28 Settembre 2022

L’Ecuador e le erbe medicinali ribelli

Centinaia di erboriste davano da mangiare ai manifestanti durante i 18 giorni dello sciopero nazionale

Miriam è un’erborista che, con altre donne, ha preparato centinaia di pasti per i ribelli che manifestavano per le strade di Quito, la capitale dell’Ecuador. Sebbene sia difficile per la cultura egemonica di sinistra accettarlo, sono state il ​​cuore della ribellione che è durata 18 giorni e, come nella rivolta del 2019, hanno svolto un ruolo di primo piano, come Miriam e le sue amiche erboriste. Loro fanno tesoro della memoria delle lotte, della conoscenza della rivolta e della cura collettiva che trasmettono di lotta in lotta, facendo in modo che la candela della ribellione non si spenga mai.

Miriam Soria è un’erborista del comune di Tola Chica, a Tumbaco, alla periferia di Quito, capitale dell’Ecuador, che vende i suoi prodotti al mercato di San Roque, nel centro della città. Durante i 18 giorni di rivolta, con manifestazioni nelle piazze di Quito e in tutto il Paese, ha preparato i pasti per i manifestanti. “Quando si è cominciato a parlare di sciopero nazionale, abbiamo cominciato a stare insieme, perché ci conoscevamo già dallo sciopero del 2019”, spiega al giornale Desinformemonos . Miriam racconta che ci sono circa 30 donne che lavorano insieme nel quartiere, tutte venditrici di erbe aromatiche al mercato di San Roque. Durante i giorni dello sciopero nazionale di giugno, durato 18 giorni, si sono organizzate con grosse pentole e hanno fornito pasti popolari ai manifestanti. Cucinavano mille colazioni al giorno, mille pranzi e mille spuntini per la sera. “Ci hanno chiesto se eravamo stanche. Certo che lo eravamo, ma avremmo continuato”. La polizia spesso ha chiuso le strade e li ha aggrediti con gas e bastoni, sono entrati nel quartiere e le donne hanno perso il cibo accumulato dalle donazioni, la polizia ha distrutto pentole e materiale da cucina, ma loro hanno continuato a cucinare. “Non ci siamo arrese”, continua Miriam. “Siamo venute a Quito per sostenere lo sciopero, portando le nostre erbe medicinali”. Gli uomini che bloccavano le strade e i percorsi non mancavano mai di cibo quando tornavano nei loro quartieri, dove i pasti della comunità li sfamavano. Centinaia di volontari sanitari si sono presi cura dei feriti. Hanno benedito le manifestazioni con le loro erbe dolci, che è stato un altro modo per prendersi cura delle persone.

