paese al quale è rimasto sempre molto legato, anche perché vi risiedeva ancora il fratello, Georg, pure lui sacerdote, morto nel luglio del 2020, a Ratisbona. Chiamato nel 2005 a succedere a Giovanni Paolo II, di cui era stato ascoltato collaboratore, Joseph Ratzinger assunse il nome di Benedetto XVI. Quando si affacciò su San Pietro, appena eletto, disse: ”Dopo il grande Papa Giovanni Paolo II, i cardinali hanno eletto me, un semplice e umile lavoratore nella vigna del Signore”.                                                                                                                                            La figura di papa Ratzinger è stata caratterizzata da luci e ombre. Le prime legate certamente alla sua statura di teologo; le seconde perché, a detta dei suoi critici, soprattutto nella Chiesa tedesca, quando era vescovo di Monaco non prese provvedimenti contro alcuni sacerdoti accusati di avere abusato sessualmente di alcuni minori. Nella sua giovinezza, il futuro Benedetto XVI ha anche ”conosciuto” la reclusione quando, verso la fine del secondo conflitto mondiale, dove aveva vestito la divisa della Wermacht, disertò e finendo nelle mani dei soldati americani. Nominato cardinale,  Ratzinger diresse per 24 anni la Congregazione per la Dottrina della Fede, distinguendosi per il suo rigore. Su alcune tematiche controverse, come omosessualità e contraccezione, Joseph Ratzinger espresse la sua opposizione, così come nei confronti della  cosiddetta ”teologia della liberazione”. Le sue dimissioni, annunciate nel febbraio del 2013, colsero il mondo di sorpresa, primo pontefice a lasciare il soglio petrino per la prima volta in seicento anni. Una decisione motivata con il fatto che la sua età avanzata (aveva già 85 anni) non gli consentiva di guidare la Chiesa.                                                                                                                  ”Ho dovuto riconoscere la mia incapacità di svolgere adeguatamente il ministero che mi è stato affidato”, disse. Dopo le dimissioni si ritirò nel monastero Mater Ecclesiae, in Vaticano, dedicando alla meditazione, alla lettura, alla scrittura e all’amatissima musica (era egli stesso un pianista). la sua figura, fortemente connotata dal conservatorismo, fu spesso usata come contrappeso per le riforme che il suo successore ha cercato di portare avanti, volendo una Chiesa maggiormente al servizio di chi ha meno e soffre. Mostrò poi anche la sua opposizione all’ipotesi che venisse abolito il celibato clericale, sostenendone il valore a difesa della Chiesa.

CONDIVIDI

Leggi Anche