28 Settembre 2022

Cile, si indaga crimini contro l’umanità durante l’epidemia sociale

Sotto accusa i vertici del governo di Sebastian Piñera

Durante l’epidemia sociale, ovvero la rivolta che ha avuto luogo in Cile a partire dall’ottobre 2019 e fermatasi solo a causa della pandemia, il ministro dell’Interno e i vertici dei Carabineros erano a conoscenza dell’uso letale delle armi che usavano per ferire e disperdere la folla. Ora potrebbero essere accusati di crimini contro l’umanità. Aperti tre filoni di indagine dalla Procura Nazionale

Il Pubblico Ministero Ximena Chong indaga sulle responsabilità delle autorità del governo di Sebastian Piñera in possibili crimini contro l’umanità in Cile. Lo riporta il CIPER, Centro de Investigación Periodistica. Durante l’epidemia sociale, la rivolta iniziata il 7 ottobre del 2019 e terminata solo nel marzo del 2020 per lo scoppio della pandemia di Coronavirus e il conseguente lockdown, molte persone sono state ferite con traumi oculari causati da fucili anti sommossa utilizzati di Carabineros. Altre sono state uccise. Era il 10 novembre 2019 quando Gonzalo Blumel, allora ministro dell’Interno, e Mario Rozas, secondo Direttore Generale dei Carabinieri, chiusero un incontro a La Moneda con una stretta di mano davanti alla stampa e riferirono che in futuro la polizia avrebbe fatto solo un “uso limitato” dei fucili antisommossa e che i funzionari che li trasportavano sarebbero stati dotati di telecamere Go Pro. Così, La Moneda e la polizia avevano comunicato implicitamente di essere a conoscenza delle gravi ferite che queste armi stavano causando nelle manifestazioni. Al 10 novembre, infatti, c’erano già più di 200 persone con diversi tipi di lesioni agli occhi causate da fucili antisommossa. Questo, nonostante gli avvertimenti sull’aumento di questi feriti che erano stati fatti da Nazioni Unite, Amnesty International, National Institute of Human Rights (INDH) e Medical Association. L’incontro tra Blumel e Rozas sembrava placare le critiche secondo cui le autorità avrebbero preferito ignorare questi dati e non avrebbero impartito istruzioni per moderare l’uso di queste armi. Un mese e mezzo dopo, il 27 dicembre 2019, si è tuttavia registrato un forte segnale contrario: il governo ha avviato una serie di sforzi congiunti, segreti e urgenti da parte dei Ministeri dell’Interno e del Ministero degli Esteri per finalizzare l’acquisto e trasporto, dal Brasile, di migliaia di cartucce di pallini. A quel tempo, i rapporti del National Institute of Human Rights registravano un totale di 359 persone con lesioni agli occhie il CIPER, aveva già diffuso un rapporto dell’Università del Cile che mostrava che i pallini contenevano piombo e un documento interno dei Carabinieros  che aveva avvertito nel 2012 che questi fucili potevano essere letali o causare esplosioni agli occhi. Le potenzialità di queste armi, dunque, erano ben note da anni, ma sono state utilizzate ugualmente.

