27 Settembre 2022

New York: l’obbligo vaccinale per tutti i lavoratori

La situazione

New York esprime chiaramente la sua posizione nei confronti dei vaccini: la situazione dei contagi è sempre crescente, quindi il sindaco ha deciso di prendere in mano la situazione con un decreto che sorprende tutti gli americani, infatti è una prima decisione del genere negli Stati Uniti. In questo modo si spera di evitare una nuova andata di contagi, considerando in primis quelli legati alla variante Omicron.

Il provvedimento

Il sindaco uscente della città di New York, Bill de Blasio (che a gennaio verrà sostituito dall’ex poliziotto Eric Adams), ha dichiarato, durante una intervista a “Morning Joe” alla Msnbc, che “Tutti i dipendenti del settore privato di New York City saranno soggetti a obbligo vaccinale dal 27 dicembre”, data entro la quale dovranno aver completato l’iter vaccinale. Ma il sindaco non si è fermato solamente a questa dichiarazione, ha anche annunciato regole più rigorose per l’accesso al fitness, alla ristorazione e all’intrattenimento. Anche i bambini di età compresa fra 5 e 11 anni dovranno provvedere ad avere almeno la prima dose di vaccino per accedere ai ristoranti. Con questi nuovi provvedimenti, i datori di lavoro dovranno richiedere la prova di avvenuta vaccinazione ai loro dipendenti.

Cambiamenti

Dal primo novembre l’obbligo vaccinale era in vigore solamente per i dipendenti municipali, circa 165.000 addetti fra polizia, personale amministrativo e di ufficio, vigili del fuoco, ispettori edili, netturbini e tante altre categorie. Fino a questo momento era richiesta una sola dose di vaccino, ma entro il 27 dicembre bisognerà completare l’iter vaccinale per intero. Tutto questo cambiamento si basa sulla speranza di de Blasio che le nuove restrizioni supereranno eventuali provvedimenti per vie legali.

Negli altri Stati

Grande disorganizzazione emerge riguardo questo tema: Biden trova moltissime contrapposizioni, tanto che il giudice federale di St. Louis Matthew Schelp ha fermato in ben dieci Stati l’obbligo di vaccino per gli operatori sanitari, imposto proprio dalla Casa Bianca (Alaska, Arkansas, Iowa, Kansas, Missouri, Nebraska, New Hampshire, North Dakota, South Dakota e Wyoming). I tribunali federali ostacolano Biden anche per quanto riguarda l’estensione di obbligo vaccinale a livello nazionale per le grandi aziende.