NEWS > 15 Febbraio
DUEMILA24

Italia-Romania: ministra Esteri Bucarest, ‘interscambio record e in crescita’

Tajani, ‘nucleare e infrastrutture settori dove si può lavorare di più’ La cooperazione bilaterale a livello economico è “eccellente”, con...

IN QUESTO ARTICOLO

Tajani, ‘nucleare e infrastrutture settori dove si può lavorare di più’

La cooperazione bilaterale a livello economico è “eccellente”, con un interscambio “record” che nelle stime supererà i 20 miliardi di euro nel 2023. “Un trend ascendente che speriamo di confermare” anche grazie alla presenza “consistente” di imprese italiane in Romania mentre è “in aumento” il numero di quelle romene in Italia. Lo ha dichiarato la ministra degli Esteri romena, Luminita Odobescu, nel corso del Business Forum Italia-Romania alla Farnesina. “Possiamo identificare nuove opportunità per realizzare progetti comuni nei rispettivi mercati e in quelli di Paesi terzi”, ha proseguito Odobescu, dicendosi convinta che “solo attraverso la creazione di sinergie, l’investimento in nuove tecnologie e l’uso giudizioso delle risorse possiamo fronteggiare insieme le grandi sfide del presente”.

Riferendosi quindi al vertice di stamane dei capi di governo, la ministra ha evidenziato che “i nostri governi hanno dato un messaggio chiarissimo riguardo l’approfondimento dei rapporti bilaterali e il consolidamento della cooperazione a livello europeo e internazionale attraverso la firma della dichiarazione congiunta sullo sviluppo del partenariato strategico”.

Energia, con un’attenzione particolare a quella nucleare, infrastrutture e agroalimentare “sono i settori dove si può lavorare di più”. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, nel corso del Business Forum Italia-Romania alla Farnesina. “Ci sono tanti settori, io direi che ci concentreremo su quelli ad alto contenuto tecnologico industriale”, ha premesso Tajani, ricordando il memorandum of understanding firmato oggi tra il gruppo assicurativo-finanziario Sace, Ansaldo nucleare e l’azienda romena per l’energia nucleare Societatea nationala nuclearelectrica (Snn).

“Il nucleare – ha spiegato – riveste una grande importanza perché la produzione di energia per un paese come il nostro, che è a vocazione industriale e non è autosufficiente, diventa una questione di primaria importanza”. Tajani ha quindi evidenziato che “le capacità italiane sono in prima linea anche nel settore agroindustriale” e, a proposito delle infrastrutture, ha citato il ponte costruito da WeBuild in Romania.

CONDIVIDI

Leggi Anche