NEWS > 22 Aprile
DUEMILA23

Ucraina: Zelensky, ‘obiettivo principale è di ‘sgomberare’ tutti i territori del paese’

Aggiornamento dal fronte di Sabato 22 Aprile 2023 L’obiettivo principale dell’Ucraina è “liberare” tutti i territori e liberare la sua...

IN QUESTO ARTICOLO

Aggiornamento dal fronte di Sabato 22 Aprile 2023

L’obiettivo principale dell’Ucraina è “liberare” tutti i territori e liberare la sua popolazione dalla “prigionia russa”. Lo ha ribadito ancora una volta il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, aggiungendo che “le risorse statali vengono indirizzate verso questo obiettivo. Sono molto grato a tutti coloro che ci aiutano. Ora, proprio come l’anno scorso, dobbiamo rimanere uniti, mobilitati e pienamente concentrati sulla difesa”.

Zelensky inoltre ha assicurato che il suo governo analizza costantemente lo sviluppo delle ostilità, nonché le aree più pericolose, e ha affermato che il fronte è la “priorità numero uno”. A questo proposito, ha riferito, nuove unità e brigate vengono addestrate e integrate nel piano di difesa ucraino.

Ucraina: Isw, ‘ultimi attacchi russi con droni iraniani’

Le forze russe hanno utilizzato un nuovo lotto di droni ‘kamikaze’ Shahed di fabbricazione iraniana per colpire l’Ucraina per il terzo giorno consecutivo, prendendo di mira Kiev, per la prima volta in 25 giorni. Lo ha dichiarato l’Istituto per lo studio della guerra (Isw) nel suo ultimo aggiornamento sul conflitto in Ucraina. Il think tank con sede a Washington ha citato la portavoce del comando meridionale ucraino Natalia Humeniuk, che ha affermato che le forze russe hanno aspettato fino all’arrivo di una nuova consegna di droni Shahed per usarli per nuovi attacchi contro l’Ucraina.

Dei 26 droni che la Russia ha lanciato contro l’Ucraina il 19-20 aprile – scrive l’Isw – le forze ucraine ne hanno abbattuti 21, e dei 12 droni lanciati dalla Russia il 20-21 aprile, l’Ucraina ne ha abbattuti otto. Mosca ha preso di mira le regioni di Kiev, Odessa, Poltava, Vinnytsia, Dnipropetrovsk, Zaporizhzhia, Kharkiv e Chernihiv.

Gli attacchi hanno causato danni alle infrastrutture civili nelle oblast di Vinnytsia e Poltava. L’amministrazione militare della città di Kiev non ha riportato alcun danno dagli attacchi dei droni.

Kiev, ‘respinti oltre 50 attacchi in 24 ore’

Nelle ultime 24 ore le forze delle forze armate di Kiev sono riuscite a respingere 53 attacchi dell’esercito russo nelle direzioni Bakhmut, Avdiiv, Marin e Shakhtar. La città di Bakhmut resta l’epicentro delle ostilità. Lo rende noto lo stato maggiore di Kiev nel suo resoconto mattutino sulla guerra, precisando che l’esercito russo ha lanciato sia attacchi missilistici, che aerei e sia con lanciarazzi multipli.

“Nell’ultimo giorno – aggiunge lo stato maggiore – l’Aeronautica Militare delle Forze di Difesa ha effettuato 5 attacchi sulle aree di concentrazione degli occupanti, e unità di forze missilistiche e artiglieria hanno colpito due aree di concentrazione di forza lavoro, un complesso missilistico antiaereo e altri due importanti obiettivi militari del nemico”.

Kiev, ‘oltre 680 soldati russi uccisi in un giorno’

La Russia ha perso nell’ultimo giorno 680 uomini, facendo salire a 185.730 le perdite fra le sue fila dal giorno dell’attacco di Mosca all’Ucraina, lo scorso 24 febbraio. Lo rende noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine, appena diffuso su Facebook, che riporta cifre che non è possibile verificare in modo indipendente.

