NEWS > 5 Febbraio
DUEMILA23

Ucraina: Zelensky ammette, a est situazione molto difficile

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskiy , ha ammesso che la situazione in prima linea nell’est del Paese si sta facendo...

IN QUESTO ARTICOLO

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskiy , ha ammesso che la situazione in prima linea nell’est del Paese si sta facendo più dura e che la Russia lancia sempre più truppe in battaglia. Il Cremlino ha spinto per una significativa vittoria sul campo di battaglia dopo mesi di battute d’arresto, con le forze russe che cercano di stringere la presa sulla città di Bakhmut e lottano per il controllo di una vicina importante via di rifornimento per le forze ucraine. Le truppe russe stanno anche cercando di conquistare la città mineraria di carbone di Vuhledar, a circa 75 miglia a sud-ovest di Bakhmut, nella regione orientale di Donetsk. “Ho spesso dovuto dire che la situazione al fronte è dura, e sta diventando sempre più dura, ed è di nuovo quel momento… L’invasore sta impiegando sempre più forze per abbattere le nostre difese”, ha detto Zelenskiy nel suo tradizionale video notturno. “È molto difficile ora a Bakhmut, Vuhledar, Lyman e in altre direzioni”, ha continuato.  All’inizio della giornata, il viceministro della Difesa, Hanna Malyar, ha scritto su Telegram che gli sforzi russi per rompere le difese a Bakhmut e Lyman erano falliti. Lyman, che si trova appena a nord di Bakhmut, è stata liberata dalle forze ucraine in ottobre.                                                   ”Questa settimana, le forze di occupazione russe hanno concentrato tutti i loro sforzi per sfondare la nostra difesa e circondare Bakhmut, e hanno lanciato una potente offensiva nel settore Lyman”, ha detto Malyar. “Ma grazie alla resilienza dei nostri soldati, non ci sono riusciti”. Ieri  Zelenskiy ha promesso che le sue forze combatteranno per Bakhmut “il più a lungo possibile”, ma la situazione sta diventando sempre più disastrosa per le forze ucraine. Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha riportato quotidianamente numerosi scontri di combattimento nell’area e i blogger militari di Mosca hanno rivendicato una serie di successi russi non verificati lungo la linea del fronte. Zelensky, intanto, ha revocato la cittadinanza ad alcune persononalità ritenute filo-russe. “Oggi ho firmato i documenti pertinenti per fare un altro passo per proteggere e ripulire il nostro Stato da coloro che sono dalla parte dell’aggressore”, ha detto Zelenskiy, che non ha elencato i nomi dei destinatari della revoca, ma ha detto che avevano la doppia cittadinanza russa. Secondo i media statali ucraini, l’elenco include diversi alti politici dell’ufficio di Viktor Yanukovich, che è stato presidente filo-russo dell’Ucraina dal 2010 fino a quando è stato rimosso dall’incarico nel 2014.

CONDIVIDI

Leggi Anche