La lotta urbana

L’importanza delle lotte urbane o periurbane sta guadagnando nuovo slancio in Ecuador. Nelle rivolte precedenti, il fulcro della mobilitazione erano le aree rurali. Dalle comunità, la popolazione indigena si è spostata ora verso Quito, creando un potente immaginario di conquista della città bianca che terrorizzava le élite e deliziava la gente indigena. Tumbaco fa parte della valle che ospita l’aeroporto internazionale di Quito, ci sono quasi 40.000 abitanti in quindici comuni che compongono un quartiere semi rurale ricoperto di foreste di eucalipti e depositi di lava del vulcano Ilaló. I posti di blocco che portano all’aeroporto sono generalmente repressi duramente dalle forze dell’ordine. Durante lo sciopero ci sono stati otto feriti da queste parti, ma in tutti i cortei i morti sono stati 7 e i feriti un numero incalcolabile, che può superare il migliaio. “Tutti i diritti che abbiamo ottenuto, li abbiamo ottenuti perché siamo scesi in piazza”, dice Miriam. “Non abbiamo mai avuto giustizia, venditori ambulanti e di mercato, lavoratori domestici, non abbiamo niente”. Sia a Tumbaco che nei quartieri ricchi di Quito, mercanti e vicini hanno estratto le armi per sparare ai manifestanti, cosa che i “media corrotti” del sistema, come li chiamano, hanno insistito per nascondere. Intanto ripetono la monotona e bugiarda melodia del potere che dice che la CONAIE, la Confederación de las Nacionalidades Indígenas del Ecuador organizzatrice della protesta, e i movimenti sottostanti sono “finanziati dal narcotraffico”. Cindy Gómez de Wambra, un media comunitario, ha dichiarato che ci sono state “rivolte nei comuni attorno a Quito, ma i media lo ignorano”. Infatti, i comuni periferici di Quito, soprattutto nella zona meridionale dove arrivano i migranti andini, sono ormai bastioni della mobilitazione che è stata presente sia nella rivolta del 2019 che in quella appena conclusa. Il confronto con la rivolta del 2019 compare in tutte le conversazioni, perché era come un fulmine che illuminava la vita del mondo sottostante. Le persone che hanno preso parte ad entrambe le rivolte affermano che quella del 2019 è stata più spontanea, sorprendente per il potere, che ha portato il presidente Lenin Moreno a fuggire a Guayaquil mentre gli indigeni e i movimenti rurali e urbani occupavano la città. Lo sciopero dello scorso giugno è stato invece più strutturato, con una partecipazione molto maggiore, comprese le manifestazioni sulla costa, ma lo Stato era già stato avvertito e aveva dispiegato un apparato repressivo più sofisticato e con maggiore potenza di fuoco contro la popolazione.

Il ruolo delle donne

Alla fiera di San Roque, le erboriste hanno creato la Piattaforma Centrale 1º de Mayo più di quattro decenni fa. Ci sono circa 150 donne in un mercato che ha più di 4.000 bancarelle, generalmente a conduzione familiare, ma la stragrande maggioranza è gestita da donne. Sono chiamate le warmis , le donne organizzate dal basso, lavoratrici a tutte le ore di tutti i giorni, che durante gli scioperi sono in prima linea per la cura delle persone. Donne indigene che sfidano il pregiudizio e l’eterno razzismo delle classi medie e alte che, questa volta, sono scese in strada vestite di bianco per impedire che “gli indiani si impadronissero della città”. Miriam è un’erborista, guaritrice, contadina che coltiva e raccoglie camomilla, ruta, rosmarino e una gamma di erbe dolci che i clienti sono ansiosi di acquistare al mattino presto. Come i suoi vicini e compagni, coltiva su terreni comunali che difendono dalla morsa della speculazione immobiliare, perché sanno che è il modo di difendere la vita in un sistema che vuole espropriarli e, se può, eliminarli dalla faccia della terra. Le erboriste escono alla Piattaforma 1º de Mayo verso mezzanotte, classificano le erbe e aprono le loro bancarelle molto prima dell’alba e quando l’orologio batte le 8 del mattino non c’è quasi più un prodotto da vendere. Ritengono che le erbe medicinali siano i loro strumenti di combattimento e siano il centro delle loro cure, con le quali curano le molte malattie che li affliggono. La sua argomentazione è inconfutabile: anche se ci chiamano “pigri”, che non lavoriamo, i ricchi mangiano i nostri raccolti, perché lavorano solo nel petrolio e nelle miniere. Donne che esercitano coscienza e combattività, che “resistono forti”, come dice Miriam. “Continueremo a lottare per i nostri figli, perché possano andare a scuola, non come ho fatto io” spiega l’erborista. Sebbene sia difficile per la cultura egemonica di sinistra accettarlo, sono stati il ​​cuore della ribellione che è durata 18 giorni e, come nel 2019, hanno svolto un ruolo di primo piano, come Miriam e le sue amiche erboriste. Loro fanno tesoro della memoria delle lotte, della conoscenza della rivolta e della cura collettiva che trasmettono di lotta in lotta, facendo in modo che la candela della ribellione non si spenga mai.