NEWS > 9 Febbraio
DUEMILA23

Australia: via da edifici pubblici telecamere ‘made in China’, spiano per Pechino

Il Dipartimento della Difesa australiano rimuoverà dai suoi edifici le telecamere di sorveglianza realizzate da società collegate al Partito Comunista...

IN QUESTO ARTICOLO

Il Dipartimento della Difesa australiano rimuoverà dai suoi edifici le telecamere di sorveglianza realizzate da società collegate al Partito Comunista Cinese. Lo ha annunciato oggi il governo di Canberra , dopo che  Stati Uniti e Gran Bretagna hanno adottato misure simili. Secondo quanto riferito da un quotidiano australiano, almeno 913 telecamere, citofoni, sistemi di accesso elettronico e videoregistratori sviluppati e prodotti dalle società cinesi Hikvision e Dahua si trovano negli uffici del governo e delle agenzie australiane, tra cui il Dipartimento della Difesa e il Dipartimento degli Affari Esteri e del Commercio. Hikvision e Dahua sono in parte di proprietà del governo governato dal Partito Comunista Cinese . La risposta generale della Cina a tali mosse è quella di difendere le proprie società ad alta tecnologia, che, dice Pechino, seguono tutte le leggi locali e non svolgono alcun ruolo nella raccolta di informazioni governative o di partito. Il governo degli Stati Uniti ha dichiarato a novembre che stava vietando le apparecchiature per le telecomunicazioni e la videosorveglianza di diversi importanti marchi cinesi, tra cui Hikvision e Dahua, nel tentativo di proteggere la rete di comunicazioni della nazione. Anche le telecamere di sicurezza realizzate da Hikvision sono state bandite dagli edifici del governo britannico a novembre.      Il ministro australiano della Difesa Richard Marles ha detto che il suo dipartimento sta valutando tutta la sua tecnologia di sorveglianza. “Dove si trovano quelle particolari telecamere, verranno rimosse”, ha detto Marles, aggiungendo che ”c’è un problema qui e lo affronteremo”. Un audit ha rilevato che le telecamere e le apparecchiature di sicurezza Hikvision e Dahua sono state trovate in quasi tutti i dipartimenti, ad eccezione di quelli dell’Agricoltura e del del Primo Ministro e del Gabinetto.L’Australian War Memorial e la National Disability Insurance Agency hanno dichiarato che rimuoveranno le telecamere cinesi trovate nei loro siti. Il portavoce dell’opposizione per la sicurezza informatica, James Paterson, ha affermato di aver sollecitato l’audit ponendo domande per sei mesi a ciascuna agenzia federale, dopo che il Dipartimento degli affari interni non è stato in grado di dire quante telecamere, sistemi di controllo degli accessi e citofoni fossero installati negli edifici governativi.                                                                                      “Abbiamo urgentemente bisogno di un piano da parte del governo per strappare tutti questi dispositivi dai dipartimenti e dalle agenzie del governo australiano”, ha detto Paterson. Entrambe le società erano soggette alla legge cinese sull’intelligence nazionale che richiede loro di cooperare con le agenzie di intelligence cinesi, ha affermato Patterson, secondo il quale ”non  avremmo modo di sapere se le informazioni sensibili, le immagini e l’audio raccolti da questi dispositivi vengono segretamente rispediti in Cina contro gli interessi dei cittadini australiani”.

CONDIVIDI

Leggi Anche