NEWS > 9 Febbraio
DUEMILA23

Disney tagli 7.000 posti di lavoro e rielabora le sue strategie

La Walt Disney , per bocca del suo CEO, Bob Iger,  ha annunciato che taglierà circa 7.000 posti di lavoro...

IN QUESTO ARTICOLO

La Walt Disney , per bocca del suo CEO, Bob Iger,  ha annunciato che taglierà circa 7.000 posti di lavoro come parte di una “trasformazione significativa”. I tagli di posti di lavoro ammontano a circa il 3% della forza lavoro globale del gigante dei media e dell’intrattenimento e sono stati annunciati dopo che la Disney ha riportato risultati trimestrali che hanno superato le previsioni di Wall Street. I licenziamenti fanno parte di uno sforzo più ampio della Disney per ridurre i costi di 5,5 miliardi di dollari. Iger, tornato come CEO a novembre, è alle prese con la necessità di rilanciare le fortune finanziarie dell’azienda e il valore delle delle azioni, che è crollato del 24% nell’ultimo anno. Disney è alle prese con i costi per attirare nuovi abbonati al suo servizio di streaming, Disney+, davanti alla forte concorrenza di Netflix, HBO e altri player del settore.                                                                                                                                        “Nel nostro zelo per perseguire gli abbonati, siamo diventati troppo aggressivi nelle nostre promozioni”, ha detto Iger in una teleconferenza per discutere i risultati del primo trimestre della società. Iger ha affermato che la società vuole “appoggiarsi maggiormente ai nostri principali franchise e ai nostri marchi” riducendo al contempo i costi “su tutto ciò che produciamo”.    Al primo ottobre, la Disney impiegava 220.000 persone, di cui circa 166.000 negli Stati Uniti e 54.000 a livello internazionale. Nei suoi ultimi risultati, la solida crescita dei parchi a tema Disney ha contribuito a compensare le tiepide prestazioni nel settore dello streaming video e dei film. La Disney ha dichiarato ieri di avere guadagnato 1,28 milioni di dollari (70 centesimi per azione) nei tre mesi fino al 31 dicembre. Ciò si confronta con l’utile netto di 1,1 miliardi di dollari (60 centesimi per azione), di un anno prima. Escludendo gli articoli una tantum, la Disney ha guadagnato 99 centesimi per azione.  I ricavi sono cresciuti dell’8% a 23,51 miliardi di dollari dai 21,82 miliardi di dollari dell’anno precedente. Gli analisti si aspettavano entrate per 23,44 miliardi di dollari. La società ha dichiarato che Disney+ ha chiuso il trimestre con 161,8 milioni di abbonati, in calo dell’1% rispetto al 1° ottobre. Hulu ed ESPN+ hanno registrato un aumento del 2% degli abbonati a pagamento durante il trimestre. Iger ha detto che ”Cureremo in modo aggressivo i nostri contenuti di intrattenimento generale. Rivaluteremo tutti i mercati in cui abbiamo lanciato e determineremo anche il giusto equilibrio tra contenuti globali e locali. Adegueremo la nostra strategia di prezzo, incluso un esame completo delle nostre strategie promozionali”. Disney+ è cresciuto rapidamente dal  lancio nel 2019 , superando anche brevemente Netflix lo scorso anno per numero di abbonati, ma come altri servizi di streaming deve affrontare l’alto costo di produzione dei contenuti.

CONDIVIDI

Leggi Anche