NEWS > 22 Novembre
DUEMILA23

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne 2023: letture consigliate

Ogni anno nella data del 25 novembre si celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne e il femminicidio.  È...

IN QUESTO ARTICOLO

Ogni anno nella data del 25 novembre si celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne e il femminicidio

È una ricorrenza che è stata introdotta dall’Onu per ricordare l’anniversario dell’assassinio delle sorelle Mirabal, tre coraggiose donne rivoluzionarie, che furono massacrate nel 1960. I dati italiani recenti in tema di femminicidio sono davvero sconcertanti. Nel periodo che va dal 1 gennaio 2023 al 12 novembre 2023, 102 sono state le donne uccise, di cui 82 in ambito familiare/affettivo. Di queste 53 infatti hanno trovato la morte per mano del partner/ex.

Questo fenomeno ha un grande impatto ideologico e culturale. Si dovrebbe riflettere su di esso non solo una volta all’anno ma tutti i giorni con iniziative volte a sensibilizzare la cittadinanza e soprattutto le nuove generazioni nei loro contesto sociali a partire prima di tutto nelle scuole promuovendo seminari, incontri di discussione e letture sul tema.

Ancora una volta i libri sono dei veri e propri alleati per indurre a riflessione. Essi riportano testimonianze di persone che hanno provato sulla propria pelle determinate situazioni drammatiche. I lettori immedesimandosi nei vissuti dei protagonisti sono indotti a riflettere e capire cosa si intende per violenza domestica, violenza di genere o stalking. Inoltre spesso tramite un libro è possibile acquisire il coraggio e l’imput per reagire o attivarsi affinché determinati reati non accadano più.

Per l’occasione abbiamo selezionato cinque letture emblematiche sul tema. Scopriamole insieme:

Lo stalker- Samuela Salvotti (Santelli Editore)

Tommaso è un uomo dell’alta borghesia di Milano, bellissimo, sempre sicuro di sé e affabile con tutti. Un dio greco dagli occhi viola, con un solo punto debole: Francesca. Francesca si ribellerà uccidendolo. Molti i personaggi descritti con gli occhi dell’assassina: il padre notaio, la madre, lo psicologo, le amicizie. Persone che non hanno potuto aiutarla perché troppo affascinati da questo stupendo dio della tenerezza. Poi, in carcere, la protagonista conoscerà la direttrice e altre compagne di prigionia. Con un imprevedibile umorismo, assistiamo alla descrizione di personaggi che si stagliano precisi in una narrazione dallo stile minimalista e tagliente. La stessa Francesca ha una visione del mondo e di sé insieme comica e tragica: una Charlot dei nostri tempi dal carattere malincomico, come direbbe. Nel romanzo piangere e ridere sono azioni che avvengono nello stesso momento.

Dieci giorni in manicomio- Nellie Bly (Edizioni Clandestine)
Nel 1887, la reporter Nellie Bly, fingendosi una rifugiata afflitta da paranoia, si fece rinchiudere nel manicomio dell’isola Blackwell, allo scopo di scoprire le condizioni di vita delle donne ricoverate. Nel reportage nato da quell’esperienza, l’autrice racconta i soprusi e le violenze che le pazienti subivano. Fu grazie alla sua ricerca, però, che cominciarono a essere applicate le prime riforme negli istituti di igiene mentale.

Non chiamarmi amore- Beatrice Antonelli, Laura De Dilectis, Caterina Fantetti, Claudia Malerbi Ilaria Saliva, Giulia Valzecchi (Fabbri Editori)

I racconti proposti in questa raccolta sono ispirati alle testimonianze raccolte dalla voce delle donne che si sono rivolte a Donnexstrada, associazione che offre aiuto alle vittime di violenza di genere. Secondo l’ISTAT nel 2021, anno in cui è nato Donnexstrada, in Italia sono state uccise 109 donne, nel 2022 125. Questi racconti hanno come protagoniste tre donne, Matilde, Camilla, Alma, tre vite che si intrecciano e diventano storia universale di riscatto, che passa dal senso di colpa e dal desiderio di autodistruzione, perché non c’è violenza più subdola di quella che si maschera da amore.

La malaintesa – Yolaine Destremau (Barta Edizioni)

Cresciuta in una famiglia avvolgente e innamorata, una brillante avvocata è pronta a tenere l’arringa. Sa cosa fare, come muoversi, cosa dire per convincere Corte e giurati. La sua voce è ferma, dosa alla perfezione parole e silenzi. L’aula è il suo regno. Una paziente è stesa su un letto d’ospedale. Ha fratture multiple, costole incrinate, ferite alla testa. Sotto morfina per alleviare il dolore, non ricorda che cosa le sia successo. Il marito sostiene che è inciampata su un tavolino del soggiorno. Che è un’alcolizzata, che spesso urta i mobili, cade. Come collegare due scene tanto dissociate, queste due donne? «Eppure sono proprio la stessa persona, sono io, a pochi giorni di distanza». Cécilia ha compreso tutto presto, giovanissima, prima di poterlo esprimere, prima di averne coscienza. Molto lontano, nascosto sotto infiniti strati, nel profondo, lei sapeva. Eppure allo stesso modo, prestissimo, prima ancora, ha saputo che Abel era l’uomo della sua vita.
Soffocata nelle spire della violenza coniugale, Cécilia attraversa tutte le fasi della negazione per vivere anche lei la fiaba che hanno vissuto i suoi genitori. Vuole salvare il suo matrimonio, e annega tra i sensi di colpa per gli eccessi dell’uomo che ama e teme. Poi cerca, nonostante tutto, di sottrarsi alla presa che esercita su di lei il marito, il padre delle loro bambine. Ha però amato tanto quest’uomo, il suo carattere deciso, il suo corpo magro: come potrebbe stare senza di lui? Come non dargli un’ultima possibilità?

Stalking. La gabbia- Antonio Russo  (I quaderni del Bardo)

 Benché non esistano ancora un osservatorio nazionale o dati concreti sulla portata del fenomeno dello stalking, è quasi certo che il numero delle vittime di questo tipo d’intrusione violenta nella vita privata – vittime perseguitate, terrorizzate e talvolta anche aggredite fisicamente o psichicamente – è in costante crescita. È imperativo e urgente trovare una soluzione per tutte le persone a rischio, per le vittime e anche per gli stalker, i quali andrebbero assistiti e non abbandonati a sé stessi.

CONDIVIDI

Leggi Anche