NEWS > 26 Ottobre
DUEMILA23

“Trapper Shiva Arrestato per Tentato Omicidio in Rissa tra Gang Rivali a Milano”

Questa mattina a Milano è scattato l’arresto di Andrea Arrigoni, noto come il rapper Shiva. Il giovane di 24 anni...

IN QUESTO ARTICOLO

Questa mattina a Milano è scattato l’arresto di Andrea Arrigoni, noto come il rapper Shiva.

Il giovane di 24 anni è accusato di tentato omicidio, porto abusivo di arma da fuoco ed esplosioni pericolose in seguito a un violento conflitto tra bande rivali. Shiva ha ferito due giovani alle gambe con una pistola durante un sanguinoso scontro.

L’inchiesta che ha portato all’arresto del trapper è scaturita dalle immagini delle videocamere di sicurezza della zona. L’episodio risale allo scorso 11 luglio, quando si è verificata una sparatoria di fronte alla casa discografica di Shiva, situata in via Cusago a Settimo Milanese. Gli investigatori hanno analizzato attentamente le prove e sono giunti all’artista e ai suoi coinvolti.

Le autorità hanno anche effettuato perquisizioni all’interno della “Milano Ovest” e indagato altri giovani legati all’incidente, alcuni dei quali risultano sotto inchiesta. Le testimonianze raccolte e le prove raccolte hanno permesso agli inquirenti di scoprire i contrasti tra le bande attive nella scena rap trap milanese.

La ricostruzione iniziale suggerisce che il tentato omicidio sia avvenuto in seguito a un agguato ordito dai due giovani feriti contro Shiva e alcuni suoi amici. La sparatoria è stata l’apice di questa violenta collisione tra gruppi rivali.

La sera degli spari, gli agenti si sono recati alla casa di produzione e hanno trovato solo un giovane con una leggera abrasione alla gamba, il quale ha rifiutato il ricovero in ospedale e non ha presentato alcuna denuncia. Tuttavia, poche ore dopo, è emerso un collegamento con l’arrivo di un altro giovane presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Vimercate. Quest’ultimo presentava una ferita d’arma da fuoco alla gamba e ha dichiarato di essere stato colpito da cinque sconosciuti.

L’inchiesta è stata condotta dalla terza sezione della Squadra Mobile e coordinata dalla procuratrice aggiunta Laura Pedio e dalla pm Daniela Bartolucci. Fino a questo momento, il trapper Shiva, noto per il suo seguito di 1 milione e 800mila follower su Instagram con il nickname @fuckshiva, non ha rilasciato alcuna dichiarazione. La sua vicenda rappresenta un ulteriore episodio di violenza legata alle rivalità tra bande giovanili nel contesto della scena musicale rap trap di Milano.

CONDIVIDI

Leggi Anche