24 Settembre 2022

DA ADNKRONOS

Elezioni 2022, Conte: “Prospettiva con Pd? Ci può stare”

(Adnkronos) – “Mi auguro di governare da solo ma questo dipende dai cittadini. Realizzare un monocolore diventa un po’ improbabile, quindi, la prospettiva, domani, di dover lavorare con altre forze politiche, a partire dal Pd, ci può stare” ma “le delusioni maturate ci rendono ancora più prudenti ed esigenti, direi intransigenti”. Lo dice a ‘Mezz’ora in più’ su Rai Tre il presidente del M5S, Giuseppe Conte: “D’ora in poi ci sederemo a un tavolo con condizioni ancora più chiare del passato… Non cederemo su nulla”, avverte l’ex premier.
 

SONDAGGI – “Non è un segreto che gli ultimi sondaggi” per le elezioni politiche “ci danno in significativa crescita”. E’ quando ha detto a ‘Mezz’ora in più’ su Rai Tre il leader M5S Giuseppe Conte. “Io sono molto prudente, non lavoro con i sondaggi sul tavolo”, dice Conte.  

MEETING DI RIMINI – “Non mi hanno invitato al Meeting di Rimini. Perché? Dovrebbe chiederlo a chi ha fatto gli inviti. Evidentemente io e il M5S non siamo potenti… Esiste questa conventio ad excludendum, ce ne faremo una ragione”.  

CONFRONTI TV – “Siamo una forza politica scomoda, lo siamo sempre stati, anche quando io non c’ero…” dice lamentando la sua esclusione dal confronto tv tra Enrico Letta e Giorgia Meloni. “Con me il M5S continuerà a essere una forza politica scomoda. Ci sono contesti in cui diventa scomodo che partecipi anche il M5S e il suo leader. Non siamo accomodanti col sistema, non lo scopriamo oggi”.  

LISTE – “La formazione delle nostre liste sta andando bene, anche se è una situazione molto complessa: c’è da riempire tantissime caselle, con nominativi che non possono essere semplicemente di uomini e donne così. Devono essere persone che garantiscono di poter portare avanti un’azione politica, le nostre battaglie”. 

I 15 del listino fedelissimi di Conte? “Chiara Appendino è fedelissima di Conte? Patuanelli è fedelissimo di Conte o del Movimento? Sono persone che stavano prima di me e hanno fatto battaglie con il Movimento ben prima che arrivassi io. Scarpinato, che è stato collega di Falcone e Borsellino, Federico Cafiero de Raho, lo stesso De Santoli, prorettore della Sapienza, cosa sono? Amici di Conte?” dice Conte. “Noi siamo molto più progressisti del Pd e lo abbiamo dimostrato con i fatti” aggiunge.  

MELONI – “Quando leggo il programma della Meloni lo ritengo, non dico totalmente, ma per la maggior parte inadeguato. Alcune soluzioni sono proprie strampalate, come il fatto di offrire ai giovani coattivamente un lavoro che, se rifiutano, c’è la sanzione”. “Però il fatto di dire che Fdi, la Meloni, il centrodestra è un pericolo per la democrazia, questo no. Abbiamo un sistema di pesi e contrappesi adeguati. Io voglio battere le destre con le idee”, insiste Conte. 

POLITICA ESTERA – “La collocazione euro-atlantica non sarà mai in discussione con me” sottolinea Conte. “Ho sempre detto che è il modo in cui stare a questi tavoli, che cambia. La mia sarà sempre una postura in cui tutelando l’interesse nazionale do un apporto critico, cerco di indirizzare i processi decisionali, non di subirli”.