NEWS > 14 Gennaio
DUEMILA23

Covid: Cina ammette, 60 mila decessi dall’inizio di dicembre

La Cina ha reso noto, oggi, che ha registrato quasi 60.000 decessi tra persone affette da COVID-19 dall’inizio di dicembre,...

IN QUESTO ARTICOLO

La Cina ha reso noto, oggi, che ha registrato quasi 60.000 decessi tra persone affette da COVID-19 dall’inizio di dicembre, anche se il “picco di emergenza” della sua ultima ondata sembra essere passato. Il bilancio, comunicato dalla Commissione sanitaria nazionale, include 5.503 decessi dovuti a insufficienza respiratoria causata da COVID-19 e 54.435 decessi per altri disturbi combinati con il virus dall’8 dicembre- La Commissione ha inoltre precisato le “morti correlate a COVID” si sono verificate negli ospedali, il che ha lasciato aperta la possibilità che anche più persone possano essere morte a casa.                                    Il rapporto raddoppia il bilancio ufficiale delle vittime di COVID-19 in Cina , portandolo a 10.775 da quando la malattia è stata rilevata per la prima volta nella città centrale di Wuhan alla fine del 2019. La Cina ha smesso di riportare i dati sui decessi e sulle infezioni da COVID-19 dopo avere, in modo inatteso,  revocato i controlli antivirus all’inizio di dicembre, nonostante un’ondata di infezioni iniziata a ottobre e che ha riempito gli ospedali di pazienti febbrili e sibilanti. L’Organizzazione mondiale della sanità e altri governi hanno chiesto informazioni dopo che i rapporti dei governi cittadini e provinciali hanno suggerito che decine di milioni di persone in Cina potrebbero avere contratto il virus.                                                  Il picco dell’ultima ondata di infezione sembra essere passato in base al calo del numero di pazienti che visitano le cliniche per la febbre, ha affermato un funzionario della Commissione sanitaria nazionale, Jiao Yahui. Il numero giornaliero di persone che si recano in quelle cliniche ha raggiunto il picco di 2,9 milioni il 23 dicembre ed è diminuito dell’83% fino a 477.000 giovedì, secondo Jiao. La Cina ha mantenuto il tasso di infezione e i decessi inferiori a quelli degli Stati Uniti e di alcuni altri paesi al culmine della pandemia con una strategia “zero-COVID” che mirava a isolare ogni caso. Ciò ha bloccato l’accesso ad alcune città, ha tenuto a casa milioni di persone e ha scatenato proteste rabbiose. L’età media delle persone decedute dall’8 dicembre è di 80,3 anni e il 90,1% ha un’età pari o superiore a 65 anni, secondo la Commissione sanitaria. Ha detto che oltre il 90% delle persone che sono morte aveva il cancro, malattie cardiache o polmonari o problemi ai reni.

CONDIVIDI

Leggi Anche