NEWS > 2 Dicembre
DUEMILA23

Networking Event 2023 di Sistech, sostenere le persone che fanno la differenza.

Novità al Sistech 2023 Dopo mesi di intense sessioni di formazione e mentoring, undici rifugiate, specializzate in web development, data...

IN QUESTO ARTICOLO

Novità al Sistech 2023

Dopo mesi di intense sessioni di formazione e mentoring, undici rifugiate, specializzate in web development, data analysis e UX/UI design, hanno incontrato recruiter, aziende e professionisti del settore durante il Networking Event 2023 di Sistech, tenutosi mercoledì 29 novembre presso Le Village by Crédit Agricole di Milano.

Oltre 30 le aziende presenti, incluse le aziende partner Terna, Pantene, BCG e Cisco, per connettere i propri reclutatori con donne rifugiate riqualificate e desiderose di emergere nel mercato digitale italiano. Durante l’evento Serena Iacobelli, Italy Senior Brand Manager di Pantene (azienda che ha premiato Sistech nella seconda edizione dell’iniziativa Forti Insieme), e Monica Simeone Chief Philanthropy Officer di OverIT hanno raccontato della collaborazione tra le loro realtà con Sistech, e dell’impatto generato insieme.

Sistech, no-profit europea fondata nel 2017 in Francia e operante in Italia dal 2021, supporta le donne rifugiate ad accedere ad opportunità di lavoro qualificate e sostenibili nel settore tech e digitale. Ha già sostenuto più di 400 rifugiate grazie all’aiuto di quasi 700 volontari e oltre 200 aziende. Secondo i rapporti d’impatto, il 71% delle donne rifugiate ha trovato un’opportunità di primo lavoro, stage o formazione intensiva in ambito digital.

Intervista a Josephine Goube, fondatrice di Sistech

In occasione di questo evento abbiamo intervistato Josephine Goube, fondatrice di Sistech per parlare di impegno  di Sistech nel sociale e talento.

Come nasce l’impegno di Sistech per il sociale e soprattutto per supportare le donne rifugiate nel mondo lavorativo odierno?

Ero curiosa di capire come mai, nonostante le statistiche mostrino che il 50% dei rifugiati siano donne, non le si vedano mai. Mentre approfondivo i dati e facevo domande direttamente a donne rifugiate, ho scoperto che le donne rifugiate erano due volte più disoccupate rispetto alla controparte maschile ma soprattutto, quando trovano lavoro, è per ruoli per i quali sono sovraqualificate. I dati ufficiali dei governi mostravano pattern simili in tutta Europa. Ero scioccata. Non aveva senso per me che donne istruite, con lauree magistrali e dottorati, rimanessero disoccupate in Europa. Qui vedevo un potenziale inutilizzato. In passato avevo lavorato alla creazione di due aziende a sostegno di migranti e rifugiati. Sentivo l’impulso di costruire un’organizzazione nuova dedicata esclusivamente a questa questione. Ho chiesto a alcune donne rifugiate e volontari professionisti di aiutare a progettare un primo programma a Parigi. Così è nata Sistech!

Quanto è importante fare rete per realizzare un progetto come quello che avete realizzato quest’anno e che  è stato presentato durante il Networking Sistech 2023?

Molto importante. Sistech è stato progettato con il contributo delle donne rifugiate, delle ONG che lavorano con loro e delle aziende tech che cercano di reclutare donne nei loro team. In altre parole, Sistech è il prodotto di centinaia di persone che desiderano contribuire a un mercato del lavoro più inclusivo per i rifugiati e le donne. Senza la rete di contatti con professionisti del settore e una solida collaborazione con aziende tech impegnate ad assumere e contribuire, Sistech non avrebbe potuto ottenere risultati così positivi: il 71% delle donne che supportiamo firma un contratto di lavoro nel settore tecnologico dopo il programma, con una media di 2 offerte di lavoro per donna.

Durante la realizzazione di questo progetto quali sono stati i punti di forza e quali le difficoltà?

