NEWS > 9 Febbraio
DUEMILA23

Morto Burt Bacharach, ha regalato alla musica decine di evergreen

Burt Bacharach, il leggendario compositore che ha scritto dozzine di successi pop, è morto all’età di 94 anni, nella sua...

IN QUESTO ARTICOLO

Burt Bacharach, il leggendario compositore che ha scritto dozzine di successi pop, è morto all’età di 94 anni, nella sua casa di Los Angeles. E’ stato uno dei compositori più importanti negli anni ’60 e ’70, scrivendo diversi successi da top 10 delle classifiche di vendite, tra cui “I Say a Little Prayer” e “Do You Know the Way to San Jose” ,  rese celebri dalla voce di Dionne Warwick, la sua interprete preferita. È stato otto volte vincitore di un Grammy, un premiato compositore di Broadway per “Promises, Promises” e tre volte vincitore di un Oscar. Ne ha ricevuti due nel 1970, per la colonna sonora di “Butch Cassidy and the Sundance Kid” e per la canzone principale del film, “Raindrops Keep Fallin’ on My Head”. Nel 1982, lui e la paroliera Carole Bayer Sager (una delle sue quattro mogli) , hanno vinto l’Oscar per  il tema di “Arthur”. Le sue altre colonne sonore di film includevano “Alfie”, “What’s New Pussycat?”, di “Casino Royale”, parodia della saha di James Bond.  Nato a Kansas City, nel Missouri, il 12 maggio 1928, Bacharach e la sua famiglia si trasferirono nel Queens, a New York, nel 1932. Da adolescente, sviluppò un amore per la musica jazz e organizzò una band di 10 elementi con i suoi compagni di scuola superiore. Bacharach ha scritto la sua prima canzone, “The Night Plane to Heaven”, mentre frequentava la McGill University di Montreal, e in seguito ha studiato teoria e composizione alla Mannes School of Music di New York City, al Berkshire Music Center e alla New School for Social Research. Con il paroliere Hal David ha formato un sodalizio andato avanti per molti anni, inanellando successi. Tra le loro canzoni “The Man Who Shot Liberty Valance”, “Only Love Can Break a Heart” e “Make It Easy On Yourself”. Nel 2012 il presidente Barack Obama ha insignito lui e David, morto pochi mesi dopo, il Premio Gershwin della Library of Congress in onore dei loro contributi alla musica pop nel corso dei decenni.

CONDIVIDI

Leggi Anche