I 3 filoni delle indagini per crimini contro l’umanità

L’acquisto di cartucce viene analizzato attentamente dal Pubblico Ministero nel caso che indaga sulla responsabilità delle autorità del precedente governo in possibili crimini contro l’umanità. Perché si possa configurare un reato di questo tipo, è necessario provare che vi è stata un’aggressione “sistematica” o “generalizzata” da parte di agenti dello Stato. La Procura Nazionale, guidata fino al febbraio 2022 da Jorge Abbott aveva fatto scarsi progressi fino a quando questi ha lasciato il caso per possibili crimini contro l’umanità contro Piñera e i suoi ministri a Ximena Chong. Da marzo quindi le cose sono cambiate e la Procura ha promosso tre linee di indagine che mirano a dimostrare che sotto il governo di Sebastián Piñera potrebbe configurarsi un’aggressione generalizzata contro la popolazione che ha partecipato alle manifestazioni dell’epidemia sociale, senza che l’autorità prendesse misure efficaci per evitarla. Il primo pilastro di queste indagini ha documentato il coordinamento dispiegato da varie istituzioni statali per garantire l’uso dei fucili, nonostante le vicende successive che si sono concluse con i feriti causati da queste armi. In questo contesto, il Pubblico Ministero ha esaminato documenti e rapporti ufficiali dell’Interno, dei Carabineros e del Ministero degli Esteri, riferiti alla garanzia dell’acquisto e del trasporto immediato di 20.000 cartucce calibro 12 dal Brasile. Una seconda linea di indagine che la Procura ha approfondito è supportata da un rapporto segreto che i Carabineros hanno consegnato al Pubblico Ministero, dove conferma che i suoi funzionari hanno sparato un totale di 188.100 cartucce di gas irritante CS contro i manifestanti, tra il 18 ottobre 2019 e il 31 marzo 2020. Nello stesso periodo, l’istituzione di polizia ha ammesso di aver utilizzato 43.859 granate lacrimogene. A ciò si aggiungono le informazioni fornite dai Carabineros, in risposta a una richiesta di Trasparenza, che indicava che i suoi funzionari hanno sparato 104.000 colpi di fucile nelle sole prime due settimane dell’epidemia sociale, che corrisponde a 1,8 milioni di colpi che possono essere sparati solo dalla vita in giù e in nessun caso dovrebbero mirare ad altre parti del corpo. In tal senso, la Procura ha disposto l’interrogatorio di tre luogotenenti, un sergente e un sottufficiale, per conoscere le condizioni in cui gli agenti di polizia sono addestrati all’uso dei fucili antisommossa con cui vengono percosse queste cartucce a pallini. Tutti loro, che ricoprono il ruolo di formatori nell’istituto, hanno convenuto di precisare che l’addestramento prevedeva sempre informazioni sui danni causati dall’uso di quest’arma: “Si precisava che il colpo del fucile antisommossa doveva essere sempre diretto alle parti inferiori del corpo, dalla vita in giù. In nessun caso potevano essere sparati mirando al viso di una persona. La distanza minima alla quale deve essere utilizzato il fucile è di trenta metri”, ha risposto, ad esempio, il tenente Joaquín Jansana. Un terzo filone delle indagini della Procura sono i 18.000 milioni di dollari che i Carabineros hanno gestito davanti al Sottosegretario all’Interno nel gennaio 2020 per pagare bonus alle truppe che hanno partecipato a compiti di controllo dell’ordine pubblico nel corso del 2019, nonostante esistessero già organizzazioni che avevano allertato o denunciato possibili violazioni dei diritti umani commesse da agenti di polizia a partire dall’ottobre dello stesso anno. La più grande difficoltà per il pubblico ministero Chong, così come per il suo predecessore, è stata ottenere prove che dopo l’epidemia sociale vi fosse un attacco “sistematico” o “generalizzato” contro la popolazione civile, condizione per commettere un crimine contro l’umanità. L’attacco generalizzato, ha approfondito l’accademico dell’Università del Cile, Juan Pablo Mañalich, è definito dalla legge cilena come “lo stesso atto o più atti simultanei o immediatamente successivi, che colpiscono o sono diretti a un numero considerevole di persone”. La norma stabilisce che l’attacco diventa anche sistematico, indica l’autore, quando si estende “per un certo periodo di tempo”. Mañalich ha aggiunto che, secondo la legge, “le persone che hanno ricoperto le cariche di massima autorità civile o di comando militare, e che, potendo farlo, non hanno impedito la commissione di reati, di quelli esemplificati nella stessa legge, di che ne hanno avuto conoscenza, sono responsabili in quanto autori di quei crimini”. In questa prospettiva, non appena ha assunto il comando delle indagini, il pm Chong ha chiesto all’attuale sottosegretario all’Interno, Manuel Monsalve, di salvaguardare le e-mail degli ex ministri Andrés Chadwick, Gonzalo Blumel, Víctor Pérez e Rodrigo Delgado, e degli ex sottosegretari Rodrigo Ubilla e Juan Francisco Galli. Il governo, però, ha risposto che quelle comunicazioni erano state cancellate durante il governo del presidente Sebastián Piñera. Nonostante le e-mail siano state cancellate, altri documenti raccolti dalla Procura mostrano che, dall’inizio delle contestazioni, le autorità hanno adottato misure per garantire la fornitura di attrezzature e munizioni ai Carabineros, nonostante le ripetute denunce di violazioni dei diritti umani, effettuate anche da organizzazioni internazionali. La prima azione coordinata tra diverse istituzioni statali in questo ambito è stata concepita il 23 ottobre, quando erano già 29 le persone con gravi traumi oculari. Quel giorno il direttore generale dei Carabineros, Mario Rozas, firmò una prima lettera ufficiale chiedendo la spedizione di migliaia di dispositivi chimici di dissuasione al ministro dell’Interno, Andrés Chadwick, chiedendo che gli fossero inviate dagli arsenali della Difesa circa cinquemila cartucce di gas lacrimogeni da 37 millimetri e un numero identico di granate CS. per “ continuare ad affrontare la contingenza”, visto che avevano terminato le precedenti. Due mesi dopo, il 27 dicembre 2019, Rozas ha chiesto al Ministero degli Affari Esteri, con copia all’Interno e allo Stato Maggiore dell’Aeronautica, di adottare misure per garantire l’importazione urgente di 20.000 cartucce calibro 12 dalla società CBC, con sede a Porto Alegre, Brasile. A partire da quella data, lo stesso Piñera aveva ammesso i fallimenti nell’applicazione dei protocolli di polizia , il numero di persone con lesioni agli occhi aveva superato le 350, secondo i registri dell’INDH, e i rapporti di Amnesty International e Human Rights Watch erano già pubblici. In un rapporto segreto che i Carabineros hanno consegnato al pubblico ministero il 5 novembre 2021, dopo sei mesi di elaborazione, i Carabineros hanno ammesso di aver scaricato 16.575 litri di liquido con irritante CS dai suoi lanciatori d’acqua, oltre ad aver utilizzato altri 9.434 chili di polvere CS nelle sue varie operazioni. A ciò si aggiunge l’uso di 1.857 aerosol con la stessa componente chimica. La documentazione ricevuta dal pm Ximena Chong contiene anche due libretti preparati appositamente da Famae per Carabineros, prima dell’epidemia sociale, sulle caratteristiche del prodotto CS LIQUID. Entrambe le forme avvertono che questo composto può influenzare il sistema nervoso e alla fine causare la morte. Vale a dire, la polizia in uniforme ha utilizzato un composto chimico su base generalizzata su cui un’altra istituzione pubblica ha espresso precedenti allerte. Un punto che l’indagine dovrebbe chiarire è se i funzionari dei Carabineros fossero a conoscenza delle conseguenze di un uso improprio di quest’arma.