NEWS > 3 Gennaio
DUEMILA23

Israele: ministro dell’ultradestra visita luogo sacro conteso, l’ira dei palestinesi

Una ”provocazione senza precedenti”: così i palestinesi hanno condannato la visita che il ministro israeliano della Sicurezza nazionale, Itamar Ben-Gvir,...

IN QUESTO ARTICOLO

Una ”provocazione senza precedenti”: così i palestinesi hanno condannato la visita che il ministro israeliano della Sicurezza nazionale, Itamar Ben-Gvir, esponente dell’ultradestra, ha fatto a un luogo sacro contestato a Gerusalemme. Ben-Gvir, che ha chiesto una linea più dura nei confronti dei palestinesi, ha fatto un giro del sito circondato dalla polizia. Si tratta del primo atto pubblico del nuovo ministro, da quando si è insediato il governo guidato da Benjamin Netanyahu, che ha giurato cinque giorni fa. Il luogo della visita è il  sito considerato più sacro del giudaismo e il terzo dell’Islam. È noto agli ebrei come Monte del Tempio, sede di due templi biblici, e ai musulmani come Haram al-Sharif, il luogo dell’ascesa al cielo di Maometto. L’intero complesso è considerato dai musulmani come la moschea di al-Aqsa.  Ebrei e altri non musulmani possono recarsi nel complesso, ma non per pregare, anche se i palestinesi vedono le visite degli ebrei come tentativi di cambiare il delicato status quo.
Ben-Gvir, leader del partito Otzma Yehudit (Potere ebraico), ha affermato da tempo di voler apportare una modifica alle regole per consentire il culto israelita nel sito.
“Il Monte del Tempio è aperto a tutti”, ha twittato, accompagnato da una sua fotografia circondato da un cordone di sicurezza con la Cupola dorata della Roccia sullo sfondo.
In campagna elettorale, Ben-Gvir aveva affermato che avrebbe chiesto a Benjamin Netanyahu di introdurre “pari diritti per gli ebrei” per quanto riguarda l’accesso a luoghi sacri contesi. Tuttavia, Netanyahu ha cercato di rassicurare gli alleati di Israele che non consentirà alcun cambiamento. Una clausola nei suoi accordi di coalizione afferma che lo status quo “per quanto riguarda i luoghi santi” sarà lasciato intatto. Immediatamente dopo la visita, durata una quindicina di minuti, il ministero degli Esteri palestinese ha denunciato quella che ha descritto come “l’assalto alla moschea di al-Aqsa da parte del ministro estremista Ben-Gvir e lo considera una provocazione senza precedenti e una pericolosa escalation del conflitto”.
Il primo ministro palestinese Muhammad Shtayyeh ha chiesto di “sventare i raid che miravano a trasformare la moschea di al-Aqsa in un tempio ebraico”, affermando che la visita di Ben-Gvir è stata “una violazione di tutte le norme, i valori, gli accordi e le leggi internazionali e gli impegni di Israele al presidente americano”.
Un portavoce di Hamas ha definito la visita un “crimine” e ha promesso che il sito “rimarrà palestinese, arabo, islamico”.
Nel suo tweet, Ben-Gvir ha inviato un messaggio di sfida ad Hamas, dichiarando: “Nessun governo israeliano di cui faccio parte si inchinerà a un’organizzazione terroristica spregevole e omicida… e se Hamas pensa che io  sarò  scoraggiato dalle sue minacce, deve accettare che i tempi sono cambiati e che a Gerusalemme c’è un governo”. Le tensioni tra Israele e palestinesi, sfociate in violenze nel sito nel maggio 2021, hanno visto Hamas lanciare razzi contro Gerusalemme, innescando un conflitto di 11 giorni con Israele. Una visita al sito nel 2000 da parte della destra israeliana Ariel Sharon, allora leader dell’opposizione, fece infuriare i palestinesi. La violenza che seguì si intensificò nella seconda rivolta palestinese, o intifada.
Il Monte del Tempio/Haram al-Sharif è il luogo più delicato del conflitto israelo-palestinese. Situato a Gerusalemme est, fu catturato da Israele dalla Giordania nella guerra del Medio Oriente del 1967. In base a un delicato insieme di accordi, alla Giordania è stato permesso di continuare il suo ruolo storico di custode del sito, mentre Israele ha assunto il controllo della sicurezza e dell’accesso. La preghiera musulmana ha continuato a essere l’unica forma di culto consentita lì, sebbene sia stato revocato un divieto alle visite ebraiche. I palestinesi sostengono che negli ultimi anni sono state prese misure che minano lo status quo, con visitatori ebrei ortodossi spesso visti pregare in silenzio senza essere fermati dalla polizia israeliana.
Il numero di visite di ebrei è aumentato negli ultimi anni, qualcosa che secondo i palestinesi fa parte di un tentativo surrettizio di impossessarsi del sito.

CONDIVIDI

Leggi Anche