Secondo il resoconto dei militari ucraini, a oggi le perdite russe sarebbero di 185.730 uomini, 3.672 carri armati, 7.130 mezzi corazzati, 2.832 sistemi d’artiglieria, 539 lanciarazzi multipli, 289 sistemi di difesa antiaerea. Stando al bollettino, che specifica che i dati sono in aggiornamento a causa degli intensi combattimenti, le forze russe avrebbero perso anche 308 aerei, 293 elicotteri, 5.718 autoveicoli, 18 unità navali e 2.398 droni

Aiea, ‘bombardamenti quotidiani vicino a centrale Zaporizhzhia’

I bombardamenti nei pressi della centrale nucleare di Zaporizhzhia sono quotidiani. Li sentono chiaramente, ogni giorno da una settimana, i tecnici dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (IAEA) che lavorano nell’impianto nucleare ucraino. Lo ha affermato l’agenzia attraverso un aggiornamento, aggiungendo che durante uno degli attacchi è stato detto agli esperti di cercare rifugio sul posto a causa dei “potenziali pericoli causati dalla continua attività militare nella regione”.

“Ho visto chiare indicazioni di preparativi militari nell’area quando ho visitato la centrale nucleare di Zaporizhzhia poco più di tre settimane fa. Da allora, i nostri esperti del sito hanno spesso riferito di aver sentito detonazioni, a volte suggerendo un intenso bombardamento non lontano dal sito”, ha detto il direttore generale dell’AIEA Rafael Mariano Grossi. Il 29 marzo Grossi ha effettuato la sua seconda visita alla centrale nucleare per valutare in prima persona la sicurezza e la protezione, parlare con gli ingegneri dell’impianto e garantire la rotazione degli esperti dell’AIEA nell’impianto. Il direttore generale ha anche affermato che sta continuando i suoi sforzi e negoziati sia con la Russia che con l’Ucraina per proteggere la centrale.

L’impianto, il più grande d’Europa, è stato più volte completamente disconnesso dalla rete elettrica ucraina a causa dei regolari attacchi russi alle infrastrutture energetiche del Paese. La centrale è inoltre attualmente in funzione con solo un quarto del suo personale regolare, causando preoccupazioni per la manutenzione.

Zelensky firma legge, vietati ‘nomi geografici’ che ricordano la Russia

Il presidente Volodymyr Zelensky ha firmato una legge “Sui nomi geografici” riguardanti la toponomastica e l’uso dei nomi geografici nelle città dell’Ucraina. La legge proibisce di dare a siti nomi che simboleggiano o glorificano la Russia o la commemorano, nonché date, eventi, e personaggi che hanno compiuto aggressioni contro l’Ucraina (o un altro paese), o che ricordino politiche e pratiche totalitarie relative alla persecuzione per aver criticato il regime totalitario sovietico e regimi russi, compresi gli ucraini nei territori temporaneamente occupati.

La legge – scrive il sito web della Verkhovna Rada – dovrebbe garantire la riduzione dell’influenza della Russia sulla politica interna dell’Ucraina e sulla visione del mondo degli ucraini, creare i prerequisiti per rendere impossibili le attività di propaganda russa e accelerare la de-sovietizzazione.

Madrid consegna 6 carri armati Leopard 2

La Spagna intende consegnare sei dei suoi carri armati Leopard 2A4 promessi all’Ucraina “nei prossimi giorni”, ha detto il ministro degli Esteri del paese Jose Manuel Albares al gruppo di media tedesco Funke.

“Dopodiché, ci sarà un secondo pacchetto con altri quattro carri armati”, ha aggiunto Albares , citato dalla pubblicazione tedesca Tagesschau.

In precedenza, la Spagna aveva rinviato la consegna , con il ministro della Difesa Margarita Robles che aveva affermato che i carri armati Leopard 2A4 avrebbero lasciato il Paese nella seconda metà di aprile, mentre inizialmente la consegna doveva avvenire “poco dopo Pasqua”, il 9 aprile.