Inizio con le difficoltà: come in qualsiasi organizzazione benefica, è necessario lavorare con risorse molto limitate, il che può essere stancante e scoraggiante. Anche se le persone che lavorano nelle organizzazioni benefiche non sono motivate dal denaro, è difficile non poter pagare ai tuoi colleghi il compenso che ritieni meritino per l’eccellente lavoro che svolgono. Durante la pandemia, tutti hanno compreso questo concetto: le persone più utili alla società non sono necessariamente quelle che ricevono buoni stipendi. Certamente, avere risorse limitate ci ha spinto a essere creativi, parsimoniosi e molto efficienti nel nostro lavoro, ma con più finanziamenti potremmo fare molto di più: il 90% dei nostri fondi va direttamente a sostenere le donne. Inoltre, il lavoro che facciamo è molto ambizioso e quindi molto difficile da realizzare. C’è una ragione per cui i dati in tutti i paesi europei indicano che le donne rifugiate sono disoccupate il doppio degli uomini: barriere linguistiche, mancanza di reti professionali locali, differenze culturali e pregiudizi, responsabilità domestiche affidate esclusivamente alle donne, ecc. Aggiungi a questo l’esperienza dell’esilio e il trauma che porta con sé. Dobbiamo lavorare con persone che hanno perso tutto eppure, si potrebbe dire, non hanno più nulla da perdere… Certamente, le donne rifugiate sono alcune delle donne più resilienti, forti e autodeterminate che abbia mai incontrato. Tuttavia, ancora una volta, non credo abbiano mai voluto essere così resilienti e forti, ma la vita le ha rese tali ed è ispirante vederle prendere in mano la propria carriera qui in Italia attraverso il nostro lavoro. Questo perché lavoriamo con esseri umani che sono stati danneggiati da circostanze di vita gravemente minacciose che non hanno mai scelto. Abbiamo deciso di non costruire Sistech come una “scuola”, ma di adottare un approccio olistico al nostro lavoro: abbiamo identificato tutte le barriere insieme alle donne rifugiate stesse e valutato cosa Sistech potesse fare su ognuna di esse da soli o con il supporto di un partner. Qui risiede la nostra forza: ci siamo preoccupati di identificare i reali bisogni delle donne rifugiate, prima di tutto il resto. Ecco perché otteniamo un tasso di mantenimento e di laurea fenomenale dell’84%, cosa impensabile per organizzazioni benefiche che sostengono donne rifugiate nell’inserimento lavorativo. Infine, direi che la nostra forza risiede nel fatto che siamo orientati dai dati, quindi cerchiamo dati per capire quanto siamo bravi nel nostro lavoro e non ci accontentiamo solo di sentirci utili. Ogni anno commissioniamo ricercatori dell’impatto per valutare se il nostro lavoro stia effettivamente facendo la differenza per le donne e la società: cerchiamo punti dati che dimostrino che stiamo risparmiando soldi ai contribuenti e che le donne siano effettivamente incluse nel mercato del lavoro con una traiettoria ascendente. Di recente siamo arrivati ottavi nella TOP 50 europea delle Organizzazioni che creano un solido impatto sociale, stilata da Haatch & Carenews, e siamo arrivati primi in Francia su 160 progetti che supportano l’inclusione digitale per il modo in cui abbiamo dimostrato tangibilmente il nostro impatto. Con le attuali tendenze di greenwashing, refugee washing, ecc., sono orgogliosa di gestire un’organizzazione con prove oggettive che il suo lavoro sta facendo la differenza.

Quali sono le esigenze del mondo del lavoro nei confronti delle donne?

Si sente spesso dire che alle donne viene chiesto di dimostrare la propria competenza più degli uomini. Sicuramente, ho avuto questa sensazione come imprenditrice: devo fare il doppio del lavoro del mio collega maschio per la stessa quantità di finanziamenti raccolti, o addirittura meno. Gli studi su questo sono numerosi, l’ultimo riportato nella Harvard Review dello scorso febbraio è eloquente: quando una donna riceve finanziamenti da un investitore maschio, viene percepita come competente; quando li riceve da una investitrice donna, la sua competenza viene attribuita al suo genere. Si chiama bias di attribuzione ed è diffuso nel modo in cui pensiamo alla competenza nel mercato del lavoro. Terrorizzante ma vero. Penso anche che le cose stiano cambiando, quindi sono ottimista.

Quanto è importante orientare e supportare al giorno d’oggi le donne rifugiate e non nell’imprenditoria odierna?

