NEWS > 9 Luglio
DUEMILA24

Italiani e qualità del sonno, 7 persone su 10 dormono male

Il sonno rappresenta una necessità fondamentale per il benessere fisico, mentale ed emotivo. Di fatti riposare nel modo corretto, ovvero...

IN QUESTO ARTICOLO

Il sonno rappresenta una necessità fondamentale per il benessere fisico, mentale ed emotivo.

Di fatti riposare nel modo corretto, ovvero circa 7-8 ore al giorno, regola il metabolismo e aiuta il cervello a eliminare le tossine dal tessuto neurale, elaborare informazioni e migliorare l’apprendimento, riducendo inoltre stress e ansia. Eppure, in Italia, 7 persone su 10 sono insoddisfatte della qualità o della durata del proprio sonno (72,3%) e oltre la metà afferma di avere difficoltà ad addormentarsi (58%).

È quanto emerge dall’Osservatorio Unobravo sui problemi del sonno in Italia, realizzato dal servizio di psicologia online per approfondire il tema e indagare il modo in cui l’insonnia e i disturbi del sonno rischiano di influire sul benessere psicologico delle persone. L’Osservatorio ha raccolto e analizzato i risultati relativi al test di screening gratuito e anonimo Insomnia Severity Index e le risposte raccolte attraverso un sondaggio condotto su un campione della base utenti di Unobravo per fornire una panoramica della situazione italiana.

Quali sono i problemi legati al sonno

I problemi del sonno possono avere un impatto molto serio: secondo i risultati del test di screening sull’insonnia elaborati dall’Osservatorio Unobravo, il 62,4% degli italiani dichiara di subire ripercussioni nella vita quotidiana conseguenti a problematiche col sonno, con gravi riduzioni dell’efficienza diurna.

Le difficoltà vanno oltre la fase dell’addormentamento: quasi un terzo delle persone (32,5%) manifesta difficoltà a rimanere addormentato, mentre la metà (55%) si trova a fare i conti con risvegli precoci che non consentono di dormire le ore necessarie a recuperare le energie per la giornata. Inoltre, stress e ansia caratterizzano le notti di oltre due terzi delle persone (68,3%).

Le cause principali

A disturbare il sonno degli italiani sono in particolare i pensieri legati alla genitorialità o al lavoro, nonché l’utilizzo di dispositivi elettronici prima di andare a dormire. Quasi 8 genitori su 10 riconoscono alle responsabilità genitoriali un ruolo importante sul mancato riposo. Sono soprattutto le donne a sentirne il peso: l’impatto sul sonno è significativo per oltre un terzo delle mamme intervistate (37,2%).

Il lavoro rappresenta un fattore di disturbo del sonno per oltre tre quarti degli italiani (76,9%). Una problematica che non risparmia né chi lavora su turni, con il 43,1% che lamenta un’influenza considerevole del lavoro sul proprio riposo, né chi ha orari flessibili o esercita la professione come freelance:  rispettivamente il 24,8% e il 24,2% di queste categorie attribuiscono un ruolo significativo alla sfera professionale in relazione alle difficoltà a dormire bene.  A farne le spese sono soprattutto coloro che ricoprono un ruolo dirigenziale (come CEO, CFO, CTO): il 32,6% dei casi parla di un’influenza rilevante del proprio lavoro.

Molte persone ammettono infine di adottare comportamenti che  rischiano di alterare i ritmi e portare a disturbi del sonno, come l’utilizzo di  dispositivi elettronici prima di coricarsi. Una consuetudine che è propria del 35% degli intervistati da Unobravo, che dichiara di usare device come smartphone, PC o tablet immediatamente prima di andare a letto, tutti i giorni e per un tempo superiore ai 30 minuti. Solo il 2,2% afferma di non utilizzare dispositivi elettronici prima di dormire.

I problemi del sonno nelle regioni italiane

I disturbi del sonno rischiano di causare problemi nella vita quotidiana, provocando in particolare sensazione di stanchezza e spossatezza durante l’intera giornata (40,2%), continui risvegli notturni o precoci (26,5%), calo delle capacità cognitive (19,8%) e aumento dell’irritabilità e dell’impulsività (14,7%).

Se a livello nazionale si tratta di un fenomeno diffuso, con più della metà degli italiani coinvolti nell’analisi di Unobravo (55,4%) che sperimenta almeno una delle quattro principali conseguenze di un sonno disturbato, a livello locale la regione che in proporzione risulta maggiormente colpita da tali problemi è l’Abruzzo, dove il 65,8% dei rispondenti accusa almeno uno degli effetti sopracitati. In Emilia-Romagna ci si attesta sul 63,8% e in Lombardia sul 61,2%. Seguono Liguria (58%) e Toscana (56,9%).

Dall’Osservatorio Unobravo emerge che a essere colpite  sono soprattutto le donne (con percentuali che oscillano tra il 50,2% della Lombardia e l’84,2% della Liguria), mentre le fasce d’età più interessate sono quelle tra i 30 e i 44 anni e sotto i 30.  Unobravo inoltre ha messo a punto per tutti gli utenti un test di screening per valutare se si soffre di insonnia.

È disponibile a questo link: https://www.unobravo.com/test/insonnia, è gratuito e non richiede alcun tipo di iscrizione.

CONDIVIDI

Leggi Anche