sabato28 Gennaio 2023
NEWS > 24 Gennaio
DUEMILA23

Energia: significativi risultati della missione di Meloni in Algeria

La missione del presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, in Algeria si è conclusa in modo molto positivo, con l’impegno del...

IN QUESTO ARTICOLO

La missione del presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, in Algeria si è conclusa in modo molto positivo, con l’impegno del Paese nordafricano ad aumentare notevolmente le esportazioni di gas verso l’Italia. Una decisione che ha anche avuto un profilo politico, perché il presidente algerino, Abdelmadjid Tebboune , ha elogiato ”la posizione positiva ed equilibrata dell’Italia, che auspica una soluzione equa della questione del Sahara occidentale, in conformità con le risoluzioni dell’Onu, per consentire al popolo saharawi di godere dei suoi legittimi diritti”. Un elogio che, in termini pratici, si traduce con un aumento esponenziale delle esportazioni di gas verso il nostro Paese. Giorgia Meloni è stata accompagnata dal presidente del gruppo Eni, Claudio Descalzi, che ha anticipato che l’Italia riceverà già dal prossimo anno 28 miliardi di  metri cubi di gas attraverso il cosiddetto gasdotto Transmed.                                                Ma c’è di più. Tebboune intende aiutare l’Italia a diventare la grande piattaforma energetica del sud Europa, annunciando lo studio di un secondo gasdotto con l’Italia. Si tratta di rilanciare il cosiddetto Gasli con la Sardegna. “Questo nuovo progetto è estremamente importante e sarà realizzato in tempi brevi “, ha detto Tebboune in una conferenza stampa congiunta con Meloni ad Algeri. Da questo gasdotto passerà prima il gas e poi l’idrogeno e rappresenta un’alternativa per la Germania e gli altri Paesi del Nord Europa rispetto a quanto può offrire il nuovo corridoio Barcellona-Marsiglia promosso da Sánchez e dal presidente francese Emmanuel Macron . Inoltre, il presidente algerino ha sostenuto che gli scambi commerciali con l’Italia sono raddoppiati nel 2022. Nel frattempo, la compagnia statale algerina Sonatrach e l’Eni hanno firmato un accordo per “individuare le migliori opzioni per aumentare le esportazioni di energia dell’Algeria verso l’Europa (…) tra cui, l’espansione della capacità di trasporto del gas esistente, la posa di un nuovo gasdotto per il trasporto di gas naturale e in alternativa idrogeno e ammoniaca blu e verde, la posa di un cavo elettrico sottomarino e l’ampliamento dell’attuale capacità di liquefazione del gas naturale”. Per Giorgia Meloni “l’Italia è inevitabilmente la porta di accesso a questa energia algerina e all’approvvigionamento dell’Europa”.

CONDIVIDI

Leggi Anche