NEWS > 25 Novembre
DUEMILA23

“25 Novembre: Italia in Piazza Contro la Violenza sulle Donne”

Giornata Internazionale sulla Violenza sulle Donne mobilitazione generale in tutta Italia. Nel fervore della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza...

IN QUESTO ARTICOLO

Giornata Internazionale sulla Violenza sulle Donne mobilitazione generale in tutta Italia.

Nel fervore della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza sulle Donne, l’Italia si mobilita con passione e determinazione. A pochi giorni dal tragico femminicidio di Giulia Cecchettin, le piazze di Montecitorio e Palazzo Madama si aprono a migliaia di voci, unite nel grido corale di “basta!”. Cortei, corse, passeggiate, flash mob, sit-in, visite ginecologiche gratuite e rassegne si intrecciano nella manifestazione che abbraccia ogni angolo del Paese, accompagnata da un’unica, potente dichiarazione: porre fine alla violenza sulle donne.

Il 25 novembre diventa così un’occasione di impegno e resistenza, una risposta vigorosa alla tragedia che ha scosso l’intera nazione. In un’atmosfera carica di emozioni, migliaia di persone convergono nelle piazze italiane, trasformandole in un palcoscenico di solidarietà e consapevolezza. È un grido di speranza, un richiamo alla responsabilità collettiva di fronte a un problema che riguarda ogni strato della società.

Il simbolismo tocca corde profonde: due scarpette rosse, appese con devozione sulla grata del ponte girevole di Taranto, diventano l’icona tangibile di un impegno collettivo. L’associazione “Donna a Sud”, in collaborazione con Arcigay Taranto, realizza questa installazione, offrendo un omaggio sentito a Giulia Cecchettin e a tutte le donne vittime di femminicidio. È il primo atto di una serie di iniziative programmate nel corso della giornata, promosse dalle realtà associative e dai movimenti attivi nella provincia di Taranto.

La sensibilizzazione e la prevenzione emergono come temi centrali, con iniziative mirate a contrastare la violenza di genere. La partecipazione attiva della comunità, in un’ottica di condivisione e sostegno reciproco, diventa la chiave per costruire un futuro libero da violenze e discriminazioni.

Il 25 novembre delinea una mappa variegata di iniziative che attraversano l’Italia da nord a sud. Ogni passo, ogni gesto, ogni parola pronunciata si fonde in un coro di resistenza, ribadendo il rifiuto categorico di accettare la violenza come parte integrante della vita quotidiana. È un momento di riflessione, di solidarietà, di azione collettiva volta a porre fine a un male che persiste troppo a lungo.

La giornata si conclude con un forte richiamo all’unità: l’Italia ha parlato con una voce potente, respingendo l’ombra della violenza e illuminando la strada verso un futuro in cui ogni donna possa vivere libera, rispettata e al sicuro.

CONDIVIDI

Leggi Anche