Ucraina: esplosioni in Crimea, contraerea russa in azione sul Mar d’Azov

Forti esplosioni sono state udite in Crimea. Lo riferisce Radio Liberty Crimea. La notizia viene confermata sul canale Telegram “Mash on the Wave”, che scrive che “il sistema di difesa aerea russo ha abbattuto ‘un oggetto’ sopra il Mar d’Azov”.

“Le forze di difesa aerea hanno lavorato nei cieli sopra la Crimea – ha scritto su Telegram capo della repubblica Sergei Aksenov – Non ci sono stati feriti o vittime. Chiedo a tutti di mantenere la calma e di fidarsi solo di fonti di informazioni attendibili”.

Intelligence Gb, ‘Russia fatica a giustificare guerra’

La Russia “fatica a mantenere la coerenza” nella sua “narrativa” usata per “giustificare la guerra in Ucraina: che l’invasione sia analoga all’esperienza sovietica nella Seconda Guerra Mondiale”. E’ quanto rileva l’aggiornamento dell’intelligence britannica nel rapporto quotidiano sulla situazione in Ucraina diffuso dal ministero della Difesa di Londra.

“Il 18 aprile – si legge – i media ufficiali russi hanno annunciato l’annullamento per motivi di ‘sicurezza’ della marcia del ‘Reggimento degli immortali'” e gli esperti britannici tendono ad attribuire la decisione che riguarda la Giornata della Vittoria non tanto alle ragioni manifestate da Mosca quanto alla preoccupazione delle autorità che alcuni partecipanti possano evidenziare “la portata delle recenti perdite russe” in Ucraina.

Questo, rileva l’aggiornamento, arriva dopo le recenti affermazioni del fondatore del gruppo Wagner, Yevgeny Prigozhin, che ha messo pubblicamente in dubbio la presenza di “nazisti” in Ucraina, “andando contro la giustificazione della Russia per la guerra”, per l’avvio della “operazione militare speciale” nel febbraio dello scorso anno. E, prosegue la valutazione, “le autorità hanno continuato a tentare di unire l’opinione pubblica russa attorno a miti polarizzanti sugli anni ’40”.

Ucraina: Mosca espelle i diplomatici tedeschi

La Russia ha detto che espellerà i diplomatici tedeschi come rappresaglia per l’espulsione dei propri rappresentanti a Berlino. Lo scrive l’agenzia di stampa Tass, aggiungendo che, “in reazione alle azioni ostili di Berlino, la parte russa ha deciso di fare altrettanto con l’espulsione dei diplomatici tedeschi dalla Russia, nonché di limitare in modo significativo il numero massimo di dipendenti delle missioni diplomatiche tedesche nel nostro Paese”.

Un totale di 40 persone sono state espulse da entrambe le parti nell’aprile 2022, mentre la Germania ha continuato a sostenere l’Ucraina, anche con la fornitura di carri armati.

Mosca, ‘corsa armamenti missilistici, difficile prevedere conseguenze’

L’ambasciatore generale del ministero degli Esteri russo ha avvertito di una corsa agli armamenti “incontrollabile” e ha sottolineato la necessità che la Russia sviluppi il suo potenziale missilistico tattico. “In sostanza – ha scritto Grigory Mashkov sulla rivista del ministero degli Esteri russo Affari internazionali – stiamo assistendo a una corsa agli armamenti missilistici con conseguenze difficili da prevedere. Decine di miliardi di dollari vengono investiti nel miglioramento della tecnologia missilistica. Questo processo diventa incontrollabile”.

Mashkov ha anche affermato che “c’è un ovvio bisogno che la Russia sviluppi il suo potenziale missilistico tattico, per aumentare ulteriormente l’efficacia del suo uso e per accumulare armi missilistiche in anticipo per rispondere efficacemente a qualsiasi sfida alla sicurezza nazionale, anche a Kaliningrad, dove la NATO minaccia il territorio russo con gli MLRS americani”.

CONDIVIDI

Leggi Anche