NEWS > 27 Aprile
DUEMILA23

Pnrr: Pella (Fi), ‘riforme e investimenti per crescita Pil strutturale’

Le stime “Nei prossimi anni si stima un costante decremento dell’indebitamento netto, sia in termini quantitativi sia in rapporto al...

IN QUESTO ARTICOLO

Le stime

“Nei prossimi anni si stima un costante decremento dell’indebitamento netto, sia in termini quantitativi sia in rapporto al Pil. Lo schema del Programma nazionale di riforma, che si inserisce nel più ampio programma di riforma, innovazione e rilancio degli investimenti rappresentato dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, stima un impatto positivo del Pnrr sul Pil pari all’1 per cento nel 2023, all’1,8 per cento nel 2024, al 2,7 per cento nel 2025 e al 3,4 per cento nel 2026. I dati dimostrano come i piccoli comuni sono stati essenziali e lo saranno anche nei prossimi anni come capacità di messa a terra delle risorse. Altri settori che contribuiranno maggiormente alla crescita del Pil saranno le costruzioni, l’industria manifatturiera, nonché le attività immobiliari e le attività professionali, scientifiche e tecniche”. Così il deputato di Forza Italia, Roberto Pella, capogruppo Fi in Commissione Bilancio e vice presidente vicario dell’Anci, intervenendo da relatore durante l’esame del Def 2023 in Aula.

Il Programma

“Il Programma Nazionale di Riforma reca anche un aggiornamento della valutazione di impatto macroeconomico delle riforme comprese nel Pnrr riferite ai settori dell’istruzione e della ricerca, delle politiche attive del mercato del lavoro, della pubblica amministrazione, della giustizia, della concorrenza e degli appalti, attribuendo una maggiore incidenza sia nel breve che nel lungo periodo a quella relativa alle politiche attive e a quella dell’istruzione e della ricerca. In tale quadro, contestualmente alla definizione del capitolo REPowerEU, il Governo dichiara di voler rivedere alcuni degli investimenti del Pnrr che, in fase attuativa, si sono rivelati più difficoltosi da realizzare nei tempi originariamente previsti, anche in considerazione delle condizioni economiche e geopolitiche profondamente mutate. Forza Italia ed il Presidente Berlusconi si confermano in prima linea nel sostenere con convinzione il percorso che il governo sta portando avanti nella realizzazione del Pnrr”.

CONDIVIDI

Leggi Anche