NEWS > 21 Ottobre
DUEMILA23

Giornata Mondiale dell’Ascolto: quanto è importante nella sfera professionale?

Ascolto attivo, coinvolgimento, empatia sono degli elementi importanti tanto nella sfera personale quanto in quella professionale In un contesto frenetico,...

IN QUESTO ARTICOLO

Ascolto attivo, coinvolgimento, empatia sono degli elementi importanti tanto nella sfera personale quanto in quella professionale

In un contesto frenetico, dinamico e in continua evoluzione come quello in cui viviamo oggi, diventa sempre più difficile trovare il tempo da dedicare all’ascolto.

Tuttavia, la capacità di porre la giusta attenzione nella comunicazione, verbale e non, nei confronti del proprio interlocutore è fondamentale per intessere relazioni interpersonali solide e che possano durare nel tempo.

Ascolto attivo, coinvolgimento, empatia sono degli elementi importanti tanto nella sfera personale quanto in quella professionale, dove queste competenze trasversali possono portare valore aggiunto all’azienda, garantendo un clima generale di benessere.   Per questo motivo, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ascolto, che si celebra il 21 ottobre, Factorial, l’Unicorno europeo e piattaforma HR all-in-one per le risorse umane a supporto delle PMI, e il servizio di psicologia online e Società Benefit Unobravo, fanno luce sugli elementi fondamentali per garantire un ambiente di lavoro sano e inclusivo, basato sul confronto.

Ascolto attivo: in sua assenza viene meno anche la motivazione?

Secondo lo studio di Gallup del 2023 sullo stato globale del mondo del lavoro, i dipendenti che si sentono ascoltati e coinvolti sono il 21% più produttivi. Per questo motivo, è importante investire tempo ed energie nella pratica dell’ascolto: se i dipendenti si sentono compresi e supportati è meno probabile che portino avanti atteggiamenti passivi, spesso nocivi anche per la qualità del loro stesso lavoro. Ma non solo: i dipendenti che si sentono ascoltati sono più consapevoli delle loro responsabilità e, con molta probabilità, si sentono più stimolati a dare il meglio di sé.

Al contrario, una mancanza di ascolto coincide spesso con un calo di motivazione da parte dei lavoratori, che percepiscono scarsa attenzione nei confronti delle loro opinioni e proposte. Esempi concreti piuttosto recenti sono stati, ad esempio, il fenomeno delle Grandi Dimissioni e del quiet quitting o la ricerca sempre più preponderante di una maggiore comprensione e flessibilità all’interno dei propri posti di lavoro. 

Coinvolgimento: come ci si pone in ascolto all’interno di un team?

L’atto di ascoltare l’altro non è solo un gesto di rispetto quanto anche la capacità di creare un contatto reale e immediato, che possa portare a una condivisione di pensieri, idee e riflessioni. Ascoltare l’altro è il primo passo verso il suo coinvolgimento nei processi di team e di lavoro, significa farlo sentire parte di uno spazio condiviso, un membro attivo di un processo più ampio e complesso, dove tutti siamo chiamati a dare il nostro contributo. Per far sì che la fase di ascolto sia sempre più naturale e spontanea all’interno di un ambiente di lavoro è fondamentale iniziare prestando attenzione al proprio interlocutore, non farsi distrarre da rumori esterni o dal semplice fatto di dover pensare alla risposta da dare mentre la persona sta ancora esponendo il suo pensiero.

Semplici accorgimenti che spesso però vengono messi in secondo piano all’interno di un contesto lavorativo, in particolar modo tra manager e colleghi junior e che, al contrario di quanto si possa pensare, possono influire notevolmente sulla performance dei lavoratori.

Empatia: intelligenza emotiva per una leadership efficace?

L’intelligenza emotiva (EI) è ampiamente riconosciuta come una delle soft skills più importanti all’interno dei luoghi di lavoro. È un’attitudine in parte innata in parte allenata e può essere definita come la capacità di comprendere a fondo lo stato d’animo e le emozioni dell’altra persona.

Si tratta di una capacità fondamentale anche per i manager d’azienda, che non va sottovalutata o ritenuta di scarsa rilevanza ai fini di una leadership giusta e di valore. Infatti, proprio chi ricopre ruoli di responsabilità, deve coltivare costantemente la propria capacità di relazionarsi con gli altri per meglio comprendere le esigenze del proprio team.

Porsi in una continua posizione d’ascolto diventa così centrale per un manager che vuole mettere al centro il benessere dei propri colleghi e dipendenti, rispondendo con empatia alle loro necessità e richieste di supporto. In particolar modo le risorse più junior, spesso alle prime esperienze lavorative, ricercano nei propri manager una guida da seguire, capace di essere un punto fermo ma anche aperto a un dialogo costante. Creare un luogo aperto al confronto sano e costruttivo passa quindi necessariamente da un ambiente in cui l’ascolto diventa nevralgico e in cui tutti sentono di poter dare un contributo importante.

Potersi muovere all’interno di un contesto lavorativo in cui prevalga un clima di sicurezza psicologica, in cui ciascuno si senta libero e a suo agio nell’esprimere se stesso e il proprio punto di vista, certo di trovare interlocutori non giudicanti e pronti ad accogliere le sue comunicazioni, è essenziale per il benessere sul luogo di lavoro. Passiamo gran parte della nostra giornata lavorando: proprio per questo costruire legami autentici, basati sulla fiducia, sul rispetto delle reciproche competenze e sulla valorizzazione degli elementi personali di ciascuno, è un elemento imprescindibile per il nostro benessere psicologico. Sentirsi al sicuro, ascoltati e valorizzati sul luogo di lavoro genera un circolo virtuoso in cui si è anche maggiormente disposti a recepire i feedback e a incarnare i valori aziendali”, ha commentato la Dottoressa Valeria Fiorenza Perris, Psicoterapeuta e Clinical Director di Unobravo.

È anche da queste soft skills che si distingue un buon leader: ascoltare, e quindi comprendere, i bisogni del team e renderli funzionali per l’azienda, migliorando e aumentando competenze, benessere e produttività dei lavoratori. Ma l’ascolto non va limitato solo ai livelli più alti di responsabilità: in linea generale l’ascolto rappresenta un fattore chiave per instaurare rapporti di trasparenza reciproca e di fiducia tra colleghi, creando quindi un clima collaborativo e di benessere. In Factorial cerchiamo ogni giorno di trovare la giusta chiave per supportare le PMI nella gestione delle proprie risorse: tra i nostri obiettivi, per esempio, c’è anche il voler dare il giusto peso all’ascolto all’interno delle aziende, aiutando a svolgere le mansioni amministrative attraverso l’automatizzazione dei processi, garantendo così una corretta gestione delle persone e dedicando loro il tempo di ascolto necessario” ha dichiarato Arianna Lamera, Talent Acquisition & People Business Partner di Factorial.

CONDIVIDI

Leggi Anche