giovedì8 Dicembre 2022

DA ADNKRONOS

Attenzione agli investimenti truffa online, si riconoscono dai rendimenti facili

(Adnkronos) – Arriva il vicino di casa, oppure il piccolo artigiano che racconta di arrotondare facilmente il suo stipendio mensile, oppure l’amico fidato che vuole confidare ‘una dritta’ da custodire con cura. Gli investimenti truffa si diffondono così, correndo online sostenuti da un passaparola che promette ottimi rendimenti, in una fase storica in cui nessun investimento tradizionale rende bene, e innesca bonifici facili su conti non verificabili. Qualcuno di loro, a monte, ha anche ottenuto effettivamente un guadagno ma è la catena degli investimenti successivi che porta, a valle, a perdite consistenti. 

Il caso. La Consob è intervenuta la scorsa settimana per oscurare 6 nuovi siti web che offrono abusivamente servizi finanziari/prodotti finanziari: 5 siti di intermediazione finanziaria abusiva e un sito mediante il quale viene svolta un’offerta di prodotti finanziari in mancanza di prospetto informativo. E’ Uefa Football Fund Ltd (sito internet https://uefa2017.com e relativa pagina https://www.2016uefa.com). Ovviamente salta subito all’occhio l’utilizzo del nome dell’Uefa per dare credibilità e copertura istituzionale all’operazione. In realtà, si tratta di una truffa, non solo potenziale, visto che sono diverse le persone che hanno già perso il loro denaro. Per ora è scattata la sospensione 90 giorni. L’Autorità contesta sia le informazioni fornite, sia la mancanza di un prospetto informativo. I piani di investimento denominati ‘UEFA Football Hedge Fund’ garantirebbero al sottoscrittore, a fronte dell’impiego di capitale, l’ottenimento di un “un reddito stabile”. Tecnicamente, si pubblicizza l’analisi dei big data per investire nel mondo del calcio e corrispondere agli investitori un rendimento calcolato sulla base di un “interesse composto Formula a lungo termine: (capitale + reddito) + (reddito + reddito) = piano di investimento a tasso composto”. Un filmato presenta l’iniziativa descrivendo un “prodotto finanziario” che sarebbe caratterizzato da “un basso rischio e un profitto a lungo termine” attraverso “un processo di investimento sicuro, affidabile e garantito”.  

Lo schema Ponzi. Gli strumenti sembrano innovativi, dai big data alle criptovalute spesso utilizzate come esca, ma lo schema è quello classico delle truffe finanziarie. Viene utilizzato lo ‘schema piramidale’ detto anche ‘schema Ponzi’, dal nome del suo ideatore, operante negli Stati Uniti agli inizi del ‘900. È uno schema che non sembra preoccuparsi dei segni del tempo, essendo stato utilizzato anche in anni recenti da Bernard Madoff per una delle truffe più eclatanti di tutti i tempi. 

Come funziona. Chi entra per primo ottiene ritorni economici a spese dei successivi investitori Si tratta, in parole diverse, di una specie di ‘catena di Sant’Antonio’, nella quale vengono promessi interessi molto elevati, pagati agli “investitori” mediante il denaro apportato dai nuovi soggetti che hanno aderito successivamente allo schema. Il gioco funziona fino a quando resta elevata la capacità di attrarre nuovi partecipanti. Quando, invece, il nuovo denaro in entrata non riesce più a coprire gli interessi promessi a coloro che già sono coinvolti nello schema, il circuito si blocca, manifestando la sua natura di truffa.