Da Sistech, non offriamo programmi sull’imprenditorialità anche se molte donne nella nostra comunità hanno le competenze e la determinazione per avviare un’attività, e alcune vengono da noi per iniziarne una. È ironico dirlo, ma penso che l’imprenditorialità sia sopravvalutata e venga promossa per preparare le persone a un mondo con meno sicurezza lavorativa e renderle responsabili di questo. Non ho lavorato per diventare imprenditrice e non mi sono mai definita così fino a quando Forbes non mi ha chiamata e ho detto “Va bene, sia così, non mi interessa delle etichette!” Se le competenze imprenditoriali come essere in grado di presentare un’idea, trasformare un’idea innovativa in un prodotto tangibile e correre rischi sono preziose per chiunque – imprenditori e dipendenti – ho deciso che Sistech si concentrerà esclusivamente nel riportare le donne su un percorso stabile verso l’indipendenza economica e finanziaria prima che decidano di intraprendere il percorso molto difficile e rischioso che comporta l’imprenditorialità. Non tutti vogliono essere imprenditori e va bene così. Inoltre, un fattore difficile ma che va considerato è questo: 9 imprese su 10 falliscono. Perché le donne rifugiate dovrebbero essere sovrumane e non rientrare in questa statistica? Dopo aver perso tutto, non voglio che le donne rifugiate perdano ulteriore tempo e precipitino ancora di più.

Che ruolo ha il talento nel mondo imprenditoriale odierno?

Penso che giochi un ruolo più importante che mai. Abbiamo ora molto più accesso a molti strumenti online a una frazione dei costi, o addirittura gratuitamente. Le persone talentuose possono produrre molto di più oggi e raggiungere più persone grazie a questo mondo online. Tuttavia, lo svantaggio di ciò è la competizione: tutti stanno competendo ora che tutti sono in grado di entrare nel mercato con gli strumenti. Sono molto curiosa di vedere come le donne rifugiate useranno strumenti come ChatGPT nei programmi di Sistech e nella loro vita nei prossimi anni. Specialmente per traduzioni e comunicazione scritta sul lavoro. Penso che sia una vera rivoluzione che contribuirà a svelare il loro potenziale a molte persone.

Una storia di successo che ha come protagonista una delle donne che ha partecipato al Programma Sistech e che vi ha particolarmente colpito?

Ce ne sono così tante. Ad essere sincera, ogni storia mi dà i brividi e dà a tutti noi come team l’energia per continuare. Ne scelgo una recente per non fare favoritismi. Di recente, abbiamo avuto una donna di 50 anni che aveva vissuto per un anno in un campo rifugiati, dormendo in un container con altri 5 uomini somali. Ha studiato con noi UX design e ha presentato il suo progetto professionale al nostro ultimo evento di networking in Grecia. È stata assunta in meno di 48 ore in un’ azienda tech. Ci ha mandato una foto del sole che sorgeva dal campo mentre lo lasciava per la prima volta per trasferirsi ad Atene, e un’altra foto della sua scrivania, con il computer e il suo taccuino Sistech con una nota di ringraziamento. Non ho parole, solo occhi lucidi.

 Progetti futuri…

Puntiamo a sostenere l’1% delle donne rifugiate in età lavorativa in Europa entro il 2033 con i nostri programmi, significa 11,000 donne. È un obiettivo estremamente ambizioso ma è solo la punta dell’iceberg… e dobbiamo farlo. Come società multiculturale, liberale e moderna, come democrazie europee, dobbiamo riuscire in questo impegno di emancipare le persone costrette a fuggire a causa di guerre o persecuzioni di genere, opinioni religiose o politiche, ecc., altrimenti dovremmo ridefinire il nostro progetto di società.

La parola a Serena Iacobelli, Senior Brand Manager Pantene Italy

In questa intervista Serena Iacobelli – Senior Brand Manager Pantene Italy ci parla della collaborazione tra Sistech e Pantene  a sostegno di questo progetto di grande impatto sociale.

Com’è nata la collaborazione tra Sistech e Pantene?

