NEWS > 29 Gennaio
DUEMILA23

Usa: Trump guarda al 2024 e attacca Biden, siamo sull’orlo della terza guerra mondiale

Ieri Donald Trump ha di fatto aperto la ricorsa alla Casa Bianca, in una serie di appuntamenti pubblici che gli...

IN QUESTO ARTICOLO

Ieri Donald Trump ha di fatto aperto la ricorsa alla Casa Bianca, in una serie di appuntamenti pubblici che gli sono serviti per attaccare il presidente Biden e suo figlio Hunter, la politica estera degli Stati Uniti e gli immigrati illegali. Trump, che sta tentando di diventare il primo presidente eletto per mandati non consecutivi dai tempi di Grover Cleveland, si è presentato come il repubblicano nella posizione migliore per vincere la nomination e quindi sconfiggere Biden.
“Le elezioni del 2024 sono la nostra unica possibilità per salvare il Paese, e abbiamo bisogno di un leader che sia pronto a farlo dal primo giorno”, ha detto Trump, parlando alla South Carolina State House. “Abbiamo bisogno di un presidente che possa affrontare l’intero sistema e che possa vincere”. In una serie di recenti sondaggi , in una corsa per la nomination repubblicana, Trump è ancora avanti, di molti punti, rispetto a al governatore della Florida Ron DeSantis. Ma, secondo un sondaggio dell’Università del New Hampshire, pubblicato questa settimana, DeSantis sarebbe davanti a Trump col 42% rispetto al 30%. dell’ex presidente. Il sondaggio è interessante perché in New Hampshire si tengono le prime primarie del Paese, dopo i caucus dell’Iowa. Nei discorsi di ieri, Trump ha dipinto un’immagine cupa dell’America sotto Biden, spandendo molte promesse: sconfitta dell’inflazione, proteggere il confine degli Stati Uniti con il Messico e rafforzare la posizione dell’America come potenza globale. “Attraverso la debolezza e l’incompetenza, Joe Biden ci ha portato sull’orlo della terza guerra mondiale”, ha detto Trump.                 “Siamo sull’orlo della terza guerra mondiale, nel caso qualcuno non lo sappia. In qualità di presidente, riporterò la pace attraverso la forza”. Ha definito un fallimento il ritiro americano di Biden dall’Afghanistan nel 2021 ,  “il giorno più basso nella storia del nostro Paese”, e ha affermato che, se lui fosse presidente, ci sarebbe “un accordo di pace negoziato entro 24 ore” per porre fine all’invasione russa dell’Ucraina.            Ha incolpato Biden per la gestione dei valichi di frontiera e le morti per droga, ripetendo la sua affermazione del 2015 secondo cui il Messico sta inviando “assassini”, “assassini” e “stupratori” negli Stati Uniti: ”Stanno inviando persone che sono assassini, assassini, stanno inviando stupratori. E stanno inviando, francamente, terroristi o terroristi vengono da soli, e non possiamo permettere che ciò accada”, ha detto Trump.

CONDIVIDI

Leggi Anche