venerdì27 Gennaio 2023
NEWS > 7 Novembre
DUEMILA22

Clima: rapporto Onu, gli ultimi otto anni i più caldi mai registrati

Gli ultimi otto anni sono stati i più caldi mai registrati. Lo afferma un nuovo rapporto delle Nazioni Unite, secondo...

IN QUESTO ARTICOLO

Gli ultimi otto anni sono stati i più caldi mai registrati. Lo afferma un nuovo rapporto delle Nazioni Unite, secondo cui il mondo è immerso nella crisi climatica. Il limite di 1,5°C concordato a livello internazionale per il riscaldamento globale è ora “appena a portata di mano”, ha affermato il rapporto, redatto dall’Organizzazione mondiale metereologica (WMO) delle Nazioni Unite, che mostra come i livelli record di gas serra nell’atmosfera stiano portando il livello del mare e lo scioglimento dei ghiacci a nuovi massimi, sovraccaricando il clima estremo dal Pakistan a Porto Rico. Il rapporto è stato reso noto nel giorno d’apertura in Egitto del vertice delle Nazioni Unite sul clima,  Cop27 , e quando il segretario generale delle Nazioni Unite Guterres ha avvertito che “il nostro pianeta è sulla buona strada per raggiungere punti di svolta che renderanno il caos climatico irreversibile”.  L’Organizzazione stima che la temperatura media globale nel 2022 sarà di circa 1,15°C al di sopra della media preindustriale (1850-1900), il che significa che ogni anno dal 2016 è stato uno dei più caldi mai registrati. Nel rapporto si legge che  anidride carbonica, metano e protossido di azoto sono a livelli record nell’atmosfera mentre le emissioni continuano.  Il livello del mare ora sta salendo due volte più velocemente rispetto a 30 anni fa e gli oceani sono più caldi che mai. I record di scioglimento dei ghiacciai nelle Alpi sono stati infranti nel 2022, con una perdita media di 4 metri di altezza.
Per la prima volta è stata registrata pioggia, non neve , sulla vetta della calotta glaciale della Groenlandia, alta 3.200 m.
L’area di ghiaccio marino antartico è scesa al livello più basso mai registrato, quasi 1 milione di km 2 al di sotto della media a lungo termine. Maggiore è il riscaldamento, si afferma nel rapporto, peggiori sono gli impatti, mentre i livelli di CO2 sono così elevati nell’atmosfera ora che l’obiettivo inferiore di 1,5°C dell’accordo di Parigi è a malapena a portata di mano. È già troppo tardi per molti ghiacciai e [l’innalzamento del livello del mare è una minaccia a lungo termine e grave per molti milioni di abitanti delle coste e stati bassi. Per Antonio Guterres “Le emissioni continuano a crescere a livelli record. Ciò significa che il nostro pianeta è sulla buona strada per raggiungere punti critici che renderanno il caos climatico irreversibile. Dobbiamo passare da punti di svolta a punti di svolta per la speranza”.  Una serie di rapporti recenti ha segnalato quanto sia vicino il pianeta alla catastrofe climatica, senza ” nessun percorso credibile per 1,5°C in atto” e l’attuale livello di azione destinato a non vedere un calo delle emissioni e un aumento della temperatura globale di un devastante 2,5°C.                                                      L’ aumento del riscaldamento globale sta rendendo il clima estremo più severo e più frequente in tutto il mondo. Il rapporto dell’Organizzazione mondiale metereologica ha evidenziato la siccità nell’Africa orientale, dove le precipitazioni sono state al di sotto della media per quattro stagioni consecutive, la più lunga in 40 anni. Circa 19 milioni di persone stanno soffrendo una crisi alimentare.

CONDIVIDI

Leggi Anche