NEWS > 21 Dicembre
DUEMILA23

“Rivoluzione Migratoria in Europa: Storico Accordo Ue sui Cinque Pilastri del Patto per Migranti e Asilo”

Il 20 dicembre 2023 rimarrà indelebile nella storia dell’Unione Europea, segnando il trionfo di una nuova era per la gestione...

IN QUESTO ARTICOLO

Il 20 dicembre 2023 rimarrà indelebile nella storia dell’Unione Europea, segnando il trionfo di una nuova era per la gestione della migrazione e dell’asilo.

L’annuncio dell’accordo storico, raggiunto da Consiglio e Parlamento Ue, ha suscitato entusiasmo e riflessione in tutta Europa.

Il commissario Ue Margaritis Schinas ha comunicato la notizia in una dichiarazione su “X”, annunciando che l’Ue ha finalmente trovato un terreno comune su cinque pilastri fondamentali del tanto discusso Patto sui migranti e l’asilo. Una svolta epocale che segna un passo avanti nella creazione di una risposta europea unitaria e efficace a una delle sfide più complesse del continente.

La presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, ha dichiarato con enfasi: “Il 20 dicembre 2023 passerà alla storia come il giorno in cui l’Ue ha raggiunto un accordo storico su una nuova serie di regole per gestire la migrazione e l’asilo. L’Europa è riuscita a superare le difficoltà ancora una volta. Sono molto orgogliosa del fatto che con il patto su migrazione e asilo abbiamo mantenuto la parola e prodotto soluzioni.”

La dichiarazione della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha aggiunto prospettive significative sull’importanza di questo storico accordo. “Questo Patto sulla migrazione e l’asilo garantirà una risposta europea efficace a questa sfida europea. Ciò significa che saranno gli europei a decidere chi verrà nell’Ue e chi potrà restarvi, non i trafficanti. Significa proteggere chi ha bisogno.”

Von der Leyen ha sottolineato che il Patto contribuirà anche a una condivisione responsabile degli sforzi tra gli Stati membri, promuovendo la solidarietà verso coloro che proteggono le frontiere esterne e prevenendo nel contempo la migrazione illegale verso l’Ue. Inoltre, fornirà all’Ue e ai suoi Stati membri gli strumenti necessari per reagire rapidamente in situazioni di crisi, quando gli Stati membri si trovano ad affrontare un gran numero di arrivi illegali o sono oggetto di strumentalizzazione da parte di Paesi ostili che tentano deliberatamente di destabilizzare l’Unione Europea o i suoi Stati membri.

Questo accordo segna il culmine di negoziati intensi e di un impegno collettivo a superare le divisioni e ad affrontare congiuntamente una delle sfide più urgenti del nostro tempo. L’Europa si prepara ora a una nuova fase nella gestione della migrazione e dell’asilo, tracciando una strada verso la sicurezza, la solidarietà e la responsabilità condivisa.

CONDIVIDI

Leggi Anche