La nostra collaborazione nasce grazie alla seconda edizione di Forti Insieme, una call per startup innovative con l’obiettivo di fornire n sostegno finanziario per progetti imprenditoriali ad alto impatto sociale, che prevedeva un grant in palio di 75.000 euro. Presentata ai media e al pubblico lo scorso ottobre, l’iniziativa Forti Insieme ha riscontrato – come nell’edizione precedente – un elevato numero di candidature: 800 pervenute da tutta Italia, un vero record per una call destinata a startup a impatto sociale e tra questa rosa di candidati, Sistech, la principale associazione no-profit che aiuta le donne a trovare un lavoro nel mondo tech e digitale, ne è uscita come vincitrice.

Che tipo di feedback ha avuto da questo tipo di collaborazione?

La forza nasce dall’unione, questo è ciò che caratterizza progetti come Forti Insieme ed è stato anche la base della nostra collaborazione con Sistech. Insieme ci siamo uniti per supportare le talentuose fellows che hanno preso parte al Programma Boost, per seguirle nel processo di processo di upskilling e seguirle verso il loro percorso nel mondo del lavoro.

Quanto è importante fare rete per le cause sociali?

Realizzare progetti a responsabilità sociale su tutto il territorio nazionale per promuovere la crescita, valori positivi e un cambiamento concreto nelle comunità in cui operiamo rappresenta un commitment a lungo termine non sono di Pantene. Il nostro obiettivo è proprio quello di per dare il nostro contributo nel costruire una società più inclusiva e quindi migliore.

L’iniziativa promossa con Sistech ha come obiettivo quello di promuovere il talento. Per lei quanto è importante contare su figure talentuose in una realtà imprenditoriale come la sua e come valorizzarle?

Il talento è il punto di partenza, ma credo che debba sempre essere accompagnato da empatia, passione, cuore e resilienza. Tutte doti che nel percorso di apprendimento professionale debbano necessariamente essere valorizzate, nutrite, coltivate trasmettendo in primis i valori dell’azienda, il suo DNA, stimolando le persone a credere in sé stesse, ad accettare il fallimento e a essere comunque capaci di non arrendersi e di portare a termine gli obiettivi che vengono affidati loro. Crediamo molto nel valore della persona ed è per questo che facciamo in modo che anche l’ambiente di lavoro sia “a misura” delle capacità, delle risorse e della peculiarità di ognuno. Solo sentendosi riconosciute, accettate e stimolate a crescere le persone sono portate a sviluppare il proprio talento dando ogni giorno il meglio di sé.

Qual è l’impegno di Pantene nel sociale? Principali iniziative…qualche anticipazione

Partirei dal concetto di Forza, quella fiducia nelle proprie capacità che ti porta a perseguire i tuoi sogni e a diventare la migliore versione di noi stessi Noi di Pantene crediamo che questa Forza possa arrivare anche dai capelli. Da anni, infatti, la nostra missione è quella di far in modo che sempre più persone vivano ogni giorno un “Great Hair Day”, grazie ai nostri prodotti che sono in grado di trasformare i capelli e di conseguenza, il modo in cui ci sentiamo. Avere capelli sani, forti e vitali è preludio di un atteggiamento di fiducia verso noi stessi e gli altri, di maggiore sicurezza e autodeterminazione. Tutte condizioni che ci spingono a osare, ad esprimere senza alcun vincolo o barriera noi stessi e a essere più determinati per realizzare i nostri sogni. Questa ambizione è quello che ci spinge ad offrire sempre nuovi prodotti altamente performanti per dare Forza a tutti i nostri consumatori e farli sentire al loro meglio. Ma non solo, da anni ormai il brand mostra il suo commitment su queste tematiche, tramite campagne e iniziative come “Hair Has No Gender”, a supporto della comunità LGBTQ+ , quest’anno alla sua 4 edizione, e Forti Insieme, ideata nel 2021 da Pantene in collaborazione con Chiara Ferragni e il supporto di LVenture Group, con l’obiettivo di sostenere finanziariamente con un grant di 75M euro progetti e realtà  imprenditoriali che mirino a sostenere l’empowerment e che abbiano un forte impatto sociale. Queste iniziative continueranno anche nei prossimi anni, con declinazioni diverse ma con un unico denominatore, essere forza motrice per quelle persone e realtà che davvero fanno la differenza nella nostra società.

CONDIVIDI

Leggi Anche