trattativa stato mafia corte d'appello
NEWS > 13 Gennaio
DUEMILA23

Justin Roiland, co-creatore della serie “Rick e Morty”, in tribunale con l’accusa di violenza domestica

Violenza domestica con multiple lesioni e sequestro di persona, attuato con la forza o tramite minacce e inganno: sono queste...

IN QUESTO ARTICOLO

Violenza domestica con multiple lesioni e sequestro di persona, attuato con la forza o tramite minacce e inganno: sono queste le accuse mosse a Justin Roiland,  uno dei creatori della celebre serie animata  “Rick e Morty”. L’autore quarantaduenne, che è anche doppiatore di entrambi i personaggi principali che danno il nome alla serie, andrà a processo dopo le accuse mosse verso di lui mosse da una donna con cui aveva una relazione 3 anni fa: la vittima, la cui identità non è esplicitata nei documenti processuali, ha denunciato Roiland nel maggio del 2020 al Tribunale della Contea di Orange (California) per avvenimenti accaduti, secondo quanto ha sostenuto, nel gennaio di quell’anno. La donna avrebbe subito gli abusi che hanno portato poi alla denuncia mentre i due convivevano: l’autore televisivo, stando a quanto riportato da People, sarebbe stato arrestato nell’agosto del 2020, per poi uscire di prigione pagando una cauzione di 50.000 dollari. Ieri però si è tenuto un colloquio preliminare in vista dell’inizio del processo, previsto per il 27 aprile di quest’anno e su cui non sono arrivati ancora commenti ufficiali né da parte dei rappresentanti di Roiland, né da Warner Bros Discovery, proprietaria del canale Cartoon Network, che trasmette “Rick e Morty” da ormai un decennio per 6 stagioni (con la settima già programmata). Stando a ABC News, è stato inoltre emesso un ordine restrittivo che impedisce al co-creatore della serie animata di avvicinarsi alla sua accusatrice. L’autore ha inoltre dovuto consegnare le armi da fuoco in suo possesso alle forze dell’ordine, che le terranno in custodia almeno fino a ottobre. “Rick e Morty” è stata creata nel 2013 da Roiland e Dan Harmon, diventando nel giro di poco tempo un grande successo per Cartoon Network, oltre che un rilevante fenomeno culturale.

CONDIVIDI

Leggi Anche