NEWS > 24 Febbraio
DUEMILA23

Cybersicurezza: l’esperto Razzante, “attacco filo Russo ? Aspettiamocene di nuovi.

Fatto “L’attacco di hacker filo russi non mi meraviglia anzi dobbiamo aspettarcene di nuovi e più dirompenti. E’ gravissima la...

IN QUESTO ARTICOLO

Fatto

“L’attacco di hacker filo russi non mi meraviglia anzi dobbiamo aspettarcene di nuovi e più dirompenti. E’ gravissima la ritorsione attraverso il web, è la nuova guerra ibrida della quale parliamo da tempo”. Lo afferma all’Adnkronos Ranieri Razzante, esperto di regolamentazione cyber e direttore crstitaly.org all’indomani dell’attacco hacker a diversi siti italiani tra cui siti del governo e istituzionali, di banche e di alcune imprese.

“Il sostegno dell’Italia e di tutti gli Stati della Nato e dell’Ue all’Ucraina deve essere controbilanciato da un incremento dei sistemi di difesa e sicurezza non solo per terra, per aria e per mare, come già si sta facendo, ma il nuovo dominio delle guerre è quello cyber. Il nostro Paese è attrezzato ma siamo lontani anche in Europa da una protezione che si possa ritenere significativa”, prosegue Razzante.

“C’è una strana tendenza che ritengo pericolosa e che non comprendo a una sottovalutazione o una semplificazione di questa attacchi DDoS e si tendono a derubricare come attacchi che non creano grandi problemi, non installano malware, non comportano richieste di riscatto, ma bloccano solo temporaneamente il funzionamento di siti – sottolinea l’esperto – Io direi invece di stare molto attenti perché stavolta sono state attaccate anche strutture della Difesa, non è prima volta, ma la valenza dimostrativa di queste operazioni è di altissimo livello. E’ giusto che gli attacchi non hanno raggiunto nessun risultato ma devono essere neutralizzati in pochi minuti o non resi possibili perché l’attacco DDoS è molto banale se si vuole e per la sua riuscita non servono strumenti sofisticati”.

CONDIVIDI

Leggi Anche