sabato28 Gennaio 2023
NEWS > 14 Dicembre
DUEMILA22

FTX: Bankman-Fried resta in carcere nelle Bahamas

Sam Bankman-Fried, fondatore del fallito exchange di criptovalute FTX, resta in carcere dopo che un giudice delle Bahamas (dove  stato...

IN QUESTO ARTICOLO

Sam Bankman-Fried, fondatore del fallito exchange di criptovalute FTX, resta in carcere dopo che un giudice delle Bahamas (dove  stato arrestato nei giorni scorsi) gli ha negato la libertà su cauzione. Per le autorità statunitensi, Bankman-Fried ha messo a segno  “una delle più grandi frodi finanziarie nella storia degli Stati Uniti”.                                                                                                                                              A giudizio di Gary Gensler, presidente della Sec (la Security  ad Exchange Commission, che vigila sulle attività di borsa), l’ex capo della FTX ha costruito un “castello di carte sulla base dell’inganno”. Bankman-Fried ha anticipato che si opporrà alla richiesta di estradizione negli Stati Uniti.
Il magistrato capo delle Bahamas, JoyAnn Ferguson-Pratt , ha spiegato di avere negato la libertà su cauzione per il “grande” rischio di fuga,  ordinando che Bankman-Fried resti in custodia cautelare in un carcere fino all’8 febbraio.
Il mese scorso, FTX ha presentato istanza di fallimento negli Stati Uniti, impedendo in questo modo a molti suoi clienti di ritirare i propri fondi. Tra le accuse più gravi contro il signor Bankman-Fried c’è quella di aver utilizzato miliardi di dollari di fondi dei clienti per sostenere la sua società di trading di investimenti, Alameda.
Restano molti dubbi, secondo gli esperti, sul fatto che i clienti di FTX possano recuperare, alla fine della procedura fallimentare, quanto hanno depositato. Secondo alcuni analisti, alla fine potrebbero rientrare in possesso solo di una piccola frazione di quanto  hanno depositato.
Bankman-Fried deve affrontare otto accuse penali negli Stati Uniti, tra cui frode telematica, riciclaggio di denaro e cospirazione per frode, ma anche di violazione delle legge sul finanziamento della campagna elettorale. Deve anche difendersi da azioni civili, incluse quelle promosse da investitori che hanno immesso in FTX più di un miliardo di dollari.
Ieri, in una conferenza stampa, Damian Williams, il procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, ha descritto la frode di cui è accusato Bankman-Fried come una delle più grandi nella storia degli Stati Uniti. Oltre ad accusarlo di aver frodato finanziatori, investitori e clienti, Williams ha affermato che l’ex CEO di FTX ha utilizzato “decine di milioni” in guadagni illeciti per contributi elettorali illegali a democratici e repubblicani.
“Tutto questo denaro sporco è stato utilizzato al servizio del desiderio di Bankman-Fried di acquisire influenza bipartisan e influenzare la direzione della politica pubblica a Washington”, ha detto Williams.
In precedenti interviste ai media , il magnate delle criptovalute ha ammesso di aver commesso degli errori, ma ha negato l’intenzione di frodare i suoi clienti.

CONDIVIDI

Leggi Anche